Caso Cucchi. Pestaggio e depistaggio, arriva la verità

 Il carabiniere Tedesco denuncia in Corte d’Assise i suoi coimputati e gli insabbiamenti. Conte: il ministero della Difesa parte civile

Eleonora Martini * • 9/4/2019 • Carcere & Giustizia • 186 Viste

Non passeranno una Pasqua tranquilla, gli otto carabinieri indagati dal pm Giovanni Musarò per l’insabbiamento e il depistaggio della verità sulla morte di Stefano Cucchi. Entro la settimana prossima, infatti, la procura di Roma depositerà la richiesta di rinvio a giudizio per i componenti della catena di comando dell’Arma, tra i quali il generale Alessandro Casarsa, responsabile secondo gli inquirenti di quel «muro insormontabile» di cui ha parlato ieri in udienza il vicebrigadiere Francesco Tedesco, imputato e testimone chiave del processo bis.

Davanti alla I Corte d’Assise, il militare che il 15 ottobre 2009 arrestò il giovane geometra romano, morto una settimana dopo all’ospedale Pertini, ha ripetuto quanto già ammesso negli interrogatori del pm e sottoscritto in una denuncia presentata in procura il 20 giugno 2018. Ha confermato tutto, parola per parola.

Dal violento pestaggio avvenuto nella stanzetta del fotosegnalamento della caserma Casilina, dove i suoi commilitoni e coimputati Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro infierirono sull’inerme Stefano Cucchi perfino con un calcio in faccia anche quando era già caduto in terra, dopo i primi calci e schiaffi, sbattendo violentemente il coccige e la testa. Fino alla scomparsa dell’annotazione di servizio con la quale, dopo aver saputo della morte dell’arrestato, aveva deciso di denunciare tutto ai suoi superiori.

E soprattutto ha raccontato dei verbali fatti modificare per ordine superiore, delle minacce subite, del mobbing continuo, delle umiliazioni. «Non ho parlato in tutti questi anni – ha affermato Tedesco prima di rispondere alle domande, chiedendo scusa alla famiglia Cucchi e ai poliziotti penitenziari ingiustamente accusati nel precedente processo (ma dei quali non ricorda il nome) – perché avevo paura, stavo male ma per me era un muro insormontabile».

Un monolite che ha cominciato a sgretolarsi quando Tedesco ha preso coraggio, ispirato dai carabinieri Riccardo Casamassima e sua moglie Maria Rosati, che denunciarono per primi il pestaggio, del quale avevano sentito parlare in caserma. Ma solo successivamente, il vicebrigadiere imputato decise di svuotare il sacco: «Mi ha colpito molto la lettura del mio capo d’imputazione (che lo accusa di omicidio preterintenzionale, ndr) perché descrive i fatti come sono avvenuti, e perché stabilisce il nesso tra il pestaggio e la morte di Cucchi». Spiega Tedesco che in precedenza invece si era fatto «condizionare dei media» e aveva creduto che Stefano fosse stato pestato in un secondo momento anche dalla polizia penitenziaria.

Di sicuro ieri il militare appariva a tutti molto più rilassato del solito, probabilmente anche grazie alla promessa fatta dal generale Giovanni Nistri alla famiglia Cucchi quando, un mese fa (ma la notizia è stata data solo ieri a Repubblica), nel far recapitare loro una lettera di solidarietà e di condivisione della richiesta di verità e giustizia, il comandante generale ha assicurato che l’Arma si costituirà parte civile al processo, nel caso se ne riscontrino le condizioni.

E ieri sera, finita l’udienza forse più importante del processo che si sta celebrando ai primi cinque carabinieri imputati, il premier Giuseppe Conte, precisando di parlare «a nome del governo», ha riferito che il Ministero della Difesa «è favorevole a costituirsi parte civile». Mentre il ministro Luigi Di Maio ha ringraziato il generale Nistri «per il suo gesto».

Troppo vergognosa, infatti, per le istituzioni dello Stato, la verità che è emersa ieri per la prima volta in un’Aula di tribunale, dopo quasi dieci anni non solo di depistaggi ma anche di macchina del fango contro la figura di Stefano Cucchi e la sua famiglia. Non è vero, per esempio, che il giovane arrestato per spaccio in via Lemonia fu aggressivo con i carabinieri: «Quando con Di Bernardo iniziarono a battibeccare Stefano fece il gesto di dargli uno schiaffo, ma solo il gesto, tipo scacciare una mosca», racconta Tedesco. E ancora: «Se non li avessi fermati avrebbero continuato a pestarlo, D’Alessandro stava già per partire con il secondo calcio quando io gli ho dato una spinta». Se ce ne siano stati altri, di pestaggi, Tedesco non lo sa, perché tornati alla caserma Appia, il carabiniere ha perso di vista per un po’ il ragazzo.

Dopo le violenze Cucchi non parla, «si tira il cappuccio sulla testa» e tace. «Io ero sotto shock e lui peggio di me». «Ho chiamato il maresciallo Mandolini (in quel frangente comandante della caserma Appia, oggi imputato per falso, ndr) e gli ho raccontato tutto». Ma «D’Alessandro e Di Bernardo erano i pupilli di Mandolini, tanto che consentiva loro di uscire in borghese e fare arresti anche con la loro auto personale». E infatti il comandante della stazione Appia, che secondo Tedesco era tanto potente e «aveva molti contatti in Vaticano», gli ordina di firmare un «verbale di arresto già redatto» (dove non c’è scritto del mancato fotosegnalamento) poche ore prima di portare Cucchi in tribunale per l’udienza di convalida del fermo.

Non solo: nei giorni successivi – dopo che la nuova annotazione di servizio di Tedesco contenente la verità era sparita dall’archivio della caserma, e il numero di protocollo relativo era stato cancellato – Mandolini gli fa sentire la sua pressione. Davanti a lui «come se non esistessi, ordina di correggere le annotazioni dei carabinieri di Tor Sapienza», riferisce il teste.

«Ho saputo – aggiunge – che D’Alessandro e Di Bernardo sono stati ascoltati da un alto grado gerarchico, io non sono mai stato convocato». E soprattutto, quando, il 7 novembre 2009, viene richiamato urgentemente da un breve periodo di ferie perché doveva essere di nuovo sentito dall’allora pm Vincenzo Barba, Tedesco chiede a Mandolini come avrebbe dovuto comportarsi, e si sente rispondere: «Tu devi seguire la linea dell’Arma, se vuoi continuare a fare il carabiniere».

* Fonte: Eleonora Martini, IL MANIFESTO

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This