Religione e terrorismo, qualche insegnamento dalla storia dell’Algeria

Religione e terrorismo, qualche insegnamento dalla storia dell’Algeria

Ho letto – come sempre – con grande interesse l’articolo di Luciana Castellina di domenica. Ma mi intriga anche la lettera pubblicata sul manifesto del 23 agosto di Stefano Rossi e la risposta di Luciana.

Penso che da questo dibattito non si possa escludere la religione, perché il ricorso alla religione (tutte le religioni) è dovuto anche – o forse soprattutto – al venir meno di valori e di un progetto di società laico credibile.

Sono finite le ideologie, i valori della Rivoluzione francese (liberté, egalité, fraternité) non si possono ridurre alla libertà, certo importantissima. Perché se si dimentica l’uguaglianza (anche quella tra uomo e donna) e la fraternità, la libertà si coniuga con l’individualismo.

Oggi la religione propone un modello forte e totalizzante, soprattutto il modello dell’islam globale che dà un senso di appartenenza a una comunità che va oltre le frontiere e con l’Isis mette in discussione anche i confini imposti dal colonialismo.

Questa penso sia la forza dell’islam radicale. Che recluta non solo e non tanto tra i diseredati e gli emarginati ma anche tra giovani istruiti, anche europei e tra coloro che non erano musulmani e si convertono, uomini e donne.

Certo le guerre hanno contribuito a incentivare e mobilitare, ma l’idea del martirio è proprio legata alla religione, alla trascendenza.

Non posso però dimenticare l’esperienza algerina degli anni ’90, dove i fautori di uno stato teocratico si sono scontrati con la resistenza di una società che aveva fatto propri i valori della rivoluzione francese, e non certo per imposizione, anzi. 130 anni di occupazione hanno lasciato un astio implacabile degli algerini (tutti) contro i francesi ma anche una contaminazione nella lingua e nella cultura.

In Algeria si sono scontrati violentemente – circa 200.000 morti – due modelli di società uno teocratico e uno laico. Nessuno ha vinto. La violenza dei gruppi armati si è convertita al progetto globale. Questo è avvenuto in Algeria – ignorata dall’occidente – prima della guerra in Iraq, ma dopo la fine dell’occupazione sovietica dell’Afghanistan, dove l’occidente aveva finanziato i gruppi che combattevano in nome della religione la «guerra santa» contro il comunismo. E pur di sconfiggere il comunismo… Ma poi i jihadisti sono tornati a casa e hanno continuato la loro «guerra santa» contro gli infedeli.

E a proposito di martirio non posso dimenticare un’intervista fatta a Islamabad a dirigenti di Lashkar-e Taiba, la sera prima che il gruppo che combatte in Kashmir finisse sulla lista Usa dei gruppi terroristici, quando uno di loro mi disse: «Stavamo combattendo nel Kargil su un ghiacciaio a 4.000 metri, le nostre truppe avevano il morale a terra, allora abbiamo deciso di introdurre gli attacchi suicidi».

E io: «Ma come, i kamikaze per sollevare il morale?!». «Ecco perché non vincerete mai – mi rispose – per noi la vita comincia quando per voi finisce».

FONTE: Giuliana Sgrena, IL MANIFESTO



Related Articles

Se Teheran chiude l’ombrello

Perché l’Italia ha voluto anche Teheran alla Conferenza sull’Afghanistan

La Conferenza di Roma ha visto la partecipazione di un delegato iraniano, a conferma del ruolo svolto dalla Repubblica Islamica nei delicati equilibri dello scacchiere mediorientale. Il regime degli ayatollah muove parecchi fili, soprattutto dove la situazione interna è affetta da cronica instabilità  come l’Afghanistan. E le sorti dei militari italiani a Kabul non sono immuni dalle trame orchestrate da Teheran.

Torna la paura a Washington “Sventato un attacco nel metrò”

E Bin Laden minaccia la Francia: “Puniremo chi proibisce il velo”.  Il nuovo audio del capo di Al Qaeda è stato diffuso da Al Jazeera: per gli esperti è autentico 

Rete Disarmo: “il Governo non deve cambiare da solo la legge sull’export di armi”

   Foto: Disarmo

“No alla Legge Delega come strumento per sistematizzare la materia dell’export di armi”. Lo afferma con forza un comunicato della Rete Italiana per il Disarmo che chiede al Governo di rivedere l’iter della legge e annuncia una campagna nazionale di mobilitazione.

Con l’approvazione in Consiglio dei Ministri il 17 settembre scorso, infatti, il Governo ha messo in atto (si attende una prima firma del Presidente Napolitano per l’ingresso in Parlamento) la modifica della legge 185 del 1990, cioè la legislazione che da venti anni pone l’Italia all’avanguardia sul controllo del commercio di armamenti. Una delegazione di Rete Italiana per il Disarmo è stata convocata venerdì 15 ottobre dal Consigliere Militare di Palazzo Chigi, Ammiraglio Picchi, per un incontro con le strutture tecniche che hanno seguito la stesura del provvedimento ricevendo la spiegazione a grandi linee, dei contenuti del Disegno di legge delega.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment