Il virus contro i diritti: pandemia e capitalismo delle catastrofi

Il virus contro i diritti: pandemia e capitalismo delle catastrofi

Il virus contro i diritti: è questo il titolo scelto per il Rapporto sui Diritti Globali 2020, a evidenziare quanto numerosi governi abbiano profittato della pandemia, e delle necessarie misure di prevenzione e contenimento, per accentrare i poteri e deresponsabilizzare i parlamenti, per ridurre gli spazi democratici e comprimere il dissenso, per penalizzare ulteriormente interi segmenti sociali. I dati sulle diseguaglianze sono inequivocabili e dovrebbero preoccupare. Mentre la povertà e la perdita di reddito e lavoro colpiscono milioni e milioni di persone, trascinando sempre più in basso anche i ceti medi, cresce l’accumulo di ricchezza nelle mani di quanti siedono stabilmente in cima alla piramide sociale. Le multinazionali, e in particolare quelle delle piattaforme digitali, hanno visto ancor di più aumentati i propri profitti. Amazon, ad esempio, nel terzo trimestre del 2020 ha triplicato l’utile, mentre continua a ostacolare l’attività sindacale dei propri dipendenti, già messi a rischio per salute e sicurezza dalle condizioni di lavoro loro imposte durante la pandemia.
Mortalità e contagi hanno colpito in maniera e misura diversa nei quartieri benestanti e nelle periferie. I processi di smantellamento e privatizzazione dei servizi pubblici, in corso da decenni, hanno mostrato ora i propri micidiali effetti.

Il “capitalismo delle catastrofi” e della “shock economy” ha una consolidata capacità nell’usare le emergenze e i disastri da esso stesso provocati, per accumulare ancora maggiori profitti e potere, a discapito dei diritti sociali, ambientali ed economici. Lo sta efficacemente facendo anche nella pandemia in corso, che si può considerare un ulteriore e drammatico capitolo di quella “lotta di classe dall’alto”, di cui parlava il compianto Luciano Gallino.
Ma i diritti maggiormente vulnerati non sono solo quelli economici e sociali. Guerre, discriminazioni, crimini umanitari, crisi ambientale: sono tanti e interconnessi i fronti analizzati e documentati nella 18a edizione del Rapporto sui Diritti Globali. Che diventa internazionale, con l’edizione principale pubblicata in lingua inglese e diffusa anche in Europa, e non solo, e che documenta e analizza anche lo Stato dell’impunità nel mondo, come recita la copertina. La questione dell’impunità è infatti oggi più centrale, nella misura in cui la crisi del multilateralismo ha determinato un indebolimento del diritto internazionale e dei suoi strumenti.
Si tratta di ristabilire a livello globale regole e istituti democratici capaci di tutelare i più deboli, le vittime dei crimini, le popolazioni e le comunità sottoposte all’aggressione e alla minaccia di quei poteri multinazionali irresponsabili e rapaci – privati e statali – che in questi decenni hanno condotto il pianeta, e chi lo abita, vicino a un punto di non ritorno ambientale e di collasso umanitario.

Per noi questo significa globalizzare i diritti: costruire un diverso futuro di giustizia ecologica, sociale, economica.

 

* Fonte: sergio segio, gruppoabele.org



Related Articles

“Appeso al soffitto a testa in giù” Torture, conversioni forzate la vita e l’orrore degli ostaggi rinchiusi nelle prigioni dell’Is

I detenuti venivano divisi in base alla disponibilità dei loro governi a trattare: statunitensi e britannici da una parte, europei dall’altra. La ricostruzione del quotidiano “New York Times” dal rapimento sino al rilascio o all’esecuzione

Arrestato per abusi il cappellano di San Vittore

Milano, regali ai carcerati in cambio di prestazioni sessuali. La curia: “Sconvolti”  

Venti di guerra in Vietnam

Storie. Le recenti tensioni militari con la Cina hanno fatto da sfondo alla visita del premier Matteo Renzi. Una crisi orginata dalla infltazioni di Pechino in territorio vietnamita e che ha allertato Usa e Ue

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment