Ieri a a Roma la Women’s march contro la violenza

Ieri a a Roma la Women’s march  contro la violenza

“Neoliberismo, sfruttamento, violenza: sono tutti sinonimi del patriarcato”. In tante si sono trovate ieri in piazza Santi Apostoli a Roma per il terzo anno della Women’s march che nella capitale, come nel mondo, catalizza associazioni, comunità e gruppi di donne (e uomini) che intendono dire no al sopruso vorace di una politica machista e coercitiva. A Roma presente anche la Casa internazionale delle Donne, insieme alla rete dei centri antiviolenza Di.Re. che, sostengono questa marcia della libertà femminile contro ogni forma di razzismo, sessismo e neofascismo. Elizabeth Farren, organizzatrice e parte della women’s march global, presente in piazza insieme a Loretta Bondi della Casa internazionale di Roma e molte altre che, quotidianamente e capillarmente, lavorano sui territori. In particolare le donne dei centri antiviolenza che, non lo si ripeterà mai abbastanza, fanno un lavoro imprescindibile accanto a chi decide di intraprendere un percorso di fuoriuscita dalla violenza e che pur tuttavia non vengono sostenute abbastanza da un punto di vista economico.

Nel 2017, dopo l’elezione di Donald Trump, negli Stati Uniti è stata organizzata la prima Women’s March che ha raccolto milioni di donne rappresentando una forma generativa di politica. Se in queste ore, al netto delle polemiche –  da approfondire e verificare nei loro punti poco chiari – riguardo le accuse di antisemitismo che alcune organizzatrici hanno ricevuto, ancora molte donne si ritrovano nelle strade del mondo a dire no alla violenza neoliberista e patriarcale, è segno che nei tempi impietosi che il mondo attraversa, la parola delle donne diventa azione immediata con un protagonismo di eccezionale e impareggiabile forza.

*

Nel sito ufficiale della Women’s march, la mappa di tutte le “manifestazioni sorelle”

* Fonte: Alessandra Pigliaru, IL MANIFESTO



Related Articles

La riforma dell’università  spiegata ai non addetti ai lavori

L’impianto della riforma dell’università  è in linea di principio coerente e razionale. Tuttavia nel testo mancano spesso dettagli importanti per valutare l’efficacia concreta delle disposizioni. Così come molte volte non è indicata o sembra eccessivamente limitata l’entità  delle risorse per realizzarle. I meccanismi per la valutazione o l’incentivazione della qualità  sembrano eccessivamente dirigistici. Si tratta di limiti che in larga parte dipendono dalla scelta di fondo fatta dalla legge: regolamentare invece di responsabilizzare.

Il Consiglio d’Europa: «Sotto attacco in Ungheria i diritti di donne e richiedenti asilo»

Il rapporto della commissaria dei diritti umani Mijatovic scandaglia a 360 gradi le politiche del governo magiaro su migranti, ong e donne

Scuola, il pasticcio dei fondi per combattere la dispersione

Dal ministero più soldi alle Regioni dove l’emergenza è minore. Il pd Faraone: “Assurdo, così si allarga il divario tra Nord e Sud”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment