Poliziotti francesi trascinano una migrante incinta giù dal treno

Poliziotti francesi trascinano una migrante incinta giù dal treno

Le immagini sono un esempio eclatante di come la polizia francese effettua i controlli dei documenti ai migranti che si trova sui treni. In un video girato a febbraio da alcuni studenti francesi e reso noto dal quotidiano Nice-Matin, si vede una squadra di agenti mentre trascina fuori da un treno una migrante incinta, prendendola per braccia e gambe dopo un energico controllo tra grida e proteste. La donna, scrive Nice-Matin, viaggiava con il marito e due figli piccoli su un convoglio proveniente da Ventimiglia ed è stata costretta a scendere a Mentone.

Tutto comincia quando una famiglia di migranti originari della Nigeria si rifiuta di mostrare i documenti agli agenti.«Dovete scendere, scendete!», gridano i poliziotti nel video a un uomo che risponde in inglese: «Perché mi arrestate? Sono con mia moglie, è incinta». L’uomo, scrive ancora Nice-Matin, si rifiuta di consegnare i documenti e gli agenti decidono di far scendere la famiglia a Mentone. La situazione degenera rapidamente tra le grida dell’uomo: «Non toccate mia moglie, è incinta!». La donna accusa un malore e viene quindi trascinata sulla banchina della stazione.

Le immagini sono state girate con il cellulare da tre studenti di Cannes che rientravano da un reportage a Ventimiglia proprio sulla situazione dei migranti al confine italo-francese. Anche i tre giovani sono stati controllati dalla polizia. Il video, girato a febbraio, era stato poi inviato all’Osservatorio nazionale sulle violenze della polizia. Il 27 marzo è finito su internet, scatenando polemiche e indignazione.

FONTE: IL MANIFESTO



Related Articles

Barcone soccorso a sud Lampedusa, ci sarebbero dei morti a bordo

Gommone nel CAnale di Sicilia, 5 migranti morti a bordo 

AGRIGENTO – Sono cinque i cadaveri che erano su un gommone soccorso nel Canale di Sicilia, in acque di competenza libica, dalle unita’ italiane di Guardia Costiera e Guardia di Finanza. Lo ha confermato la centrale operativa delle Capitanerie di porto di Roma.

Riace. Trasferiti i migranti, il ministero strumentalizza una lettera del vicesindaco

Accoglienza. Gervasi scrive al Viminale su input di carabinieri e funzionari Sprar, poi corregge il tiro: «Serviva per velocizzare le pratiche e io l’ho fatto. Forse ho commesso una leggerezza»

Myanmar, un militare al potere dopo le dimissioni del presidente

Il presidente del Myanmar, il settantaduenne U Htin Kyaw, il primo capo dello Stato civile dopo la lunga parentesi militare iniziata nel 1962, si è dimesso

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment