Dalla mozione sulle forniture belliche ai sauditi restano fuori le armi leggere

Dalla mozione sulle forniture belliche ai sauditi restano fuori le armi leggere

Una prima buona notizia a cui manca però qualche pezzo. La mozione di maggioranza approvata ieri dalla Camera dei Deputati impegna il governo italiano a sospendere l’esportazione di «bombe d’aereo e missili» all’Arabia saudita.

E se mancano – come sottolineava ieri in una nota Oxfam – gli altri «membri della coalizione sunnita» impegnata dal 2015 in una brutale offensiva militare contro lo Yemen, «ovvero Bahrein, Egitto, Kuwait e Sudan», manca anche una voce del business italiano verso la petromonarchia saudita: le armi leggere.

Secondo i dati del ComTrade, il database del commercio internazionale tenuto dalle Nazioni unite, nel corso del 2018 l’Italia ha inviato a Riyadh 1,3 milioni di dollari in armi leggere (pari a circa 1,170 milioni di euro) così divisi: 129.746 in pistole e revolver (categorizzati con il codice 9302) e 1.202.268 in fucili e carabine (codice 9303). Ordini, dunque, già evasi.

Il dato conferma il lungo lavoro di monitoraggio di Opal, Osservatorio permanente armi leggere, secondo cui nel 2018 – e per la prima volta dal 1990 – il governo Conte ha autorizzato la vendita di armi leggere ai Saud. Per un valore, a favore dell’azienda bresciana Beretta, di quasi tre milioni di euro comprensivi di fucili d’assalto, carabine, pistole semiautomatiche, silenziatori e binocoli.

«Nella relazione del Ministero degli Esteri relativa al 2018 – ci spiega Giorgio Beretta di Opal – si evince che l’Italia ha autorizzato la vendita di 13,3 milioni di euro in armi a Riyadh, di cui una parte catalogate come 001, ovvero armi leggere di piccolo calibro, fucili automatici e semiautomatici. Dai dati resi pubblici dal Tesoro sappiamo poi che l’azienda Beretta ha ottenuto un pagamento dal governo saudita per materiale esportato per oltre 2,8 milioni di euro».

Incrociando i dati governativi italiani con quelli forniti dall’Onu e dall’Istat, l’impressione (fondata) è che quei 2,8 milioni si riferiscano alla vendita di armi leggere a Riyadh, prodotti di cui la mozione di ieri non prevede la sospensione.

Queste autorizzazioni sono state rilasciate molto probabilmente (visto il codice di autorizzazione molto alto) nella seconda parte dell’anno scorso, e dunque dal governo 5S-Lega: «Menzionando, nella mozione approvata ieri, solo “bombe e missili”, cioè materiali militari prodotti dall’azienda tedesca Rwm Italia – conclude Beretta – il governo fa chiaramente capire che non intende mettere in discussione le forniture belliche di Finmeccanica-Leonardo e le esportazioni di armi della Beretta», conclude Beretta.

La questione non è di lana caprina. In Yemen l’Arabia saudita e i suoi più stretti alleati, a partire dagli Emirati arabi uniti, non si limitano a bombardare dal cielo, ma appoggiano, armano e finanziano le forze governative filo-saudite e gruppi paramilitari, come i secessionisti meridionali (accertati) e milizie vicine ad Al Qaeda. Responsabili, quanto le due capitali sunnite, del massacro di civili yemeniti.

* Fonte: Chiara Cruciati, IL MANIFESTO

 

Foto di Clker-Free-Vector-Images da Pixabay



Related Articles

David Grossman: “Voglio parlare della pace”

Il discorso che lo scrittore ha tenuto ieri alla Fiera di Francoforte: perché bisogna impegnarsi per far cessare il conflitto mediorientale.  “Non posso dire cosa si aspettino i palestinesi: non ho diritto di fare i loro sogni. Posso solo augurare loro che conoscano un’esistenza di libertà  e sovranità “.  “La guerra, per sua natura, annulla le sfumature che rendono unico un individuo e la meravigliosa peculiarità  di ogni essere umano e rinnega anche il nostro comune destino”.  “La letteratura è la stupefazione per l’uomo e per la sua complessità . La scrittura dà  il piacere di immaginare. Per questo mi auguro che il mio Paese trovi la forza di riscrivere la sua storia” .”Solo la fine dello scontro darà  a Israele una casa, un domani, generazioni future. E darà  la possibilità  di vivere una sensazione mai provata: quella di un’esistenza stabile”   Pubblichiamo il discorso che ha tenuto ieri in occasione del conferimento de “Il premio della pace” dell’Associazione degli editori e dei librai tedeschi alla Fiera del libro di Francoforte

Storica sentenza: «Armi ai sauditi, Londra viola la legge»

Golfo. L’Alta corte d’appello ordina la sospensione delle licenze. I giudici accolgono il ricorso dell’associazione Caat. Festeggiano i laburisti: ora inchiesta parlamentare

Isis attacca Suruç, per vendicare Kobane

Turchia. Decine di giovani socialisti uccisi mentre era in corso la conferenza per la ricostruzione di Kobane, esempio della lotta dei kurdi contro i jihadisti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment