Morti di Cie – Storie di Ordinaria Detenzione Amministrativa

Morti di Cie – Storie di Ordinaria Detenzione Amministrativa

“Morti di CIE – Storie di ordinaria detenzione amministrativa” è un progetto d’inchiesta autonomo e indipendente il quale, attraverso il lavoro di studiosi ed esperti delle tematiche del diritto dell’immigrazione, antropologi, sociologi, fotografi, videomakers, giornalisti e grafici, tutti impegnati nell’attivismo per la tutela dei diritti umani, vuole raccontare e analizzare ogni singolo caso di decesso all’interno delle strutture di detenzione per migranti irregolari dal 1998 ad oggi.

L’inchiesta vuole capire come la Magistratura italiana ha valutato e giudicato ogni singolo caso, e se per questa ci sono dei colpevoli o meno. Il progetto non ha finalità giustizialiste, non si pone l’obiettivo di trovare una “giustizia legale”, giuridica, o peggio, una giustizia meramente tribunalesca.

no human is illegal - @silviaminguzzi

Abbiamo scelto la data del 20 giugno, Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato per lanciare il nostro Sito internet www.mortidicie.org.

Resta connesso con la nostra inchiesta #mortidicie con notizie, informazioni, news dal mondo e dall’Italia per parlare e far rimanere accesa l’attenzione sulla detenzione amministrativa dei migranti irregolari, nella sempre più profonda convinzione che “no human is illegal”.

Da Mercoledi 1 Luglio potrete sostenere l’Inchiesta MORTI di CIE donando alla nostra Campagna di Crowdfunding sul sito di Indiegogo. Diventa attore protagonista di questa inchiesta insieme a noi donando presso i nostri canali Paypal e Indiegogo.

Per maggiori info mortidicie@gmail.com.

 



Related Articles

Diritti digitali. «Sicurezza» come controllo, le tecnologie di sorveglianza in America Latina

Intelligenze artificiali. Asia, Europa e Usa vendono i loro software a città, governi e forze di polizia. L’idea che avanza nelle città neoliberiste non vede la «sicurezza» come benessere della popolazione. All’interno di una politica securitaria, infatti, la sicurezza fa al contrario rima con controllo

Ritorno a Villa Literno

Roberto Saviano ricorda Jerry Masslo che qui venne ucciso un 25 agosto all’alba “Ecco perché non va dimenticato”

Corte penale internazionale: «Gli Usa in Afghanistan colpevoli di crimini di guerra»

 La Corte penale internazionale accusa la Cia: «Tortura, trattamento crudele, stupro». Sotto tiro anche le responsabilità degli 007 di Kabul e per i talebani solo l’ala Haqqani

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment