Stop alle trivelle, Italia condannata a risarcire la multinazionale

Stop alle trivelle, Italia condannata a risarcire la multinazionale

Il ricorso era stato avviato dall’azienda petrolifera e del gas dopo che, il 29 gennaio 2016, un decreto ministeriale ha fermato le trivelle, non rilasciando più il titolo

 

Una batosta. L’Italia dovrà pagare 190 milioni di euro, più gli interessi al 4% per gli ultimi sei anni, per aver bloccato la realizzazione della piattaforma petrolifera «Ombrina Mare» sulla Costa dei Trabocchi, una delle zone più belle dell’Adriatico centrale, in provincia di Chieti.

È l’epilogo dell’arbitrato internazionale intrapreso, nel 2017, dalla multinazionale inglese Rockhopper. Il ricorso era stato avviato dall’azienda petrolifera e del gas dopo che, il 29 gennaio 2016, un decreto ministeriale ha fermato le trivelle, non rilasciando più il titolo. Secondo la società del Regno Unito è stato violato il Trattato sulla Carta dell’Energia e per questo, evitando la giustizia italiana, si è rivolta al Centro internazionale per il regolamento delle controversie (Icsid) e un triumvirato composto da Klaus Reichert, Charles Poncet e Pierre-Marie Dupuy le ha dato ragione. «Rockhopper – dice la ricercatrice di Lanciano (Ch) Maria Rita D’Orsogna, docente universitaria negli Usa e attivista ambientale – pagò circa 30 milioni di dollari per l’acquisto di Ombrina, ora riceverà una cifra spropositata».

Contro l’impianto ci sono stati dieci anni di battaglie sul territorio, ricorsi alla magistratura e cortei di decine di migliaia di persone. Il progetto prevedeva perforazioni e una nave desolforante sempre attiva che – rimarca D’Orsogna – «avrebbe sputato inquinamento notte e giorno, e questo non ha prezzo. È una decisione che ci lascia amarezza. Questo arbitrato, portato avanti da tre uomini vicini al mondo del petrolio, non si è mai preoccupato di coinvolgere i residenti, di capire il perché delle nostre lotte, di vedere quanto più sana sia la Costa dei Trabocchi oggi, con il fiorire di mille attività turistiche. Abbiamo visto un mare e un futuro più puliti».

«Un paesaggio da favola e un distretto vitivinicolo di rilevanza internazionale», aggiunge Il Prc, con Maurizio Acerbo, che, assieme al Forum Acqua Abruzzo, con Augusto De Sanctis, e al movimento Nuovo Senso Civico, con Alessandro Lanci, punta l’indice contro il Trattato sulla Carta dell’Energia, da cui oggi l’Italia ha receduto ma che all’epoca aveva sottoscritto. «Una sciagurata decisione – rimarcano – quella di aderirvi, rinunciando alla nostra sovranità democratica. Grazie a questo accordo le multinazionali possono fare causa contro leggi dello Stato».

* Fonte/autore: Serena Giannico, il manifesto



Related Articles

Appalti. Sblocca cantieri, in piazza la protesta contro la legge della giungla

Cgil, Cisl e Uil in piazza contro lo «scempio» voluto da Lega e Cinque Stelle oggi al Senato. Emendamento demagogico sulla videosorveglianza negli asili e nelle case di cura. Una misura di becera propaganda

Oltre la trappola del territorio

Territorio. «Recinti urbani. Roma e i luoghi dell’abitare», un libro collettivo per manifestolibri

VACANZE “NO COST” BARATTO AL POSTO DEI SOLDI

Un sito fa incontrare domanda e offerta In 2550 bed & breakfast italiani ospitalità  in cambio di beni o servizi    

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment