Sfratti zero. L’Unione Inquilini per una vera politica sulla casa

Sfratti zero. L’Unione Inquilini per una vera politica sulla casa

Si è svolta ieri la quindicesima giornata «Sfratti zero» promossa dall’Unione Inquilini in Italia e dall’Alleanza Internazionale degli Abitanti. Iniziative contro questo dramma contemporaneo sono state fatte in quindici regioni e 27 capoluoghi di provincia. «Gli sfratti non sono considerati una priorità nell’agenda politica – sostiene Massimo Pasquini, segretario nazionale Unione Inquilini – Eppure in Italia i dati sono terrificanti: nel solo 2016, ultimo dato ufficiale disponibile le sentenze di sfratto sono state 61.718 e di queste ben 54.829 per morosità incolpevole, le richieste di esecuzione sono state 158.720». Il dato ancora più duro è quello sugli sfratti effettuati con la forza pubblica: 35.336. Le province con il più alto rapporto tra sentenze di sfratto e famiglie abitanti, dati 2016, sono state: Modena a una sentenza di sfratto ogni 172 famiglie – ogni 34 famiglie in locazione; Barletta/Andria/Trani con 1/181, una sentenza di sfratto ogni 36 famiglie in locazione; Pescara: 1/ 219 ovvero una sentenza di sfratto ogni 42 famiglie in locazione Roma: 1/ 279 ovvero una sentenza di sfratto ogni 56 famiglie in locazione. L’unione Inquilini denuncia l’azzeramento del fondo contributo affitto e l’assenza di politiche per alloggi pubblici.

FONTE: IL MANIFESTO



Related Articles

Istituti per minori: chiusura o lifting?

Per il governo la riconversione è avvenuta. Ma i fatti dicono che non è così. Forse occorrevano strumenti per applicarla

Europa, addio caro vecchio welfare

RAPPORTO SUI DIRITTI Il rapporto tra finanza e economia reale è di 14 a 1. L’indagine curata da Cgil e associazioni. L’ex Belpaese, tra il 2008 e il 2011, ha tagliato la spesa sociale del 78%. Un miliardo di euro a Cpt e Cie

Forum Sbilanciamoci!: dieci proposte per un’Italia sostenibile

“In due anni di governo sono state emanati dieci provvedimenti “anti-crisi” con l’abuso della decretazione d’urgenza e del ricorso alla fiducia, esautorando così il Parlamento, che non hanno affatto fronteggiato le conseguenze produttive e sociali di un declino economico sempre più grave”. : la situazione del paese è invece progressivamente peggiorata. Lo ha denunciato la campagna Sbilanciamoci! durante il Forum alternativo a quello dello Studio Ambrosetti dal titolo Fuori dalla crisi con un’altraeconomiatenutosi sabato scorso a Cernobbio.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment