Stati Uniti. Lo storico Ilan Pappe interrogato dall’Fbi

Stati Uniti. Lo storico Ilan Pappe interrogato dall’Fbi

Loading

Lo storico israeliano fermato per due ore all’aeroporto di Detroit. Tra le domande degli agenti, anche se considerasse genocidio l’attacco a Gaza

 

Lo storico israeliano Ilan Pappe lunedì scorso è stato interrogato per due ore dall’Fbi al suo arrivo negli Stati uniti all’aeroporto di Detroit. «Non erano rudi, ma le loro domande erano fuori dal mondo», ha scritto in un post su Facebook.

Gli agenti hanno chiesto a Pappe se fosse o meno un sostenitore di Hamas e se considerasse genocidio l’offensiva israeliana in corso contro Gaza. Alla fine «hanno avuto una lunga conversazione al telefono con qualcuno (israeliani?) e dopo aver copiato tutto quello che c’era nel mio telefono mi hanno autorizzato a entrare».

Nel suo post Pappe ha citato il trattamento subito dal medico britannico-palestinese Ghassan Abu Sitta, cacciato dalla Germania e sottoposto a un divieto di ingresso di un anno in Europa (poi revocato da una corte amministrativa tedesca».

Il 15 maggio ad al Jazeera Pappe, noto per le sue ricerche sulla Nakba, aveva denunciato il ruolo dei paesi occidentali: «Nel 1948 non c’era la televisione né gli smartphone. Era facile coprire la Nakba, la pulizia etnica. Credo che il livello di diniego oggi sia molto più sinistro e indecente».

* Fonte/autore: il manifesto

 

 

ph by L.Willms, CC BY-SA 3.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0>, via Wikimedia Commons



Related Articles

Con Music For Peace cento tonnellate di aiuti a Gaza

Loading

Palestina. La missione italiana nella Striscia devastata dai raid israeliani

Dopo Berlino. Un mondo di muri e di frontiere

Loading

Dalla Guerra fredda alla guerra contro poveri e migranti. Il Muro di Berlino era lungo 165 chilometri, quello tra Stati Uniti e Messico 1.200. Nelle città crescono muri a separare ricchi dai poveri, realizzando sistemi di apartheid urbano

Monsieur Hol­lande à la guerre

Loading

La Francia interviene nei cieli siriani, prima aerei di ricognizione, poi attacchi. E’ una svolta. Svolta anche sui rifugiati: sfidando i sondaggi, tutti contrari, Hollande annuncia l’accoglienza di 24mila profughi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment