Rischi di crisi in Germania sui migranti. Merkel-Seehofer, ultimo atto

Rischi di crisi in Germania sui migranti. Merkel-Seehofer, ultimo atto

Berlino. La giornata più lunga, per Angela Merkel, finisce con una notizia scioccante. Alle 11 di sera Horst Seehofer offre alla Csu le sue dimissioni da ministro dell’Interno e da capo del partito, dopo una drammatica riunione durata otto ore. Poco dopo i vertici ristretti si riuniscono per convincerlo a non mollare, in testa il falco Alexander Dobrindt. Secondo indiscrezioni, Seehofer non si sarebbe sentito abbastanza appoggiato dal partito e, a notte fonda, ancora non si capisce se questa crisi sfocerà nella fine del governo Merkel. Ma quando il vicecancelliere Olaf Scholz, già in serata, parla di una crisi «incomprensibile » , esprime probabilmente lo stato d’animo di un Paese intero.

La mattina comincia con un intervento di Volker Bouffier, diventato in questi giorni drammatici un pontiere instancabile tra Horst Seehofer e Angela Merkel. All’inizio di una giornata ricca di colpi di scena, il navigato politico cristianodemocratico scuote la testa all’idea che il destino del governo possa dipendere da una parola, wirkungsgleich, « equivalente » . E aggiunge: « L’Europa è andata avanti come non mai, anche grazie alla Csu». La guerra tra la cancelliera e il suo ministro dell’Interno ruota intorno all’idea che i risultati del vertice Ue possano essere o meno « equivalenti » alla chiusura delle frontiere minacciata da Seehofer.
Alle due del pomeriggio, la risposta di Merkel è “sì”, le decisioni che lei è riuscita a strappare ai partner europei sono efficaci almeno quanto la blindatura dei confini. La cancelliera ammette anche, nella tradizionale “ intervista estiva” alla Zdf, di non essere riuscita a fare un accordo con l’Italia, il Paese da cui proviene la maggior parte dei profughi: «Per ora non era possibile, il primo ministro italiano ha spiegato che l’Italia si è sentita piantata in asso da molti, per anni » . E la cancelliera insiste: « Non vogliamo tagliare i ponti » con la Csu.
Ma poco dopo, dalla riunione a porte chiuse della Csu a Monaco, arriva la prima doccia fredda. Seehofer dichiara che i risultati di Merkel non sono affatto wirkungsgleich, e che non lo convince neanche l’idea di portare i profughi che provengano dai Paesi con cui la cancelliera ha stretto un patto sui respingimenti, nei “ centri di ancoraggio”. Anche perché mancano gli accordi con due Paesi cruciali: Italia e Austria. Il ministro dell’Interno insiste: occorre respingerli direttamente al confine. Il suo verdetto è che il Consiglio Ue sia stato «insoddisfacente », persino che le conclusioni produrranno « più migranti » . E nel faccia a faccia della sera prima alla Cancelleria, Seehofer sostiene di essersi scontrato con una Merkel « che non era disposta a muoversi di un millimetro».
Quando la notizia delle durissime reazioni di Seehofer raggiungono la Cdu, lo shock è enorme. E quasi tutti si stringono intorno alla cancelliera, nella riunione che si svolge a Berlino nelle stesse ore. Secondo indiscrezioni, l’eterno rivale Jens Spahn le chiede comunque di fare un passo verso i bavaresi. Ma l’idea di non cedere sui respingimenti ai confini finché non si siano trovati accordi specifici con i partner europei, è unanime. E durante quella riunione, Merkel tira una linea rossa: se passa la linea della chiusura dei confini di Seehofer «non posso più farmi vedere in Europa». Unico spiraglio: la discussione della Csu va per le lunghe, la conferenza stampa di Seehofer slitta dalle sei alle undici di sera e poi viene ancora rimandata. E i rumors riferiscono di scontri tra Seehofer con il capogruppo del Partito popolare europeo ( Ppe) Manfred Weber e il ministro per la Cooperazione Gerd Mueller e altri esponenti Csu più dialoganti. E convinti della necessità di dover salvare un’alleanza vecchia di decenni, ma anche il governo e la stabilità del Paese.
In serata arriva anche la disponibilità della capogruppo dei Verdi, Goering- Eckardt, a « dialogare » , se Merkel fosse in bilico. Anche se sarà difficile conciliare i Verdi con una Cdu estremamente convinta del nuovo corso, iper restrittivo, sui profughi.

Fonte: Tonia Mastrobuoni, LA REPUBBLICA



Related Articles

«Meno tasse per tutti, tranne i ricchi»

La sfida di Obama: manteniamo gli sconti di Bush solo per la classe media

La polizia ha ucciso un senzatetto a Los Angeles

E c’è un video che mostra cosa è successo e farà parlare di nuovo dei metodi della polizia americana

Sekine ammazzato tra le baracche

Rosarno. Il giovane bracciante maliano avrebbe ferito un carabiniere, che poi per difendersi gli ha sparato all’addome. La vita durissima dei raccoglitori nella tendopoli di San Ferdinando, le nuove leggi non bastano

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment