L’Europa ha condotto «politiche sbagliate» e «legittimato il terrorismo in Siria»

L’Europa ha condotto «politiche sbagliate» e «legittimato il terrorismo in Siria»

Damasco alza la voce dopo le stragi di Bruxelles, così come aveva fatto dopo gli attentati di Parigi. E punta l’indice contro l’Europa e i Paesi occidentali che, denuncia, hanno condotto «politiche sbagliate». Gli attacchi all’aeroporto e alla metropolitana della capitale belga, ha scritto in un comunicato il ministero degli esteri siriano, «…dimostrano che il terrorismo non ha confini e che gli attacchi sono il risultato di politiche sbagliate… (è stato) legittimato il terrorismo, definendo ‘moderati’ gruppi terroristici che non sono altro che filiali dell’ideologia estremista wahhabita». Evidente il riferimento alla nemica Arabia saudita, dove domina il wahabismo, corrente tra le più rigide dell’Islam, sorella del salafismo che anima l’Isis, al Qaeda e varie formazioni armate radicali che i Paesi occidentali, la Turchia e le petromonarchie del Golfo, definiscono “moderate”. Proprio la Francia colpita duramente lo scorso dicembre, ha imposto la presenza ai negoziati di Ginevra, in corso tra governo e opposizioni siriane, di Jaysh al Islam, un gruppo ideologicamente vicino all’Isis sponsorizzato dagli alleati sauditi.

La “moderata” Riyadh, custode degli interessi occidentali nel Golfo, dal 1975 ha speso annualmente 2-3 miliardi di dollari per diffondere il wahabismo nel mondo islamico, secondo una ricerca dell’accademico britannico Yahya Birt. Nel 2003 una commissione d’indagine del Senato Usa riferì che nei precedenti 20 anni l’Arabia saudita aveva speso 87 miliardi di dollari per promuovere nel mondo la sua versione dell’Islam con la costruzione di migliaia di moschee e il finanziamento di scuole wahabite, dal Pakistan al Nord Africa, fino a Balcani. Decenni di “promozione” del wahabismo e, di fatto, del salafismo anche in Europa, tra giovani musulmani tenuti ai margini dalle società occidentali, non potevano non avere anche un sbocco violento. La guerra civile siriana è stata il motore della diffusione del jihadismo più estremo, con il pretesto della lotta per «portare la libertà a Damasco» e «abbattere il dittatore Bashar Assad». Come se a Riyadh fossero rispettati i diritti umani e i principi della democrazia e nelle carceri non languisseo migliaia di prigionieri di coscienza.

Intanto in Siria i discepoli, ben armati e finanziati, del wahabismo e del salafismo combattono contro l’esercito governativo, avvalendosi della partecipazione di foreign fighter giunti dall’Europa. Isis e al Nusra (il ramo siriano di al Qaeda) peraltro non mancano di darsi battaglia per il controllo del territorio meridionale siriano. Le “Brigate dei martiri di Yarmouk” e il gruppo Muthanna (formazioni affiliate all’Is) tre giorni fa hanno strappato ai rivali di al Nusra e di Ahrar al Sham – alleati del “moderato” Esercito libero siriano – i villaggi di Teseel e Adawan nella provincia di Daraa. L’Isis rafforza le sue posizioni nel sud della Siria compensando le perdite territoriali subite nel nord del Paese in questi ultimi mesi non certo per l’intervento militare di Usa e Paesi europei, piuttosto grazie ai bombardamenti dell’aviazione russa e al sacrificio sul terreno di migliaia di soldati siriani e dei libanesi di Hezbollah e di altre formazioni sciite. Se la storica Palmira, come sembra, sarà strappata all’Isis il merito sarà soltanto delle truppe regolari (formate anche da sunniti), della milizia popolare filo governativa e degli uomini di Hezbollah. Non certo per i proclami contro lo Stato Islamico fatti da Riyadh all’unico scopo di ingraziarsi l’Occidente. Ed è paradossale che coloro, come i combattenti di Hezbollah, che in Siria muoiono affrontando l’Isis e al Nusra siano stati dichiarati “terroristi” dall’Arabia saudita e dalle altre monarchie del Golfo.

A chi sosteneva che dopo il ritiro (parziale) russo anche Hezbollah avrebbe ridotto il suo coinvolgimento in Siria, il leader del movimento Hassan Nasrallah lunedì sera ha replicato che la milizia sciita rimarrà in appoggio all’esercito governativo siriano fino a quando non sarà trovata «una soluzione politica» al conflitto. Nasrallah ha spiegato la sua idea di soluzione politica consiste nel raggiungere un compromesso che preservi Bashar Assad e trovi un posto per l’opposizione. Ma, ha aggiunto, «L’Arabia Saudita e la Turchia stanno ostruendo la strada verso la soluzione politica…Pertanto, non mi aspetto progressi nel processo politico».



Related Articles

La Cina sorpassa gli Stati uniti

Cina – Usa. E ora l’obiettivo del Partito è trasformare il primato economico in soft power

Impunità  assicurata

S

Il Dipartimento della Giustizia Usa archivia il caso dell’ex agente Blackwater, Andrew J. Moonen, che nel 2006 uccise la guardia del corpo del vicepresidente iracheno Adel Abdul Mahdi

Burundi. Arrestato l’assassino delle tre suore: «Quel convento era sulla mia terra»

Un sacerdote della missione in Burundi: «La strage ha motivi religiosi»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment