Ieri a a Roma la Women’s march contro la violenza

Ieri a a Roma la Women’s march contro la violenza

“Neoliberismo, sfruttamento, violenza: sono tutti sinonimi del patriarcato”. In tante si sono trovate ieri in piazza Santi Apostoli a Roma per il terzo anno della Women’s march che nella capitale, come nel mondo, catalizza associazioni, comunità e gruppi di donne (e uomini) che intendono dire no al sopruso vorace di una politica machista e coercitiva. A Roma presente anche la Casa internazionale delle Donne, insieme alla rete dei centri antiviolenza Di.Re. che, sostengono questa marcia della libertà femminile contro ogni forma di razzismo, sessismo e neofascismo. Elizabeth Farren, organizzatrice e parte della women’s march global, presente in piazza insieme a Loretta Bondi della Casa internazionale di Roma e molte altre che, quotidianamente e capillarmente, lavorano sui territori. In particolare le donne dei centri antiviolenza che, non lo si ripeterà mai abbastanza, fanno un lavoro imprescindibile accanto a chi decide di intraprendere un percorso di fuoriuscita dalla violenza e che pur tuttavia non vengono sostenute abbastanza da un punto di vista economico.

Nel 2017, dopo l’elezione di Donald Trump, negli Stati Uniti è stata organizzata la prima Women’s March che ha raccolto milioni di donne rappresentando una forma generativa di politica. Se in queste ore, al netto delle polemiche –  da approfondire e verificare nei loro punti poco chiari – riguardo le accuse di antisemitismo che alcune organizzatrici hanno ricevuto, ancora molte donne si ritrovano nelle strade del mondo a dire no alla violenza neoliberista e patriarcale, è segno che nei tempi impietosi che il mondo attraversa, la parola delle donne diventa azione immediata con un protagonismo di eccezionale e impareggiabile forza.

*

Nel sito ufficiale della Women’s march, la mappa di tutte le “manifestazioni sorelle”

* Fonte: Alessandra Pigliaru, IL MANIFESTO



Related Articles

Il Muro dell’Est

I quattro Paesi di Visegrád seguono Orbán Progettano una barriera e sfidano Berlino

Il ritorno di Karl Marx nel cuore di Wall Street

    NON sappiamo ancora se i manifestanti del movimento Occupy Wall Street imprimeranno una svolta all’America. Di certo, le proteste hanno provocato una reazione incredibilmente isterica da parte di Wall Street, dei super ricchi in generale.

Nel secondo anniversario, cento piazze per Regeni e le verità del pm Pignatone

 Borse di studio intitolate al ricercatore assassinato in Egitto, messaggi per ricordarlo anche da Gentiloni e Boldrini

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment