Battaglia in Iraq, Ramadi strappata all’Isis

Battaglia in Iraq, Ramadi strappata all’Isis

Bagdad Riprendere Ramadi. Nella capitale della provincia di Al Anbar è scattato un drammatico conto alla rovescia. Le forze irachene hanno intensificato i combattimenti, e ieri hanno dichiarato la speranza di strappare entro venerdì la bandiera nera dell’Isis dalla città: «Siamo entrati nel centro di Ramadi da numerosi fronti. La città sarà totalmente bonificata entro 72 ore», ha dichiarato il portavoce dell’antiterrorismo Sabah al-Nomane. Mentre Eid Ammash, portavoce del Consiglio provinciale, riferiva che i miliziani «trattengono decine di civili, catturati mentre cercavano di lasciare la città, e intendono usarli come scudi umani».
È in questo clima che ieri a Bagdad è arrivato, a bordo di un C130, il presidente del Senato, Pietro Grasso, per un giro di incontri e una visita al nostro contingente. Una missione, proseguita nel Kurdistan iracheno, che oggi si concluderà con la visita al campo di accoglienza degli sfollati a Erbil. «Auspico che i territori sottratti vengano presto riconquistati, minimizzando i rischi per i civili. E soprattutto che in un prossimo futuro gli sfollati possano tornare alle loro città sotto la protezione delle forze irachene addestrate dai carabinieri e dalle forze armate», ha dichiarato l’ex superprocuratore, dopo gli incontri con il presidente della Repubblica Fouad Masum e lo speaker del Parlamento Salim Al Jabour che hanno manifestato un forte apprezzamento per il nostro contributo alla stabilità e alla sicurezza.
Il presidente iracheno Masum, a differenza di quanto aveva lasciato presagire il portavoce del governo, si è detto favorevole anche al possibile invio di militari italiani a difesa della diga di Mosul, annunciato da Roma. E ha chiesto l’aiuto dell’Italia a tutela della sicurezza dei beni archeologici. L’addestramento dei carabinieri («vera eccellenza del nostro Paese», li ha definiti orgoglioso Grasso) a Camp Dublin, è puntato anche su questo, oltre alla difesa dei diritti delle donne e dei soggetti deboli, a e alla tutela delle minoranze religiose, a cominciare dai cristiani.
Eccolo il punto cruciale. All’ingresso del Parlamento di Bagdad ieri c’era un albero di Natale. Lo speaker lo ha mostrato orgoglioso a Grasso: «È un piccolo segnale dopo tante sofferenze subite dai cristiani». E il presidente del Senato ha apprezzato gli «impegni concreti» suoi e degli altri interlocutori iracheni, sulla comunità dei cristiani.
Ma per il patriarca Louis Sako, occorre fare presto «altrimenti andranno via tutti». «Prima — ha spiegato allarmato Sako — la proposta di legge che obbliga i figli di chi si converte all’Islam a diventare musulmani, poi il lancio di volantini che dicono: “La Madonna portava il velo, mettetelo anche voi”. Io incoraggio le ragazze a non farlo. Vent’anni fa a Bagdad non c’era un hijab, oggi tutta la strada è nera. Il Papa ha fatto molto per la misericordia ma ci vuole anche un’azione presso le autorità musulmane perché lancino una fatwa: sono proibiti tutti gli attacchi contro la gente innocente. O finirà come a Mosul: di cristiani non ce n’è più uno».
Virginia Piccolillo


Related Articles

E sul Cam­pi­do­glio si allunga l’ombra di Grillo

Le passate resistenze del premier a licenziare i sindaco legate all’avanzata del M5S

Missione compiuta ma la Nato frena Obama: “Il popolo deciderà  il suo futuro”

E Rasmussen avverte: “Attenzione ai colpi di coda degli irriducibili”.  Oggi a Bruxelles si riunirà  l’Alleanza per decidere il dopo Gheddafi 

Un “Nobel” al Masai che salvò le terre tribali

Edward Loure, pastore della Tanzania, ha vinto il premio ambientalista Goldman. Ha scovato un cavillo legale per salvare le terre ancestrali della sua tribù

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment