I profitti di McDonald’s si rifugiano in Lussemburgo

Sul menù di McDonald’s c’è un’evasione da un miliardo di dol­lari»: l’accusa viene da una coa­li­zione di sin­da­cati e asso­cia­zioni euro­pee e sta­tu­ni­tensi, che ieri ha pre­sen­tato un cor­poso dos­sier a Bru­xel­les. Il titolo dello stu­dio è Unhappy Meal. L’elusione fiscale di McDonald’s in Europa e l’alleanza anti-Mac rac­co­glie il con­sor­zio di sin­da­cati del com­parto pub­blico euro­peo (Epsu) e degli Usa (Seiu), quelli del turi­smo e del set­tore ali­men­tare (Effat), la lega di lavo­ra­tori ame­ri­cana Change to win, e infine la ong inglese War on Want, che si batte con­tro la povertà.
Il rap­porto rife­ri­sce che Mc Donald’s sarebbe già sotto inda­gine da parte della Com­mis­sione euro­pea per un sistema di eva­sione che, come per tante altre mul­ti­na­zio­nali, fini­sce dritto in Lus­sem­burgo. E se di recente il con­sor­zio inter­na­zio­nale di gior­na­li­sti ICIJ ha por­tato alla luce il dos­sier Lux­leaks, che ha messo sotto accusa ben 300 grandi aziende per i loro accordi con il pic­colo stato nel cuore dell’Europa — tra cui Pepsi, Ikea e FedEx — dall’altro lato Bru­xel­les ha già messo nel mirino colossi come Ama­zon, Goo­gle, Apple e l’italiana Fca/Fiat.

L’evasione di McDonald’s, in par­ti­co­lare, su cui l’alleanza di sin­da­cati e asso­cia­zioni ora chiede uffi­cial­mente di inda­gare, si for­me­rebbe attra­verso il mec­ca­ni­smo delle royal­ties, ovvero i diritti che i punti ven­dita in fran­chi­sing (il 73% del totale in Europa) devono alla casa madre: non solo il 5% sulle ven­dite, ma spesso anche l’affitto dei locali, visto che la società dei due archi dorati ha in mano anche un discreto patri­mo­nio immobiliare.

McDonald’s, secondo il dos­sier, con­vo­glie­rebbe le sue royal­ties in una con­trol­lata lus­sem­bur­ghese, la McD Europe Fran­chi­sing Sàrl, isti­tuita nel 2009, così da evi­tare di pagare le tasse nei sin­goli paesi dove le rac­co­glie. Cifre non da poco: dal 2009 al 2013 le royal­ties euro­pee sareb­bero state pari a 3,7 miliardi di euro, peral­tro in cre­scita costante anno dopo anno. Se si fos­sero man­te­nuti que­sti diritti nei diversi stati euro­pei, e fos­sero stati tas­sati come pro­fitti, si sarebbe avuta nei cin­que anni ana­liz­zati un’entrata nei bilanci di ben 1,06 miliardi di euro. Una bella somma sot­tratta al fisco.

E dire che la strut­tura lus­sem­bur­ghese ha solo 13 impie­gati, men­tre sem­pre nel 2009 la McDonald’s spo­stava il suo quar­tier gene­rale euro­peo a Gine­vra. Un mec­ca­ni­smo che ha per­messo di sot­trarre get­tito fiscale non solo ai paesi euro­pei, ma per­fino agli Usa. Risi­bili le tasse pagate dalla McDonald’s nei cin­que anni ana­liz­zati: solo 16 milioni di euro. E ancora più incre­di­bili quelle ver­sate nel 2013 al Lus­sem­burgo, tanto che lo stu­dio le defi­ni­sce «stu­pe­fa­centi»: 3.335,33 euro.

Cifra tal­mente bassa che la coa­li­zione ipo­tizza addi­rit­tura un «patto» tra la mul­ti­na­zio­nale e le auto­rità lus­sem­bur­ghesi, per uno sconto ulte­riore rispetto alla tas­sa­zione standard.

Negli anni della grande crisi, men­tre McDo incre­men­tava pro­fitti e royal­ties (la cre­scita delle ven­dite è del 20% dal 2007–2008)), veni­vano sot­tratte risorse che gli stati avreb­bero potuto inve­stire in welfare.

Certo, il secondo datore di lavoro pri­vato del mondo (1,9 milioni di addetti) dovrebbe porsi forse anche qual­che pro­blema etico: Mc Donald’s ha 36 mila punti ven­dita in tutto il globo, e 7.850 in Europa. Nel nostro con­ti­nente nel 2013 ha rea­liz­zato ven­dite per 20,3 miliardi di euro, quasi il 40% dei suoi gua­da­gni mon­diali. Ma al con­tra­rio, si sa che in molti casi i lavo­ra­tori risul­tano pre­cari o sot­to­pa­gati, spesso con così poche ore a set­ti­mana (a volte anche zero) da non poter met­tere insieme pranzo e cena.

Pesante anche l’evasione impu­tata alle atti­vità ita­liane: con i suoi 500 locali, il McDo nostrano ha incas­sato secondo il dos­sier ben 4,6 miliardi di euro nel periodo 2009–2013 (e oltre 1 miliardo nel solo 2013), dovendo royal­ties pari a 237,8 milioni. L’evasione sarebbe di 74,7 milioni, che som­mati ai 149,3 di even­tuali san­zioni fareb­bero ben 224 milioni sot­tratti al fisco.
Cifra note­vole, che avremmo potuto inve­stire per la cassa in deroga, ad esem­pio, o per la sanità.

In Ita­lia il dos­sier è stato ripreso da Fp e Fil­cams Cgil: «Si chiede alla Dire­zione euro­pea sulla con­cor­renza — dicono i due sin­da­cati in una nota — di inda­gare e appro­fon­dire il caso Mc Donald’s, alla stre­gua di quanto si è ini­ziato a fare per imprese quali Ama­zon, Fca, Apple o Goo­gle. L’obbiettivo è allar­gare il fronte. Il governo ita­liano dovrebbe avere tutto l’interesse a sco­rag­giare pra­ti­che di que­sto tipo e a farsi parte attiva in Europa».

McDo ha repli­cato: «Rispet­tiamo tutte le regole fiscali appli­ca­bili: oltre a pagare le tasse sui pro­fitti, ver­siamo signi­fi­ca­tivi con­tri­buti sociali dei dipen­denti, le impo­ste di pro­prietà sugli immo­bili, e tutte le altre tasse richie­ste dalla legge».



Related Articles

In mille da Napoli fin dentro il palazzo

In un caldo mezzogiorno romano, nel quadrilatero dei palazzi della giustizia (piazza Cavour, viale Giulio Cesare, via Lepanto, piazzale Clodio) si snoda un insolito corteo per la Capitale.

Risarcimenti ai detenuti, ok della Camera. Ecco le principali misure

L’Aula della Camera ha approvato il decreto legge che prevede dei risarcimenti in favore dei detenuti che hanno subito un trattamento in violazione della convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo. I si’ sono stati 305

“Manterremo le promesse o saremo puniti” ecco il memorandum che ha convinto Berlino

Impegno a rispettare i vincoli europei pena la decadenza dello scudo. E questo varrà  anche per i prossimi governi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment