Pandemia: «un disastro evitabile», lo afferma un rapporto indipendente

Pandemia: «un disastro evitabile», lo afferma un rapporto indipendente

La pandemia è stata un «disastro evitabile» e dichiarare l’emergenza prima del 30 gennaio 2020 «avrebbe potuto salvare 3,4 milioni di vite». Lo sostiene un rapporto indipendente pubblicato anche sulla rivista The Lancet, con il titolo Covid-19: Make it the Last Pandemic. Il rapporto è nato da una richiesta, datata maggio 2020, dell’Assemblea Mondiale della Sanità al direttore generale dell’Oms, per l’avvio di una revisione indipendente, imparziale e completa sulla risposta sanitaria internazionale alla pandemia da Covid.

Sotto accusa i leader globali, ma anche la stessa Oms, per quella che gli esperti definiscono la «Chernobyl del XXI secolo». «Possiamo dire che ci sono stati ritardi evidenti in Cina, ma ci sono stati ritardi ovunque», ha commentato l’ex prima ministra neozelandese Helen Clark, co-presidente del panel. Gli esperti hanno esaminato per otto mesi la diffusione della pandemia e le misure adottate dall’Oms e dagli Stati per affrontarla, trovando «anelli deboli in ogni punto della catena».

Per Ellen Johnson Sirleaf, ex presidente della Liberia e copresidente del panel, «la situazione in cui ci troviamo oggi, una pandemia catastrofica che ha ucciso più di 3,25 milioni di persone e continua a minacciare vite e mezzi di sussistenza in tutto il mondo, avrebbe potuto essere prevenuta». Mentre si sollecitano riforme radicali tali da assicurare risposte più efficaci, più risorse per la prevenzione e la comunicazione dai governi e dall’Oms e la creazione di un «Consiglio per le minacce alla salute globale», guidato dai capi di Stato. Ma anche, a breve, un impegno concreto da parte dei Paesi ricchi a fornire vaccini per il resto del mondo.

L’intero lavoro sarà presentato durante la 74esima Assemblea Mondiale della Sanità, che si terrà dal 24 maggio al 1 giugno 2021.

* Fonte: il manifesto



Related Articles

“Il volontariato vuole un ruolo politico”: associazioni verso la Conferenza

La vicepresidente Danese (Csvnet) fa il punto sui lavori preparatori dell’appuntamento a L’Aquila dal 5 al 7 ottobre: “Dai territori la richiesta di partecipazione”

Immigrazione, divieto di critica. Torna il reato di vilipendio

Un avvocato dice in piazza che i decreti Minniti-Orlando sono «allucinanti» e scatta la denuncia: «Vilipendio delle istituzioni e delle forze armate»

Morire davanti al ministero per una malattia dimenticata

PROVIAMO a fare a meno della retorica, e a dire la verità. Per esempio, che le persone che non sono malate, o non gravemente, pensano che i malati di malattie gravi e progressive siano un po’ meno vivi. Più vicini a morire, dunque sempre meno vivi e poi quasi morti… La morte di Raffaele Pennacchio costringe a ripensarci. O piuttosto la vita.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment