Corte penale internazionale: indagare Israele per crimini di guerra

Corte penale internazionale: indagare Israele per crimini di guerra

La Corte penale internazionale dell’Aia ha approvato ieri la richiesta del procuratore Fatou Bensouda di aprire una indagine formale contro Israele – e contro il movimento islamico Hamas – per crimini di guerra. I palestinesi hanno accolto con grande soddisfazione il riconoscimento, contro il parere di Israele, della giurisdizione della Corte nei loro territori sotto occupazione militare. Bensouda nel 2019 ha scritto che «c’è motivo per credere che crimini di guerra siano stati commessi nel contesto delle ostilità del 2014 a Gaza», riferendosi all’offensiva Margine di Protezione, che le forze israeliane abbiano lanciato «intenzionalmente attacchi sproporzionati» e che le autorità israeliane abbiano commesso crimini «trasferendo civili (i coloni, ndr) in Cisgiordania».

* Fonte: Michele Giorgio, il manifesto

 

ph by International Criminal Court



Related Articles

Giornata dell’8 marzo. Violenza sulle donne, tutte le carenze italiane

8 marzo. La Rete DiRe lancia una campagna lunga un anno per arrivare alla concreta applicazione della Convenzione di Istanbul. Un rapporto del Consiglio d’Europa elenca le questioni urgenti

L’uomo che per Obama seguì il caso Regeni: “Ordinai agli 007: aiutate gli italiani”

La fonte del Nyt: “Le informazioni arrivarono alla vostra intelligence Era chiaro che il delitto fu voluto dai servizi egiziani e che i vertici del regime sapevano”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment