«Immatura» , bocciata a sei anni

MILANO — «Non ha raggiunto gli obiettivi minimi stabiliti nei vari ambiti disciplinari» . Traduzione: bocciata. Ma in prima elementare. Ischia. Il 10 giugno scorso, giorno del ritiro delle pagelle, Maria, impiegata nel servizio civico del Comune di Forio e suo marito Salvatore, senza un lavoro fisso, hanno appreso che la figlia non è stata ammessa alla classe successiva. Perché «non è in grado di scrivere o leggere» e «presenta consistenti difficoltà  nei processi logico-matematici» , si legge sul resoconto scolastico.
La bambina avrà  sette anni a fine settembre, è bionda e ha gli occhi azzurri. Ha capito che non sarà  più in classe con i suoi vecchi compagni, che non frequenterà  la seconda ma non lo vuole ammettere. «Si è chiusa in se stessa. Si rifiuta di parlarne e ha “giurato”che non andrà  più a scuola » , racconta la mamma. Magari cambierà  idea. Una decisione «assolutamente inaspettata» per i genitori: «Alla fine del primo quadrimestre è stata valutata insufficiente in italiano e inmatematica — continua il padre —. Presentava delle difficoltà  ma non è stata seguita e aiutata adeguatamente dai suoi insegnanti. E poi, esistono “obiettivi minimi”in prima elementare? È un momento delicato, il primo distacco del bimbo dai genitori, dove indossare un grembiulino può rappresentare un trauma» . A febbraio i docenti hanno chiesto alla madre dell’alunna di farla visitare da un neuropsicologo perché si stava «inserendo con difficoltà  nel tessuto sociale della classe» e «faticava a seguire le attività  comuni» .
Il medico dell’Asl Napoli 2 responsabile del servizio Materna infantile ha dichiarato che la piccola non presentava nessuna anomalia, che tutto era nella norma. E così, non è stata inserita «nel gruppo H» , quello seguito da un insegnante di sostegno. Il ricorso al Tar è d’obbligo per mamma Maria: «Ho parlato più volte con le maestre, un giorno quella di italiano mi ha cacciata bruscamente dalla classe perché avevo chiesto di mettere mia figlia al primo banco e non nelle retrovie accanto ai compagni più biricchini. All’inizio la bambina ci andava con piacere a scuola, poi ha iniziato ad avere problemi psicosomatici: si sentiva esclusa, derisa e non aiutata. Mi hanno anche detto che non era socievole. Bugie. È solare, loro le hanno spento il sorriso» .
 Completamente in disaccordo Chiara Conti, dirigente scolastico del Primo circolo didattico di Forio d’Ischia e reggente all’istituto comprensivo Vincenzo Mennella di Lacco Ameno (dove ha studiato la bimba): «Sin dall’inizio dell’anno l’alunna ha svolto attività  ridotte e semplificate. Volevamo darle la possibilità  di portare a termine il lavoro senza appesantirla e crearle inutili disagi. Lei riconosceva separatamente i vari fonemi della lingua ma non riusciva a collegarli per formare le parole. Abbiamo cercato di aiutarla in diversi modi, non è mai stata abbandonata» .
Il vero problema? «È ancora immatura— conclude il dirigente scolastico —. Non si è integrata bene perché si sentiva indietro rispetto ai compagni. Semplicemente non è scattato il “miracolo”del saper leggere e scrivere. Non ha capito la lateralità  e lo spazio, fondamentali per l’orientamento nella lettura e nell’esposizione di esperienze vissute o nel riferimento di storie ascoltate» . La prima elementare è «difficilissima. Non sarebbe stato peggiore il trauma di continuare a essere l’ultima della classe?» .


Related Articles

Regno Unito. Boris Johnson shock: «Perderete persone care»

A parte il rinvio all’anno prossimo delle elezioni amministrative in Inghilterra e Galles, la sospensione della Premier league e di altre gare sportive, per fronteggiare il contagio non si prendono misure drastiche

Coronavirus. «Estendere il reddito di cittadinanza a precari e freelance»

“In ogni caso è necessario da subito un ‘reddito di quarantena’ per tutti coloro che sono esclusi dagli ammortizzatori sociali previsti per il lavoro dipendente”

Se lo psichiatra finisce in carcere per il delitto commesso dal paziente

 Polemiche anche in Italia dopo la condanna di un medico francese   

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment