Pensionati alla fame: uno su tre sotto i 1.000 euro

INPS. I dati sul 2021 confermano: nessun aumento dei costi. Ancora da attuare la separazione previdenza-assistenza

 

Il «Casellario pensionati» reso noto ieri dall’Inps conferma quanto siano false le percezioni sulla previdenza italiana. I dati aggiornati a fine 2021 testimoniano gli effetti di ormai lungo periodo provocati dalla riforma Fornero del 2013.

Gli assegni da pensione in Italia sono bassi o bassissimi e penalizzano soprattutto le donne. Dei 16 milioni di pensionati, quasi un terzo – il 32,8% – ha redditi da pensione (formati spesso dalla somma di vari trattamenti: ogni pensionato riceve infatti 1,41 trattamenti) inferiori a mille euro al mese – la cui media annua è 19.443 euro – e la maggior parte sono donne.

Il gap di genere è pesante: l’importo medio dei redditi percepiti dalle donne è infatti inferiore rispetto a quello degli uomini del 27%: 16.501 contro 22.598 euro.
A confutare gli allarmi sull’aumento della spesa previdenziale, l’Inps certifica che «rispetto al 2020 – anno peggiore della pandemia – «il numero di prestazioni è aumentato dello 0,2% e il corrispondente importo complessivo annuo è aumentato dell’1,7%».

Degli oltre 22,7 milioni di trattamenti, la fetta più grande è nettamente di pensioni di vecchiaia – 12,1 milioni, in costante aumento negli ultimi anni – mentre continuano a calare quelle di invalidità, ormai stabilmente sotto il milione: 996 mila l’anno scorso. Costanti invece le pensioni ai superstiti (o di reversibilità) pari al 20,2%.

È significativo anche il divario territoriale: nel Nord si concentra il 47,8% dei pensionati e il 50,8% della spesa (157,93 miliardi). Il reddito da pensione pro capite al Nord è pari in media a 20.723 euro a fronte dei 20.640 del Centro e dei 17.065 del Mezzogiorno (19.782 la media nazionale esclusi i pensionati residenti all’estero). Il dato è legato alla più alta percentuale di pensioni previdenziali al Nord basate su un numero più alto di anni di contributi. Al Sud ci sono il 32,2% dei pensionati complessivi per il 28,1% della spesa (87,49 miliardi su quasi 311, esclusa la spesa per quelli all’estero).

A riprova che l’annoso dibattito sulla separazione necessaria fra previdenza e assistenza è ancora di grande attualità, le pensioni di tipo «assistenziali» sono ben quasi 4,4 milioni , pari al 19,2% del totale, sebbene pesino solo per l’8,2% della spesa complessiva.

* Fonte/autore: Massimo Franchi, il manifesto



Related Articles

Ger­ma­nia, le ragioni della svolta

nel sot­to­li­neare più volte il fatto che la Ger­ma­nia è un paese forte e sano, Angela Mer­kel lascia inten­dere che solo l’esercizio ordi­na­rio del rigore per­mette l’esercizio straor­di­na­rio della soli­da­rietà

Cadavere in un fosso al Cairo, forse è Giulio Regeni

Egitto. Mancano conferme ufficiali dalle autorità egiziane tuttavia il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha espresso «cordoglio ai famigliari» di Giulio Regeni

“Soldati all’estero” addio al pacifismo proteste in piazza per la svolta di Abe

PECHINO. A settant’anni dalla fine della Seconda guerra mondiale il Giappone rinuncia ad essere una super-potenza pacifista. La Camera bassa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment