Poliziotti francesi trascinano una migrante incinta giù dal treno

Poliziotti francesi trascinano una migrante incinta giù dal treno

Loading

Le immagini sono un esempio eclatante di come la polizia francese effettua i controlli dei documenti ai migranti che si trova sui treni. In un video girato a febbraio da alcuni studenti francesi e reso noto dal quotidiano Nice-Matin, si vede una squadra di agenti mentre trascina fuori da un treno una migrante incinta, prendendola per braccia e gambe dopo un energico controllo tra grida e proteste. La donna, scrive Nice-Matin, viaggiava con il marito e due figli piccoli su un convoglio proveniente da Ventimiglia ed è stata costretta a scendere a Mentone.

Tutto comincia quando una famiglia di migranti originari della Nigeria si rifiuta di mostrare i documenti agli agenti.«Dovete scendere, scendete!», gridano i poliziotti nel video a un uomo che risponde in inglese: «Perché mi arrestate? Sono con mia moglie, è incinta». L’uomo, scrive ancora Nice-Matin, si rifiuta di consegnare i documenti e gli agenti decidono di far scendere la famiglia a Mentone. La situazione degenera rapidamente tra le grida dell’uomo: «Non toccate mia moglie, è incinta!». La donna accusa un malore e viene quindi trascinata sulla banchina della stazione.

Le immagini sono state girate con il cellulare da tre studenti di Cannes che rientravano da un reportage a Ventimiglia proprio sulla situazione dei migranti al confine italo-francese. Anche i tre giovani sono stati controllati dalla polizia. Il video, girato a febbraio, era stato poi inviato all’Osservatorio nazionale sulle violenze della polizia. Il 27 marzo è finito su internet, scatenando polemiche e indignazione.

FONTE: IL MANIFESTO



Related Articles

Medici senza frontiere: in Libia «migranti malnutriti nei centri di detenzione»

Loading

«Aprendo la porta di una stanza usata in passato per stipare del cibo abbiamo trovato 31 persone chiuse a chiave

Nakba Day, esercito israeliano uccide due giovani palestinesi

Loading

Palestina. Ieri migliaia di palestinesi hanno commemorato, con manifestazioni e raduni, la Nakba, l’esilio che dura da 66 anni di milioni di profughi e la perdita della terra. Nuovo scontro tra Abu Mazen e Netanyahu

Messico. Le guardie chiudono tutto e abbandonano i migranti alle fiamme

Loading

Il presidente Lopez Obrador: inchiesta federale sul rogo che ha ucciso 38 persone. Due video diffusi sui social network inchiodano i responsabili della strage nel centro per migranti di Ciudad Juárez

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment