La Nato avverte Putin: «Pronti a sostenere una Ucraina sovrana»

La Nato avverte Putin: «Pronti a sostenere una Ucraina sovrana»

Loading

BRUXELLES «Sono tanti. Anche adesso, li stiamo osservando dal cielo: carri armati, mezzi blindati, cannoni, batterie contraeree, autocarri. Senza insegne. Colonne che vanno e vengono, avanti e indietro, dalla Russia all’Ucraina Orientale e lungo il confine. Ce lo confermano da terra anche gli osservatori dell’Ocse e i reporter locali: questo è un notevole concentramento militare».
Jens Stoltenberg, già primo ministro norvegese, è da poche settimane il nuovo segretario generale della Nato. Ma l’Ucraina, in queste ore quasi assediata dall’armata di Putin, non è membro della Nato.
Che cosa potrebbe fare quest’ultima se scoppiasse una guerra-invasione su vasta scala?
«Vero, l’Ucraina non è membro della nostra Alleanza. E noi siamo convinti che questo conflitto non possa avere una soluzione militare. Chiediamo alla Russia di rispettare il confine ucraino, di ritirarsi dall’Ucraina Orientale e di non appoggiare i separatisti, perché questo minaccia il cessate il fuoco e mina ogni soluzione politica: sembra un bis dell’operazione Crimea. Detto questo…».
Detto questo?
«Detto questo, la Nato sostiene e sosterrà la piena integrità e sovranità dell’Ucraina, confermate anche dall’accordo di Minsk».
Come?
«Per esempio, abbiamo già messo a disposizione di Kiev cinque fondi-trust (canali di finanziamento, ndr )».
State anche rafforzando i vostri dispositivi militari?
«Certo. La nostra attività è stata incrementata. La Russia ha triplicato le sue azioni militari rispetto a un anno fa. E noi abbiamo quintuplicato le nostre operazioni e attività di controllo, sempre rispetto al 2013».
Come, dove?
«Nella regione baltica è stato accresciuto il dispositivo di aerei e truppe imperniato sulla base di Lask, in Polonia. E abbiamo dispiegato più navi nel Mar Nero, più truppe nell’Est Europa. Abbiamo poi rafforzato il nostro gruppo di azione rapida, che oggi è al livello più alto dai tempi della Guerra fredda, in grado di intervenire ovunque con breve preavviso».
Questione di ore?
«Questione di giorni. Che comunque, in termini militari, non è poco».
Oggi Mosca ha annunciato di voler presidiare con i suoi bombardieri strategici i Caraibi, il Pacifico Orientale, insomma tutte le acque intorno agli Usa…
«Proprio come fa già ora intorno ai confini della Nato».
Continuano le vostre intercettazioni dei loro caccia e bombardieri?
«Non sono ancora entrati nel Mediterraneo, ma avvistiamo aerei russi verso Gibilterra o verso il Portogallo o la Svezia, e almeno cento volte li abbiamo intercettati con i nostri aerei inglesi, norvegesi, spagnoli, portoghesi. Questa è la solidarietà della Nato, le nostre forze si proteggono l’una con l’altra».
Ma qual è il vero scopo di queste «intrusioni» russe fra le nuvole?
«Difficile rispondere, possono esservi vari fattori in gioco. In sé non è illegale il volo di un aviogetto militare in uno spazio aereo internazionale. Ma è il modo in cui questo volo viene compiuto, a rappresentare un rischio. Perché questi piloti spesso non rispondono alle chiamate di altri aerei o delle torri di controllo, e soprattutto spengono il loro transponder (lo strumento che consente ai radar a terra di identificare il pilota e il suo piano di volo, ndr )».
I vostri aerei li intercettano, li tengono sotto controllo. Ma ancora una volta, proprio come con l’Ucraina che non è membro della Nato, potreste ritrovarvi con le mani legate se Mosca tramutasse queste dimostrazioni di forza in un vero attacco…
«Noi dobbiamo fare quello che dobbiamo fare: cioè essere vigilanti e pronti. Sempre».
Qual è il suo giudizio sulle elezioni appena svolte in Ucraina?
«Erano previste dall’accordo di Minsk. Ma quelle organizzate dai separatisti di Donetsk e dintorni dovremmo chiamarle “cosiddette elezioni”. L’accordo di Minsk prevedeva anche il rispetto del confine ucraino: non è stato rispettato. Quanto al cessate il fuoco, viene minato con i movimenti di truppe in queste ore. C’è qualcosa che dovremmo comprendere tutti, a cominciare dai russi».
Che cosa?
«È profondamente sbagliato pensare: se tu perdi, io vinco. O il contrario. Se invece troviamo una soluzione politica, nel rispetto di ogni nazione e dei confini aperti, allora vinciamo tutti».
Luigi Offeddu


Related Articles

Libia, assalto al parlamento: feriti due deputati

Loading

La folla furiosa invade il Palazzo al grido «dimissioni» Ira per la proroga del mandato

Bunus Subito lo sconto Irpef da 640 euro. Per il 2015 risorse da trovare

Loading

Bonus Irpef. Salta lo sgravio per chi guadagna meno di 8 mila euro

LA TRAGEDIA NELLE TRINCEE DEL DOLORE

Loading

INFELICE chi non sa sentire come proprio il dolore delle famiglie di quei ragazzi e della loro gente, per odio o pregiudizio, o perché non sa uscire dalla trincea del dolore proprio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment