Diritti globali: il 2020 l’anno del ‘virus contro i diritti’

Diritti globali: il 2020 l’anno del ‘virus contro i diritti’

Loading

“È stato un anno duro e difficile. Per tutti”, ma non per tutti allo stesso modo: “Le diseguaglianze abissali, cresciute negli scorsi decenni, si sono approfondite ulteriormente durante la pandemia da coronavirus”.
Il diciottesimo Rapporto sui diritti globali, intitolato “Il virus contro i diritti”, ripercorre i dodici mesi che hanno sconvolto l’intero pianeta, gli equilibri economici, sociali e ambientali.    Come scrive il curatore del Rapporto, Sergio Segio, a livello globale sono accresciute le “disuguaglianze economiche”, con milioni di nuovi disoccupati e di impoveriti, le “diseguaglianze di salute”, con differenti livelli di esposizione e di possibilità di cura, quelle “culturali e sociali”, e di genere e anagrafiche, perché quest’anno è stato “più duro per le donne, con percentuali ancora più elevate di violenza domestica e indici più elevati di perdita del lavoro.
E, naturalmente, più pesante per gli anziani”. Il volume è curato dall’associazione Società INformazione, con la Cgil ed edito da Ediesse-Futura.

Il progetto quest’anno è divenuto internazionale, in collaborazione dell’Association Against Impunity and for Transitional Justice, indagando lo “Stato d’impunità nel mondo”, ed è stato presentato al Parlamento Europeo. Nell’ultima parte raccoglie tante storie, a partire da quella ancora aperta di Patrick Zaki. E sulla copertina riporta i volti stilizzati di chi negli ultimi anni ha pagato con la vita la battaglia per i diritti e ne è diventato il simbolo, come Giulio Regeni, Daphne Caruana, George Floyd.

“Il virus – scrive il segretario della Cgil, Maurizio Landini – ha svelato crudelmente che uno sviluppo basato sulla finanza e sulla crescente diseguaglianza non è sostenibile né per l’uomo né per la natura, insieme alla fragilità del nostro sistema sociale e in particolare quello dell’assistenza delle persone”. Il rapporto mette in guardia dal “capitalismo dei disastri”, da “un mercato senza regole, che ha mobilitato gli appetiti e gli interessi delle multinazionali del digitale, oltre che del farmaceutico e della finanza speculativa” e da un futuro “delegato a tecnologie intelligenti”, dall’uso improprio dei Big Data, dalle ulteriori diseguaglianze della telemedicina o della didattica a distanza. Anche nei Paesi con una consolidata democrazia, “uno stato di emergenza, ovvero la necessità di governare una situazione nuova, difficile e temporanea, facilmente può slittare ed essere trasformato in uno Stato di eccezione”, sottolinea Segio, 90 Paesi hanno adottato leggi di emergenza, 42 misure che limitano la libertà di espressione, 122 che impediscono quella di assemblea o riunione, 41 con effetti sulla privacy. (ANSA).

 

Image by Gerd Altmann from Pixabay

 



Related Articles

Frontiere chiuse

Loading

Oggi si discuterà il piano turco. Ma per la Grecia, inondata di profughi, non basterà Sul tavolo del vertice a Bruxelles la sospensione di Schengen (e un calendario per riattivarlo) Ma tornare ai vecchi confini costerà alla Ue 10 miliardi all’anno

Arin, dall’università alle trincee «Noi, ragazze curde contro l’Isis»

Loading

La battaglia di Kobane nel racconto della 19enne Arin: «La mia famiglia mi sostiene»

Il Sultano scatenato

Loading

Da ieri agli arresti, oltre a 650 civili e a più di 6 mila soldati, ci sono anche 8mila agenti di polizia, ai quali si aggiungono 130 generali dello stato maggiore turco finiti in galera insieme a 800 magistrati

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment