La riforma delle pensioni scuote la Francia, la lotta continua

La riforma delle pensioni scuote la Francia, la lotta continua

PARIGI. Nuova giornata di mobilitazione – manifestazioni in tutta la Francia, scioperi in varie categorie, soprattutto nel settore pubblico, trasporti pubblici e scuola in testa, blocchi di raffinerie e di centri commerciali – contro la riforma delle pensioni, ma una minore partecipazione rispetto a giovedì scorso (890mila per i sindacati, 340mila per la polizia), senza incidenti gravi.

OGGI, LA LEGGE “FANTASMA” sarà svelata, con qualche dettaglio in più, dal primo ministro, Edouard Philippe. Ma già avverte: «Non ci sarà rivelazione magica», «non è perché faccio un discorso che le manifestazioni si fermano». I trasporti pubblici saranno in agitazione per tutta la settimana. Non saranno i dettagli a convincere chi protesta e chi l’appoggia (53%), perché è il principio stesso a venire contestato: anche se una maggioranza dei cittadini afferma che una riforma del sistema pensionistico è necessaria, una ancora più grande non ha fiducia nel governo e in Emmanuel Macron per farla. Nei cortei gli slogan sono contro la riforma delle pensioni, ma anche se non soprattutto contro Macron.

LA SITUAZIONE È CONFUSA, perché dietro i due grandi schieramenti – il governo da un lato, i sindacati dall’altro – sono in corso battaglie all’interno di entrambi i fronti. L’idea di una riforma delle pensioni era nel programma elettorale di Emmanuel Macron. Una riforma “equa”, riferendosi a proposte nate nella “seconda sinistra” e alla Cfdt (ma anche la Cgt anni fa parlava di «casa comune delle pensioni»). L’idea è di trasformare un sistema che oggi è diviso in 42 sistemi diversi (con una dozzina di “regimi speciali” molto particolari) in un sistema unico, a punti (sul modello svedese), dove un euro versato in contributi valga la stessa cosa per tutti, che conservi il sistema per ripartizione e tenga conto dei cambiamenti di lavoro che esistono oggi, dei passaggi tra pubblico e privato, dei periodi di precariato. Ma subito nascono le domande: come si calcola il punto e chi lo fa? Chi garantisce che non diminuisca il valore? Come tener conto delle differenze, uomini e donne, lavori usuranti, diversa speranza di vita tra operai e quadri? Quando entrerà in vigore? Cosa fare dei diritti acquisiti?
Ieri, Philippe Aghion, Jean Pisani-Ferry, Antoine Bozio e Philippe Martin, quattro economisti che avevano ispirato il programma elettorale di Macron, sono intervenuti su Le Monde: «Gli obiettivi centrali della riforma – leggibilità, sicurezza, fiducia equità – sono stati oscurati da considerazioni di bilancio che sviano dall’essenziale». Nello schieramento governativo la destra che occupa tutti i posti-chiave a Bercy (economia), ha cercato di inserire nella riforma di “sistema”, la pensione a punti, la questione della tenuta delle pensioni stesse, introducendo il problema del livello delle pensioni future e dell’età pensionabile.

Edouard Philippe avverte: «Se non si fa una riforma seria, profonda, programmata oggi, qualcun altro la farà domani brutale, davvero brutale». Si è così diffusa l’idea che la riforma sia pensata per risparmiare sulle pensioni e le dichiarazioni del governo – «il valore del punto non diminuirà» – non vengono credute («chi ci dice che un prossimo governo manterrà la parola?»).

Nel 1960, c’erano 4 attivi per un pensionato, oggi 1,7 e in certe categorie, come tra i ferrovieri o nel trasporto pubblico urbano, per un attivo ci sono due-tre pensionati. Adesso i ministri di Economia e Bilancio, Bruno Le Maire e Gérard Darmanin, dicono «non siamo dogmatici», «saremo decisi sui principi ed elastici sulle modalità», ma non cambia il tetto del pil dedicato alle pensioni, il 14%. Il dubbio ormai è instillato, tanto più che l’alto commissario, Jean-Paul Delevoye, ha nascosto di essere consulente delle compagnie di assicurazione, fomentando il timore di una deriva verso i fondi privati.

UNA RIFORMA NATA nei think tank social-democratici è diventata uno spauracchio ultra-liberista. Una riforma che avrebbe dovuto garantire la continuità del sistema pensionistico nel tempo è ormai vista come uno schiaccianoci che fa solo dei “perdenti” (a cominciare dagli insegnanti, il loro sindacato afferma che potranno perdere fino a 900 euro di pensione al mese, una “falsa simulazione” per il governo, in piazza anche i ballerini dell’Opéra). Ma anche nel fronte degli oppositori non c’è uno schieramento unanime. La Cfdt, primo sindacato francese, è d’accordo sul principio della pensione a punti, ma non vuole sentir parlare di alzare l’età pensionabile. La Cgt chiede il “ritiro” della riforma: «non voglio che i nostri nipoti ci dicano: tu sei andato in pensione a una certa età ma in contropartita hai sacrificato la nostra pensione», spiega il segretario Philippe Martinez. La protesta contro la pensione a punti ha fatto tornare in primo piano tutti i malesseri più generali e di categoria (anche i poliziotti, che manifestano oggi a Parigi) già emersi negli ultimi anni di fronte a una società sempre più ineguale. La Cgt e gli altri sindacati più combattivi devono fare i conti con una base che segue i gilet gialli.

* Fonte: Anna Maria Merlo, il manifesto

Photo: CGT France



Related Articles

Lavoro, emorragia di posti: disoccupazione all’11,2%, record dal 1999

(Fotogramma)(Fotogramma)

Disoccupazione ancora ai massimi livelli in Italia. Il tasso di disoccupazione a dicembre è all’11,2%, in rialzo di 0,1 punti percentuali su novembre e di 1,8 punti su base annua. Lo rileva l’Istat (dati destagionalizzati e provvisori). Il tasso resta ai massimi da gennaio 2004, inizio delle serie mensili, e dal primo trimestre ’99, guardando alle trimestrali. A dicembre 2012 il numero di disoccupati risulta pari a 2 milioni 875 mila, in lieve aumento (+4 mila) rispetto a novembre. Su base annua la disoccupazione cresce del 19,7%, ovvero di 474 mila unità .

Fiat, pressing Fiom contro la firma tecnica

Lettera dei delegati Mirafiori alla Camusso. Oggi vertice con la Cgil.  Nel vivo la campagna per il referendum: si potrà  votare da giovedì sera

L’Europa apprezza la legge che non c’è

La commissione scalpita contro l’articolo 18. «Lo slancio della riforma del mercato del lavoro del governo italiano deve essere mantenuto anche in parlamento, che è responsabile della sua rapida adozione», avverte il commissario europeo al Lavoro, Laszlo Andor

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment