Diario di bordo dalla Mare Jonio. I metodi inusuali della guardia costiera libica

Diario di bordo dalla Mare Jonio. I metodi inusuali della guardia costiera libica

Loading

Un’altra giornata di pattugliamento e monitoraggio nel Mediterraneo centrale: ci siamo mossi per tutto il giorno lungo il parallelo che separa le zona Sar maltese e libica, pattugliando il tratto di mare che sta tra le 80 e le 60 miglia a nord della città libica di Zuwarah. In queste ultime 24 ore ci sono stati almeno sette interventi delle tre guardie costiere che operano in questa zona, quella libica, la sedicente guardia costiera libica dato che manca del tutto delle adeguate imbarcazioni e dell’adeguata capacità di intervento e dedita essenzialmente alla caccia dei battelli dei migranti, quella maltese e quella tunisina.

ALMENO SETTE INTERVENTI che hanno coinvolto più di trecento migranti in viaggio. Come abbiamo cercato di denunciare, si tratta di interventi che con una prassi inusuale rispetto a norme del salvataggio in mare, sono stati annunciati solo quando sono stati conclusi, interventi che, contravvenendo alle più elementari norme del diritti marittimo, sono stati tenuti nascosti finché non si sono conclusi.

Già sabato avevamo detto che il primo intervento da mesi maltesi era stato comunicato alle 16.20 quando l’evento del gommone in difficoltà era noto fin dalle 10 del mattino. Il secondo intervento avvenuto domenica da parte dei maltesi non è stato neppure comunicato lungo i canali che dovrebbero essere utilizzati per questo. Eppure tutti sanno che noi stiamo operando in questo tratto di mare e siamo pronti a intervenire per operazioni di soccorso. Non a caso ieri mattina abbiamo ricevuto una chiamata dall’aereo dell’operazione «Sofia», del comando unificato europeo, un aereo con bandiera del Lussemburgo che opera in ricognizione lungo questo tratto di mare.

CI HA SOTTOPOSTO a un vero e proprio interrogatorio sulle persone, i dati e siamo stati ben felici di prestare la nostra collaborazione mettendoci a disposizione di questo ricognitore dall’alto nel caso avesse segnalazioni da inviarci. Ma per tutta la giornata da parte di tutte le autorità, la radio ha taciuto, dimostrando la mancanza di volontà a collaborare con chi come noi si trova in mare pronto a intervenire. Abbiamo occupato il nostro tempo continuando le esercitazioni sul Rib e completando i protocolli sanitari con l’inventario di tutti i medicinali che abbiamo a bordo.

* Fonte: IL MANIFESTO



Related Articles

Black Lives Matter. Impunità per i poliziotti che spararono a Jacob Blake

Loading

Non verrà incriminato nemmeno l’agente che era accorso insieme a Sheskey per rispondere a una chiamata riguardante un problema familiare

Iran. Le città della protesta si moltiplicano e crescono i morti

Loading

31 sinora le vittime. Internet rallentato, app bloccate. Mobilitazione ovunque: «No al turbante, sì alla libertà». Il padre di Mahsa sfida le autorità e parla con la Bbc: «Non mi fanno vedere il suo corpo».

I kurdi in Europa digiunano in solidarietà con i detenuti politici in Turchia

Loading

Da 55 giorni 187 prigionieri politici turchi e kurdi rifiutano il cibo in 20 carceri contro le condizioni di vita disumane

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment