Elezioni europee 2019. Dieci milioni di voti fermati dallo sbarramento

Elezioni europee 2019. Dieci milioni di voti fermati dallo sbarramento

Loading

Voti a perdere. Sono circa dieci milioni gli elettori europei che sono andati regolarmente al seggio tra giovedì e domenica, ma che hanno scelto una lista esclusa dal conteggio per la distribuzione dei seggi a causa delle soglie di sbarramento esplicite.

Su ventotto, sono tredici i paesi dove sono previsti sbarramenti. In otto paesi (Croazia, Romania, Ungheria, Slovacchia, Polonia, Lituania, Lettonia, Repubblica ceca) la soglia è fissata al 5%, in tre (Svezia, Italia e Austria) al 4%, in uno (Grecia) al 3% mentre a Cipro è prevista una soglia più bassa e con un diverso sistema di calcolo.

In Italia le liste escluse sono undici, nell’insieme hanno raccolto oltre due milioni e mezzo di voti. Questa volta nessuna lista si è avvicinata all’asticella del 4% come successe a Fratelli d’Italia 5 anni fa: la lista migliore tra quelle sotto lo sbarramento è stata +Europa ferma comunque al 3.09%.

Non è andata così in altri paesi europei, ad esempio in Slovacchia o in Polonia o in Lettonia, dove la soglia è più alta (5%) e alcune liste non sono riuscite a superarla per un soffio. Il record della sfortuna va a un partito lettone che in italiano potrebbe chiamarsi «associazione delle regioni lettoni» che si è fermato al 4,98% mancando l’ingresso all’europarlamento per qualcosa come ottomila voti.

Tra i tre paesi che hanno la soglia al 3% l’Italia ha però il record della dispersione, nell’insieme tra +Europa, Verdi, Sinistra, Comunisti e altre liste minori (comprese le due neofasciste fagocitate dalla Lega) è andato perduto il 10% dei consensi regolarmente espressi. In Svezia e in Austria questa dispersione arriva al massimo al 2,5%.

Dalle prossime elezioni europee, in base alla decisione del Consiglio europeo 994 del 2018, tutti gli stati che eleggono più di 35 eurodeputati – compresi quindi grandi paesi come Francia, Germania e Spagna – dovranno prevedere una soglia di sbarramento tra il 2% al 5%.

* Fonte: Andrea Fabozzi, IL MANIFESTO

 

Foto di Dimitris Vetsikas da Pixabay



Related Articles

Migranti in Libia: «Situazione drammatica», dice Sami dell’Unhcr

Loading

Carlotta Sami, Unhcr. I trafficanti stanno cercando nuove rotte, ma nel frattempo i migranti sono abbandonati. L’Europa deve prenderne subito almeno 40 mila

Regno Unito, arriva il giorno X: il 29 marzo via alla Brexit

Loading

Articolo 50. Mercoledì prossimo Theresa May avvierà il recesso volontario e unilaterale dall’Ue, poi partiranno i negoziati con Bruxelles

L’antipolitica già  al potere

Loading

Ci sarà  un esito antipolitico alla crisi italiana? La furiosa contestazione delle élites di solito apre le danze, mobilitando chi invoca spazi nuovi di agire sociale liberati dagli apparati logori.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment