Diritti Globali: ‘galleggiamento politico risposta peggiore’

Diritti Globali: ‘galleggiamento politico risposta peggiore’

ROMA, 04 FEB – “Una politica che naviga a vista, ‘partiti Zelig’ senza visione, governi senza progetto votati al galleggiamento, sono la risposta peggiore, che alimenta la malattia”. E’ l’analisi dello scenario politico del Rapporto sui Diritti Globali, curato da Società INformazione Onlus di Sergio Segio e promosso dalla Cgil con l’adesione delle maggiori associazioni italiane impegnate sui temi dei diritti.
“La competizione esclusiva al centro politico si è, naturalmente, tradotta anche in abbandono di cospicue fasce di cittadini, del lavoro, delle povertà, dei ceti popolari e anche dei ceti medi impoveriti e proletarizzati”, scrive Segio. “Fasce e ceti – aggiunge – divenuti ora la base di massa dei populismi”, che non possono essere contenuti sotto il livello di guardia “senza una proposta radicale e radicalmente nuova. Che sappia dunque anche rinnovare forme e qualità delle istituzioni”.



Related Articles

Rapporto Diritti globali: «Il capitalismo non funziona, è ora di cambiarlo»

Rapporto Diritti Globali. La 17esima edizione presentata ieri in Cgil. Il titolo esortativo: “Cambiare il sistema” sulla spinta della mobilitazione globale dei giovani contro il cambiamento climatico

Le ONG devono reagire alla demonizzazione. Intervista a Marco De Ponte

Costruire cambiamento e giustizia sociale, promuovendo potere dal basso. Intervista a Marco De Ponte, dal 16° Rapporto sui diritti globali

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment