Nel Don­bass ormai è guerra terroristica

Nel Don­bass ormai è guerra terroristica

Loading

Sareb­bero almeno 5.086 i morti dall’inizio del con­flitto nel Don­bass, secondo l’ultimo rap­porto Onu. Poco meno di 50 mila tra morti e feriti, secondo stime uffi­ciose russe e ucraine. Pur stando alle cifre Onu, quello nel sudest ucraino è un con­flitto tra i più san­gui­nosi della sto­ria euro­pea del dopoguerra.

Un con­flitto improv­vi­sa­mente rie­sploso negli ultimi quin­dici giorni in forme sem­pre più ter­ro­ri­sti­che nei con­fronti della popo­la­zione civile. Tanto che si è assa­liti dal sospetto che all’incontro a Parigi, lo scorso 11 gen­naio, a latere della mar­cia con­tro il ter­ro­ri­smo, qual­cuno dei lea­der mon­diali abbia con­cesso luce verde a Poro­shenko per la mas­sic­cia offen­siva ini­ziata subito dopo.

Ma, sia che le fonti Onu par­lino di circa 200 morti negli ultimi nove giorni; sia che la Novo­ros­sija scriva di 750 morti solo tra le truppe ucraine (Kiev avrebbe alle­stito tre cre­ma­tori nelle retro­vie del fronte) che stanno ten­tando di ricon­qui­stare l’aeroporto di Done­tsk; sia che il rap­pre­sen­tante russo all’Osce, Alek­sej Kelin, parli di oltre cento morti in solo giorno a Gòr­lo­vka (qui ieri i gover­na­tivi hanno usato bombe a grap­polo); in ogni caso, appare fuori dub­bio che gli ultimi sce­nari del con­flitto sca­te­nato da Kiev rive­stano sem­pre più un carat­tere ter­ro­ri­stico con­tro la popo­la­zione civile. Osser­va­tori poli­tici russi gio­vedì, nel corso del talk show serale di Vla­di­mir Solo­vëv, attri­bui­vano il carat­tere ter­ro­ri­stico delle azioni di Kiev a due motivi. Il primo è quello di demo­ra­liz­zare la popo­la­zione, affin­ché si sol­levi con­tro le mili­zie; il secondo è quello di pro­vo­care, alla lunga, un inter­vento diretto di Mosca.

Da Mosca, Vla­di­mir Putin ha dichia­rato che la respon­sa­bi­lità per l’inasprimento della situa­zione nel Don­bass ricade su chi impiega le arti­glie­rie e l’aviazione con­tro i quar­tieri popo­lati, . Ordini come quelli che hanno por­tato alla strage di gio­vedì scorso, allor­ché, secondo la Novo­ros­sija – ma anche secondo le prime inda­gini Osce — obici ucraini hanno col­pito un tram a Done­tsk, ucci­dendo 15 per­sone. E altre tre per­sone sono morte ieri, col­pite dalle arti­glie­rie gover­na­tive, insieme a 24 com­bat­tenti delle mili­zie. Sabo­ta­tori ucraini hanno ucciso il Sin­daco della città di Per­vo­ma­jsk, nella Regione di Lugansk, insieme a tre suoi collaboratori.

Nono­stante ciò, Kiev con­ti­nua ad accu­sare le mili­zie di vio­la­zione del ces­sate il fuoco e Alek­sej Kelin ha defi­nito «ver­go­gnose e cini­che» le accuse lan­ciate da Kiev, secondo cui le mili­zie stesse spa­re­reb­bero sui pro­pri cit­ta­dini. Ecco dun­que che ieri il Pre­si­dente della Repub­blica di Done­tsk, Alek­sandr Zakhar­cenko, ha detto che la Repub­blica non sot­to­scri­verà più.

Zakhar­cenko, par­lando dell’intenzione di impar­tire l’ordine di non fare più pri­gio­nieri, ha poi dichia­rato che «attac­che­remo lungo tre diret­trici con­tem­po­ra­nea­mente, per allon­ta­nare i reparti nemici dalle nostre città e impe­dir loro di bom­bar­darle. Com­bat­te­remo fin­ché non rag­giun­ge­remo il con­fine della Repub­blica di Done­tsk». Zakhar­cenko ha anche par­lato dell’introduzione della pena di morte. In realtà, la Repub­blica di Done­tsk già nell’agosto scorso aveva adot­tato le norme sui tri­bu­nali di guerra e sul codice penale (lo stesso in vigore in Rus­sia; pre­vede la fuci­la­zione per delitti par­ti­co­lar­mente gravi, ma la esclude per minori, donne e ultra­ses­san­tenni. In Rus­sia c’è però la mora­to­ria dal 1997). La misura dovrebbe durare per il solo periodo di guerra.

In que­sto qua­dro, rispon­dendo all’appello rivolto a Europa e Usa dalla ex pala­dina dell’Occidente, Julija Timo­shenko, affin­ché for­ni­scano all’Ucraina aiuti in «armi letali» per met­terla in grado di «respin­gere l’aggressore e difen­dere il paese dall’ondata di ter­ro­ri­smo», l’ex Segre­ta­rio di Stato Usa, Hil­lary Clin­ton, ha dichia­rato che gli Stati Uniti dovreb­bero pre­stare «mag­giori aiuti finan­ziari e mili­tari al governo ucraino», che com­batte «per difen­dere le pro­prie fron­tiere». Da chi?



Related Articles

Cassa integrazione allarme del governo “Manca un miliardo”

Loading

Intervista con il ministro Poletti: non ci sarà manovra correttiva A rischio 50mila lavoratori. Senato, via alla battaglia in commissione

Grecia, Tsipras avverte i ribelli: «Senza maggioranza, voto anticipato»

Loading

La Borsa di Atene resta chiusa. Lagarde (Fmi): «Serve una ristrutturazione del debito»

La Colombia non spargerà più il diserbante sui campi di coca

Loading

Da vent’anni il governo, sostenuto dagli Stati Uniti, irrorava le coltivazioni per danneggiarle usando una sostanza nociva e cancerogena

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment