Il sogno infranto di Sajida e dei 6 afgani bimbi morti in mare ai confini dell’Europa

Il sogno infranto di Sajida e dei 6 afgani bimbi morti in mare ai confini dell’Europa

Loading

È IL futuro dell’umanità quello che annega davanti alla porta dell’Europa: piccoli esseri umani che si erano affacciati alla vita da poco, e che la vita devono abbandonare senza sapere perché. Sette bambini sono morti fra la notte di lunedì e ieri: sei di loro erano arrivati dall’Afghanistan, in fuga dalla guerra. Il settimo corpo restituito dal mare appartiene a una bambina siriana di cinque anni, identificata come.
I sacrifici necessari a una famiglia afgana per raggiungere il Mediterraneo possono solo essere immaginati, e simile è la sofferenza di una famiglia siriana. Ma non sempre bastano per realizzare il sogno di una vita accettabile, lontano dalle bombe e dagli sgozzatori. I sette bambini sono stati ritrovati fra le onde al largo di Cesme, nella provincia turca di Smirne. Dopo il naufragio del barcone degli afgani, racconta l’agenzia Anadolu, la guardia costiera è riuscita a soccorrere solo cinque migranti, almeno altri due sono ancora dispersi. Fra i salvati c’è anche un ragazzino di dodici anni: di lui il mare ha avuto pietà. Un’altra barca, partita dal Sahara occidentale, si è rovesciata al largo delle Canarie: almeno undici africani sono morti. La tragedia va avanti. A settembre le immagini del piccolo Alan Kurdi finito sulla spiaggia di Bodrum hanno suscitato sdegno e lacrime, ma lo sdegno si è consumato e le lacrime sono già asciutte. Da allora sono almeno un centinaio i bambini annegati al largo della Grecia o dell’Italia.
Le soluzioni politiche non si trovano: non c’è accordo in Europa, e la brutta stagione è in arrivo. Ieri Laura Boldrini, presidente della Camera, ha ribadito agli europarlamentari italiani che «serve un corridoio umanitario, o questo inverno conteremo i morti ». Intanto la Commissione europea accusa l’Italia e i paesi mediterranei di non adempiere all’obbligo di schedatura: su 140 mila migranti raccolti dalle autorità italiane, almeno 40 mila hanno rifiutato di farsi identificare con le impronte digitali. La stessa infrazione è rimproverata anche a Grecia, Croazia e Malta, la procedura d’infrazione potrebbe essere aerta giovedì.


Related Articles

«Testimonianza preziosa Ora non resti inascoltata»

Loading

Il sindaco: ha riacceso i riflettori su un problema sociale

Una visita «storica». Un segnale importante per la città . Una speranza per un’emergenza senza fine. La visita del presidente Giorgio Napolitano riporta per un giorno al centro del dibattito politico (ed elettorale) la questione delle carceri.

Guerra all’Hdp, Erdogan toglie l’immunità parlamentare

Loading

Turchia. Il parlamento approva l’emendamento voluto dal presidente e che apre la strada ai processi ai deputati pro-kurdi. Poi nomina il nuovo premier, il fedelissimo Yildirim

Mauro Palma nuovo Garante nazionale per i detenuti

Loading

Mauro Palma è stato nel 1991 fondatore di Antigone e poi presidente del Comitato europeo per la prevenzione della tortura

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment