Cresce la rabbia degli sfollati di Genova: «Andremo sotto casa di Grillo»

Cresce la rabbia degli sfollati di Genova: «Andremo sotto casa di Grillo»

GENOVA. Il 20 settembre il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, a Genova per l’inaugurazione del Salone Nautico, si era spinto fino a Certosa, ai margini della zona rossa, per incontrare gli sfollati di ponte Morandi. Il comitato di cittadini aveva speso per lui aggettivi come rassicurante, delicato, attento, vicino. A una settimana di distanza il giudizio è radicalmente cambiato tanto che Bruno Ravera, presidente del comitato – uno che racconta di avere perso cinque chili dal 14 agosto e che non ne può più di promesse non mantenute – ha lanciato una suggestione. «Sì, siamo pronti ad andare a protestare sotto casa di Beppe Grillo – dice – perché lui è il fondatore del Movimento 5 Stelle e un ministro che fa parte del suo partito, Danilo Toninelli, non ha rispettato, finora, la parola data». Lo stesso ministro che, ieri, ha (non) dato notizie sull’arrivo o meno del «decreto urgenze» visto che la sua affermazione è stata: «Il testo sarà al Colle massimo venerdì».

Dopo 13 giorni di attesa del decreto, l’understatement che finora aveva contraddistinto gli sfollati è svanito. Bruno Ravera, a nome del comitato, fa nomi e cognomi dei politici che stanno prendendo in giro la città. «Abbiamo detto Beppe Grillo perché a Genova abbiamo lui – continua – ma se a Sant’Ilario abitasse Salvini andremo sotto casa di Salvini». Il leader della Lega non abita a Sant’Ilario, ma ha una casa al mare poco distante, a Recco e sia domenica sia lunedì sarà proprio a Genova. Magari, per quella data, il decreto sarà pubblicato in Gazzetta ufficiale. «A quel punto – dice Ravera, inconsapevole di ricalcare una dichiarazione fatta un paio d’ore prima anche dal presidente della Regione Giovanni Toti – temiamo che il nostro malumore possa persino aumentare, ma dipenderà molto da quello che c’è scritto». Nessuna manifestazione è stata annunciata ufficialmente, ma gli sfollati non sono gli unici a essere pronti a scendere in piazza.

«A casa di Grillo, a Roma, siamo pronti a farci sentire dove sia più utile – afferma Beppe Costa, patron dell’Acquario e vicepresidente di Confindustria Genova – perché siamo al limite dell’indecenza, sono passati troppi giorni da quando ci era stato promesso il decreto che, tra l’altro, pare avrà dei tagli pesanti per quanto riguarda il sostegno al porto e alle imprese, e non abbiamo ancora la nomina del commissario».

E ancora, protesteranno in strada i commercianti di Sampierdarena, quelli a sud della strada interrotta a causa del crollo del ponte. Proprio questa mattina organizzeranno un presidio per dire che anche il loro quartiere è in ginocchio. Allo stesso modo l’esasperazione sta fermentando in Valpolcevera, la periferia a nord del viadotto, dove il traffico è bloccato a qualsiasi ora del giorno e della notte. Sui social network i cittadini, pendolari costantemente imbottigliati, si stanno organizzando per andare a protestare sotto i palazzi. I loro attacchi non si spingono fino a Roma, ma si fermano a Comune e Regione per non aver approntato un sistema di viabilità alternativa, come accaduto in altre zone della città. «C’è un’intera comunità che sta soffrendo – continua il presidente del comitato degli sfollati di via Porro e via Campasso – e la tensione che sta montando è il nostro modo di dire che non possiamo aspettare ancora, servono risposte e atti concreti». Tra gli obbiettivi del suo j’accuse anche il viceministro Edoardo Rixi, genovese: «Ci aveva promesso che avrebbe vigilato, e se non si trovasse in un ruolo di governo sarebbe il primo a essere in piazza con noi – dice Ravera – invece in queste settimane ha affinato la capacità di arrampicarsi sugli specchi per giustificare ritardi e incoerenze di ministeri e palazzo Chigi».

* Fonte: Giulia Mietta, IL MANIFESTO



Related Articles

A come agua

Non la farò passar liscia, d’ora in avanti, a chi mi dirà  «la scoperta dell’acqua calda». Qui l’acqua calda non è una garanzia, né una sicurezza. Se la trovate consideratevi fortunati. Di solito i lavelli recano una sola manopola su cui inesorabile compare la lettera F. La Q (che sta per Quente, «calda») la troverete assai di rado, come una sorta di meravigliosa apparizione.

Risveglio italiano

La battaglia dell’acqua in corso da alcuni anni nel nostro Paese ha già  prodotto due risultati di grande importanza storica sul piano politico-culturale. Il primo riguarda l’affermazione in seno alla società  italiana di milioni di persone che pensano che le nostre società , per funzionare in maniera giusta e corretta, devono essere fondate su una reale partecipazione dei cittadini al governo della res publica.

Rifiuti, alta tensione a Napoli i sindaci occupano la Provincia

Nuova protesta dei paesi dell’area vesuviana. E i cittadini delle comunità  vanno a protestare sotto i balconi della Prefettura

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment