2030 la sconfitta dell’AIDS

2030 la sconfitta dell’AIDS

OGGI possiamo cominciare a dirlo. A dire quello che fino a pochi anni fa sarebbe suonato come un eccesso di ottimismo, se non addirittura frutto di avventata sconsideratezza: l’epidemia da Aids è vicina a essere sconfitta.
A sostenerlo è Michel Sidibé, il maliano direttore esecutivo del programma delle Nazioni Unite sull’ Aids (Unaids) che, dati alla mano, esamina i progressi della lotta alla malattia. È lui a lanciare pubblicamente la scommessa: tra quindici anni potremo dichiarare la fine di un incubo che dura dai primi anni Ottanta.
Sidibé lo ha ripetuto anche in questi giorni, durante la ventesima conferenza mondiale su Hiv e Aids in corso (da domenica) a Melbourne, intitolata proprio “ Stepping up the pace”.
Ovvero: “accelerare il ritmo”. E lo ha anche messo nero su bianco nel “ Gap Report”, pubblicato da Unaids pochi giorni fa: 422 pagine di numeri e tabelle, considerazioni e analisi. Dobbiamo proseguire su questa strada e accelerare il passo, appunto, fiduciosi che gli sforzi fatti in vent’anni da politica e ricerca stanno finalmente dando i loro frutti.
Ma la conferenza di Melbourne vive uno strano contrasto tra l’ottimismo dei numeri e le tragedie di un’altra realtà, con l’inconsueto strazio di essere inaugurata dalle lacrime di un premio Nobel. Quelle dell’immunologa francese Françoise Barré-Sinoussi, che le ha trattenute a stento nel ricordare le vittime del volo MH17 esploso sui cieli ucraini. Su quell’aereo, ha ricordato Barré-Sinoussi, c’erano anche alcuni dei maggiori esperti di Aids al mondo, come lo scienziato olandese Joep Lange, «persona meravigliosa, ottimo professionista, ma soprattutto splendido essere umano», che come migliaia di altri scienziati stava andando a Melbourne a discutere dei progressi della lotta all’epidemia. La conferenza è stata dedicata a loro. E continua, nonostante tutto, nel segno dell’ottimismo riassunto nella scommessa di Sedibé.
Per esempio, il numero dei morti attribuibili all’Aids ogni anno nel mondo. Guardando i dati del 2013 rispetto a quelli dell’anno precedente si nota un calo dell’11,8 per cento. Un record, in linea con una tendenza positiva che si osserva da anni: infatti, mentre nel 2005 avevamo registrato 2,4 milioni morti su scala globale, oggi possiamo cautamente festeggiare un dato di «appena» un milione e mezzo di decessi. Anche le nuove infezioni si sono ridotte: nel corso del 2001 le persone contagiate dal virus dell’Hiv erano state 3,4 milioni, l’anno scorso «soltanto» 2,1.
Ma è l’accesso alle terapie anti- retrovirali il dato di cui oggi le Nazioni Unite segnalano l’importanza: ogni anno il numero delle persone che accedono alla possibilità di curarsi cresce. La proiezione per il luglio 2014 parla di quasi 14 milioni di persone raggiunte dai farmaci, quindi a un passo dall’obiettivo di 15 milioni per il 2015 che le Nazioni Unite si sono date con il Millennium Development Goal stabilito nel settembre del 2000. Se si continua su questa strada, sottolinea l’Unaids, entro il 2030 avremo vinto l’epidemia. Cioè, in numeri, avremo ottenuto il 90 per cento del calo delle infezioni e la stessa percentuale del calo delle vittime.
La roadmap che oggi l’Unaids lancia da Melbourne è il risultato di un impegno che ha coinvolto politica, scienza e attivismo globale e che ha fatto più progressi negli ultimi cinque anni che nei precedenti 25 «Oggi possiamo pronunciare questa frase con fiducia: la fine dell’epidemia da Aids è possibile », scrive Sidibé. Ma «è possibile » non significa che sia dietro l’angolo. Ogni giorno 5.700 persone contraggono ancora il virus e 35 milioni di persone attualmente convivono con l’Hiv. Non solo: 19 milioni di infetti non sanno di esserlo. Ma soprattutto le sperequazioni sono ancora tante ed è questo il «gap» del titolo del rapporto Unaids.
La principale è geografica e sociale. La maggior parte delle persone che vivono con l’Hiv abita nell’Africa subsahariana.
È soprattutto donna, giovane o persino adolescente, e non ha accesso alle cure. Con differenze significative. In Nigeria, per esempio, l’Hiv interessa il 3,7 per cento della popolazione: poche, forse, in termini relativi. Ma la Nigeria è una nazione molto popolosa, perciò quella percentuale significa che là le persone con Hiv sono tre milioni e mezzo. Quindi tante, in termini assoluti. Per di più, in Nigeria le terapie sono accessibili solo dalla metà degli anni duemila, e l’80 per cento degli infetti ne è ancora tagliato fuori.
Mentre in Sudafrica, dove un adulto su cinque è portatore del virus, le cose stanno cambiando in meglio. Per anni il presidente Thabo Mbeki (in carica dal 1999 al 2008) ha negato l’esistenza del problema sobillato dai negazionisti, quelli per cui l’Aids non è una malattia virale ma un’invenzione delle aziende farmaceutiche. In questo modo ha impedito l’accesso alle cure a milioni di persone, tanto che un gruppo di scienziati di Harvard ha calcolato le morti che Mbeki può sentirsi sulle spalle nel numero spaventoso di 330.000. Poi è arrivato Kgalema Motlanthe e soprattutto l’attuale presidente Jacob Zuma, e oggi il Sudafrica è uno dei Paesi al mondo che ha visto crescere più in fretta il numero delle persone in terapia.
Il caso sudafricano dimostra anche l’importanza della politica. «È così, perché per fermare l’epidemia gli strumenti ci sono già», spiega Giovanni Maga, virologo del Cnr di Pavia e autore di Aids, la verità negata.
«Anche se non si può ancora parlare di «eradicazione» del virus, perché non esiste un vaccino, né tantomeno di cura definitiva, la scienza ha comunque raggiunto traguardi importanti. Quindi ormai sono le scelte della politica a diventare determinanti».
Per esempio, abbiamo già i test per la diagnosi rapida di infezione sulla saliva, che in certe zone degli Stati Uniti si possono comprare in farmacia come i test di gravidanza. Ma servirebbe diffonderli in tutto il mondo. Idem per le terapie. Servirebbe, in generale, sapersi adeguare a un’epidemia che cambia e cambierà nel tempo.
«E per fare tutto questo servirebbero, soprattutto, gli investimenti », aggiunge Maga.
Anche nella ricerca. «La ricerca scientifica sull’ Aids ha, in tutto il mondo, tre direzioni. — prosegue Maga — Dobbiamo sviluppare farmaci efficaci almeno quanto gli attuali, ma con meno effetti collaterali e più facilità di somministrazione. Dobbiamo trovare un vaccino, e mentre su quello preventivo siamo ancora al lavoro, quello terapeutico potrebbe essere vicino». Ovvero, potremmo avere presto un vaccino che aumenta la capacità del sistema immunitario di combattere il virus. «Infine stiamo cercando di eliminare i serbatoi dove il virus si annida nel nostro organismo». E tutto questo lo stanno raccontando proprio in queste ore gli scienziati a congresso a Melbourne: i farmaci antiretrovirali hanno già salvato milioni di vite e la ricerca di nuovi farmaci prosegue in tutto il mondo, inanellando nuovi successi.
Qualsiasi traguardo della ricerca faciliterà il raggiungimento degli obiettivi dell’Unaids, spiegano gli scienziati. Ma qualsiasi traguardo contro l’ Aids, specifica il programma delle Nazioni Unite, ha bisogno di soldi. Da qui all’anno prossimo servono almeno 24 miliardi di dollari. Altrimenti la scommessa di Sidibé è destinata a essere persa, e con lei la nostra trentennale battaglia contro l’ Aids.



Related Articles

Gli autonomi a partita Iva sono sempre più poveri

Una ricerca della Cgia di Mestre indaga il risvolto della retorica sulle start up e dell’auto-imprenditorialità. Gli autonomi sono lavoratori, e non imprenditori, senza tutele sociali

Dico, in piazza per i diritti dei conviventi Prodi: “Perplesso dalla presenza dei ministri”

La manifestazione a Roma per sostenere la legge sulle unioni di fatto. Barbara Pollastrini: “Sarebbe stato strano se non avessi

L’istruzione precaria

La via crucis della riforma Gelmini è terminata, con la sua approvazione alla Camera. Non è una riforma epocale, come sostiene la ministra, se non per le modalità  con cui il Palazzo l’ha varata, contro la protesta – questa sì nuova, per l’imponenza della mobilitazione giovanile, macchiata da qualche violenza dei centri sociali – che ha pesantemente interessato le città  del nord, del centro, del sud. Una riforma che passa con i voti in aula e, nelle piazze, con i colpi di manganello e di lacrimogeni, reali e simbolici. Altro non è, infatti, l’affermazione di Berlusconi che i giovani per bene sono quelli che stanno a casa a studiare, uno stereotipo reazionario dei tempi del Sessantotto, per di più sulla bocca di chi pare frequentare abitualmente non la gioventù studiosa, quanto piuttosto quella avvenente e compiacente.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment