Tor­tura, in Senato vince il Sap

Tor­tura, in Senato vince il Sap

«Se devo pren­dere per il collo un delin­quente, lo prendo. Se cade e si sbuc­cia un ginoc­chio, sono cazzi suoi». Il lin­guag­gio è quello che è, tipico del leghi­sta Mat­teo Sal­vini che il 25 giu­gno scorso aveva sin­te­tiz­zato così la pro­te­sta del Sap, il sin­da­cato auto­nomo di poli­zia tanto con­ser­va­tore quanto mino­ri­ta­rio all’interno delle forze dell’ordine.

Ma il con­cetto è stato fatto pro­prio, né più né meno, dall’intera com­mis­sione Giu­sti­zia del Senato — Pd in testa — che ieri all’unanimità ha annul­lato di fatto le modi­fi­che appor­tate alla Camera al testo della legge sulla tor­tura. In sostanza, la fat­ti­spe­cie del reato e le pene pre­vi­ste tor­nano alla ste­sura appro­vata in prima let­tura dallo stesso Senato il 5 marzo 2014, e si allon­ta­nano sem­pre più dai trat­tati Onu pure rati­fi­cati dall’Italia.

In poche parole, dimi­nui­scono le san­zioni, e il reato — che pure rimane comune e non pro­prio di pub­blico uffi­ciale, come pre­scritto dalla Con­ven­zione di New York e come chie­de­vano Amne­sty Inter­na­tio­nal e altre asso­cia­zioni — diventa ancora più gene­rico. Affin­ché venga con­si­de­rata tor­tura, per esem­pio, la vio­lenza e la minac­cia deve essere rei­te­rata. Per essere crudi, una testa sbat­tuta con­tro un muro una volta non è tor­tura. Spa­ri­scono per­fino, tra le fina­lità elen­cate per defi­nire meglio la fat­ti­spe­cie, quelle discri­mi­na­to­rie etni­che, reli­giose o ses­suali. Così come spa­ri­sce quella locu­zione — «per vin­cere una resi­stenza» — che tanto aveva irri­tato certa polizia.

«Biso­gnava pur tenere conto dei rilievi fatti dalle forze dell’ordine per­ché l’uso della forza non è solo facol­ta­tivo ma è d’obbligo durante atti legit­timi come l’arresto», ha detto al mani­fe­sto il rela­tore del testo, Enrico Buemi (Auto­no­mie), che si è detto «sod­di­sfatto» del risul­tato anche se ini­zial­mente «avevo pro­po­sto un reato spe­ci­fico per pub­blico ufficiale».

Ora, se l’Aula di Palazzo Madama con­fer­merà le modi­fi­che appro­vate ieri dalla com­mis­sione, il testo dovrà tor­nare di nuovo all’analisi dei depu­tati, con­ti­nuando così un rim­pallo tra le due camere che dura dal marzo 2013 e che molto pro­ba­bil­mente finirà con l’affossare la legge, come vuole certa poli­zia (non tutta), e come già avve­nuto nel corso della scorsa legi­sla­tura. E mostrando così ancora una volta l’equilibrismo del pre­mier Mat­teo Renzi che solo tre mesi fa esor­tava a non avere paura dell’introduzione della tor­tura nel nostro ordi­na­mento. «Anzi — aveva detto il premier/segretario — si deve avere paura che non ci sia».

Il testo appro­vato ieri dalla Com­mis­sione di Palazzo Madama pre­vede pene che vanno da 3 a 10 anni di car­cere (e non più, come nella ver­sione licen­ziata dalla Camera, da 4 a 10) per «chiun­que con rei­te­rate vio­lenze e minacce gravi (nella ver­sione dei depu­tati era diven­tata «con vio­lenza o minac­cia»), ovvero agendo con cru­deltà, cagiona acute sof­fe­renze fisi­che o un veri­fi­ca­bile trauma psi­chico (non più solo «sof­fe­renza psi­co­lo­gica grave» per­ché «non accer­ta­bile a distanza di tempo» secondo i sena­tori della com­mis­sione) a una per­sona pri­vata della libertà per­so­nale o affi­data alla sua custo­dia, vigi­lanza, con­trollo, cura o assi­stenza, ovvero si trovi in con­di­zioni di mino­rata difesa».

Rimane dun­que inal­te­rata quest’ultima frase che, secondo i depu­tati di Sel, rischiava con la sua ambi­guità di esclu­dere auto­ma­ti­ca­mente situa­zioni come quella veri­fi­ca­tasi all’interno della scuola Diaz durante il G8 di Genova, nella quale le vit­time non erano sot­to­po­ste a stato di fermo né a custo­dia degli agenti autori del massacro.

Rimane l’aggravante se il reato è com­messo da pub­blico uffi­ciale ma la pena mas­sima pre­vi­sta (la minima è 5 anni) scende da 15 a 12 anni di car­cere. Vice­versa, è stato respinto l’emendamento del sena­tore Ser­gio Lo Giu­dice (Pd) che abo­liva giu­sta­mente l’ergastolo pre­vi­sto in caso di morte volon­ta­ria della vit­tima. «Non sono affatto sod­di­sfatto di que­ste modi­fi­che — ha con­fes­sato Lo Giu­dice al mani­fe­sto — anche se ho dovuto votare come il mio gruppo, come pre­scritto dal vin­colo in com­mis­sione: la tor­tura è un reato spe­ci­fico com­messo da chi rap­pre­senta lo Stato».

Infine, un passo indie­tro nell’evoluzione demo­cra­tica anche per quanto riguarda i respin­gi­menti o le espul­sioni: nel testo della Camera uno stra­niero non poteva essere rim­pa­triato verso uno Stato dove avrebbe potuto essere oggetto di per­se­cu­zione, ma per la com­mis­sione Giu­sti­zia in que­sto modo sarebbe stato impe­dito qual­siasi respin­gi­mento. Ecco per­ciò che l’inammissibilità del rim­pa­trio è stata vin­co­lata al caso che «esi­stano fon­dati motivi di rite­nere che la per­sona rischi di essere sot­to­po­sta a tortura».

«Ma sic­come i respin­gi­menti si fanno alla fron­tiera — spiega Buemi al mani­fe­sto — gli agenti potranno attin­gere ad un elenco di Stati dove, secondo i report inter­na­zio­nali, si pra­tica abi­tual­mente la tor­tura e la vio­la­zione dei diritti umani». Elenco dal quale ovvia­mente manca l’Italia. Almeno finora.



Related Articles

I bam­bini yemeniti stanno morendo di fame

Yemen. Secondo l’Unicef 96mila minori rischiano la vita per malnutrizione. Intensificati i raid su Sana’a, arrivati anche 800 soldati egiziani

Davide Imola, il sindacalista dei free­lance

Quinto Stato. E’ scomparso il sindacalista della Cgil che più di tutti in questi anni ha innovato la cultura sul lavoro autonomo. Aveva stimolato un dialogo con le sue forme spontanee di autotutela senza nascondere le divergenze

Immigrati: il web non li chiama “clandestini”, ma “cittadini del mondo”

Una ricerca pubblicata dall’Isfol rivela il potenziale della rete nell’offrire un’informazione completa, plurale e approfondita, meno stereotipata di quella di tv e stampa. A partire dalle parole

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment