Alluvione in Emilia-Romagna. La Food Valley diventa death valley

Alluvione in Emilia-Romagna. La Food Valley diventa death valley

Loading

Migliaia di animali annegati, chiusi nei recinti intensivi: «Non risarcite gli allevatori che potevano salvarli»

 

Dalla food valley alla death valley. Le immagini degli allevamenti alluvionati sono raccapriccianti: migliaia di animali morti annegati, galleggianti nel fango, accatastati. Molti di questi erano rinchiusi in recinti angusti e gabbie, fatte apposta per non farli scappare.

Secondo le stime della Coldiretti, nelle zone alluvionate ci sono circa 250mila bovini, maiali, pecore e capre e 400 allevamenti avicoli. In montagna e nelle zone isolate ora mancano i rifornimenti di acqua e fieno. La Coldiretti stima migliaia di alveari distrutti. L’Emilia-Romagna è una delle regioni con il maggior numero di animali allevati e strutture intensive, con oltre 20 milioni di avicoli, 1 milione di suini, 579mila bovini (Banca dati nazionale dell’Anagrafe zootecnica).

«A BERTINORO in una ricognizione effettuata qualche giorno dopo l’alluvione – spiega Chiara Caprio, portavoce di Essere Animali – il nostro team investigativo ha filmato un centinaio di maiali morti all’esterno di un capannone in un allevamento con migliaia di suini. A Bagnacavallo, nel Ravennate, i maiali nuotavano nei recinti allagati. In un allevamento di San Lorenzo in Noceto, tre capannoni sono stati travolti e più di 60mila galline sono morte. Diversi maiali morti anche a Lugo. Purtroppo questi animali sono confinati in aziende in cui molto spesso manca un piano di evacuazione per le emergenze».

LA REDAZIONE CONSIGLIA:

Emilia Romagna, arrivano due miliardi per l’emergenza: in campo anche la Ue

«DOPO L’ALLUVIONE abbiamo salvato maiali, cavalli, asini, pony, volatili, capre, pecore provenienti da fattorie didattiche o piccoli allevamenti – spiegano i ragazzi dell’associazione Horse Angels – più complicato è stato salvare gli animali negli allevamenti intensivi. A Villanova di Bagnacavallo siamo stati chiamati dai residenti, ma quando siamo arrivati nell’allevamento allagato, con i maiali dentro, il proprietario ci ha impedito di entrare, ci sono stati attimi di tensione, e sono intervenute anche le forze dell’ordine», raccontano Carmelo, Alex e Nicolas.

L’associazione ha scritto al presidente Bonaccini: «Chiediamo che non siano risarciti quegli allevatori che non hanno fatto nulla o addirittura impedito di salvare i loro animali, laddove si possa dimostrare che costoro avrebbero potuto aprire i cancelli e liberarli, oppure trasferirli altrove, e che non lo hanno fatto con lo scopo di lucro». Anche Animal LiberAction si è attivata per trovare una nuova sistemazione a una quarantina di conigli, dispersi nelle campagne tra acqua e fango e salvati da alcuni volontari.

A FAENZA, 600 maiali sono morti in un allevamento intensivo, gli animali che sono riusciti a salvarsi sono scappati nelle campagne. Toccante la testimonianza di Elena: «Qualche giorno dopo l’alluvione, mentre pulivamo la casa da acqua e fango, in uno scenario post bellico, abbiamo sentito un rumore dietro una siepe e abbiamo visto sbucare un maiale scappato da un allevamento, che per la fame iniziava a masticare una porta di legno trascinata lì dalla piena. Lo abbiamo chiamato Alfred, gli abbiamo dato da mangiare, ci faceva compagnia e ci rasserenava gli animi. Doveva prenderlo in carico una fattoria didattica, ma era microchippato e il suo proprietario è venuto a riprenderlo per portarlo all’allevamento, destinato al macello. Ce lo hanno praticamente strappato via, lui urlava e piangeva, noi anche. Perché in mezzo a tutta questa merda, salvare una vita era una cosa che riportava un po’ di senso e speranza. Volevamo salvarlo da un settore che ha materialmente contribuito a distruggere il pianeta e alterare il clima, con le conseguenze in cui qua siamo immersi fino alle ginocchia ogni giorno».

IL SETTORE ZOOTECNICO contribuisce infatti alle emissioni climalteranti, secondo Fao e Ipcc, in una percentuale di circa il 14.5%, ma al contempo aggrava anche l’inquinamento dell’aria e delle acque. Gran parte delle zone colpite alluvionate erano già Zvn, Zone Vulnerabile ai Nitrati, a causa dei reflui degli allevamenti, con falde acquifere fortemente contaminate. Dopo un disastro di questo tipo, con reflui, carcasse e sostanze chimiche disperse nel fango, l’inquinamento delle acque non può che peggiorare.

* Fonte/autore: Linda Maggiori, il manifesto

 

 

 

ph by Humane Society of the United States, CC BY 3.0 <https://creativecommons.org/licenses/by/3.0>, via Wikimedia Commons



Related Articles

Brasile verso lo sciopero generale. I giovani si mobilitano, la sinistra esce dall’angolo

Loading

Piazze piene a difesa dell’educazione pubblica, in vista del «più grande sciopero generale nella storia del paese», il 14 giugno. Manifestazioni in almeno 136 città di 25 stati

La rivoluzione del biologico made in Italy

Loading

Nel 2015 le produzioni bio hanno fatto registrare un aumento del 20 per cento. Al top le regioni del Sud, dove i consumi sono però ai minimi.

Acqua pubblica, il rebus del 7%

Loading

Da oggi la tariffa che remunera il capitale è fuori legge. Come sarà  utilizzata?. In Puglia 50 litri al giorno gratis solo se ci saranno avanzi di bilancio. Ma per i comitati si potrebbero finanziare con quel 7% recuperato

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment