Ucraina. Bruxelles vuole Kiev nell’Ue, ma dietro l’angolo c’è Orbán

Ucraina. Bruxelles vuole Kiev nell’Ue, ma dietro l’angolo c’è Orbán

Loading

Gran parte degli stati membri intende avviare i negoziati per l’adesione di Ucraina e Moldavia entro il 30 giugno prossimo, ma il governo Orbán risulta essere un ostacolo alle iniziative che vengono adottate a favore di Kiev 

L’ultimo episodio, menzionato da Europa Today dello scorso 29 maggio, è relativo al blocco ai finanziamenti da 6,5 miliardi di euro che l’Ue ha promesso a Kiev. Questo nuovo veto avrebbe irritato considerevolmente la maggior parte dei governi dell’Unione. Secondo il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis, citato sempre da Europa Today, il 41% delle decisioni congiunte dell’Ue, riguardanti l’Ucraina, è stato bloccato da Budapest.

LA REDAZIONE CONSIGLIA:

Lo spettro di Putin sul voto europeo, l’Ue scossa dal Russiagate 2

Questo scenario desta molta preoccupazione all’interno dell’Ue per i progetti riguardanti il futuro e per il rapporto con Kiev. Di conseguenza c’è apprensione a Bruxelles al pensiero che tra luglio e dicembre l’Ungheria avrà la presidenza di turno del Consiglio degli Stati membri. Più precisamente, il timore è dovuto al fatto che in quella veste Orbán avrà maggiori opportunità di ostacolare i processi concepiti da Bruxelles a favore dell’Ucraina (compresi i negoziati di adesione) e contro la Russia.

Ecco il motivo della fretta di dar luogo ai negoziati di cui sopra e di superare l’opposizione ungherese e probabilmente anche quella slovacca, viste le convergenze tra Bratislava e Budapest. Il problema non è solo politico, anche perché per lo svolgimento del processo di adesione è necessario che l’Ucraina realizzi diverse riforme; tra esse vi è quella riguardante la tutela delle minoranze nazionali e linguistiche cui Orbán tiene molto; tanto più che il paese in guerra è sede di una minoranza ungherese che da tempo è motivo di contrasti fra il governo di Kiev e quello ungherese del Fidesz.

LA REDAZIONE CONSIGLIA:

Fuori dall’Oktoberfest il nazi-remix della canzone di Gigi D’Agostino

Insomma, diversi stati membri vorrebbero avviare i negoziati prima della fine di giugno ma su questo a Bruxelles non c’è troppo ottimismo, e lo scenario è complesso.

Orbán, si diceva, è una spina nel fianco dell’Ue, lo era prima dello scoppio della guerra, continua ad esserlo e a seguire una linea che confligge con quella dell’Unione sul versante ucraino, a oltre due anni dall’inizio del conflitto. Un conflitto che ha dimostrato di non avere negoziatori e di non trovare chi, ai vertici Ue, voglia veramente far cessare la voce delle armi. Di recente il primo ministro ungherese ha dichiarato che a Bruxelles sono in corso i preparativi per l’entrata in guerra dell’Europa.

Citato dall’agenzia di stampa ungherese Mti, Orbán avrebbe precisato che a Bruxelles vi sono dei gruppi di lavoro che stanno operando per far sì che la Nato possa partecipare alla guerra russo-ucraina. In un video pubblicato sul sito del quotidiano conservatore Magyar Nemzet, che afferma la sua vicinanza al governo Orbán, Tamás Menczer, responsabile della comunicazione del Fidesz-Kdnp, ha affermato, tra le altre cose, che “questa non è la nostra guerra”, e ha espresso l’auspicio che “il 9 giugno venga presa la decisione giusta”. Purtroppo, però, come insegnano Ucraina e Gaza, la pace, tra Bruxelles e Washington, non ha molti promotori e sostenitori. Purtroppo!

* Fonte/autore: Massimo Congiu, il manifesto



Related Articles

Rohani, il moderato che infiamma Teheran “Basta sanzioni, cammineremo atesta alta”

Loading

 Khamenei dà l’incarico al nuovo presidente che vuole aprire l’Iran al mondo  

Bce, Draghi nominato presidente Bini Smaghi: lascio entro l’anno

Loading

Berlusconi: tre nomi per il vertice di Bankitalia. Il premier: è un grande successo del governo. E Napolitano interviene: non è il caso di prendersi meriti 

Irlanda, si dissolve il Labour

Loading

Elezioni. Verso un governo di minoranza. Bocciate le politiche di austerità, Fine Gael sotto i 50 seggi. Sinn Féin dice no a possibili coalizioni con il centrodestra

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment