Israele: l’unico paese che manda i ragazzini davanti ai tribunali militari

Israele: l’unico paese che manda i ragazzini davanti ai tribunali militari

Loading

Nella lista dei detenuti da liberare donne e minori. Ma non mancano militanti di Hamas. La condizione nelle carceri di Israele resta critica: torture e 6 morti dal 7 ottobre

 

Dal 7 ottobre Hamas ha fatto del rilascio dei prigionieri palestinesi uno dei suoi principali obiettivi, indicando che la cattura degli ostaggi aveva lo scopo di «ottenere il rilascio di tutti i detenuti palestinesi». Prima dell’operazione “Tempesta di al-Aqsa”, il loro numero nelle carceri israeliane era di circa 5.300. Ma sono diventati «10mila in un mese, con oltre 2mila in detenzione amministrativa, senza nessuna accusa precisa», secondo quanto riporta Human Rights Watch.

L’ELENCO dei prigionieri inclusi nell’accordo di mercoledì è stato rivelato ieri dal ministero della Giustizia israeliano. Secondo il quotidiano Haaretz la lista include 300 nomi – prevalentemente donne e minori -, un numero dunque doppio rispetto a quanto concordato, «nel caso Hamas localizzi altri ostaggi israeliani che possano essere rilasciati in cambio di altri prigionieri». Tel Aviv ha rifiutato di rilasciare i prigionieri condannati per omicidio, mentre sempre secondo Haaretz ha detto sì alla liberazione di «detenuti e attivisti appartenenti ad Hamas, al Jihad islamico o al Fronte popolare per la liberazione della Palestina».

Ieri Addameer – un’organizzazione non governativa palestinese che monitora le condizioni di detenzione dei prigionieri – e la Commissione Indipendente per i Diritti Umani hanno fatto un aggiornamento relativo alla condizione dei detenuti nelle prigioni israeliane. «Il servizio carcerario israeliano (Ips) – indica l’ultimo report dell’Ong – continua a reprimere i prigionieri in modo brutale con numerose forme di tortura fisica e psicologica tra cui la disidratazione, la fame, la confisca dei beni di prima necessità e la mancanza di cura per i malati».

DAL 7 OTTOBRE, «sei prigionieri palestinesi sono morti in prigione», ha dichiarato Qaddoura Fares, ministro dell’Autorità palestinese responsabile per i detenuti palestinesi, che accusa Israele «di negare l’accesso alle cure», sostenendo che Tha’er Abu Asab, l’ultimo prigioniero deceduto, sia morto di cancro per «mancanza di cure adeguate».
Addameer ha indicato che attualmente sarebbero in detenzione oltre «200 minorenni e 75 donne». Tra loro spicca anche l’incarcerazione di Ahed Tamimi, attivista per la causa palestinese, accusata «di aver pubblicato su Instagram un post incitante la resistenza alle violenze israeliane».

Come denunciato da Save the Children, Israele è l’unico paese al mondo che «detiene e persegue i minori nei tribunali militari con processi iniqui, arresti violenti e interrogatori coercitivi». Dal report Injustice, pubblicato dall’ong lo scorso luglio, emerge che ogni anno «tra i 500 e i 1000 minori della Cisgiordania sono trattenuti all’interno del sistema di detenzione militare israeliano» e la principale accusa a loro carico sarebbe «il lancio di pietre», che può comportare una condanna a 20 anni di carcere.

* Fonte/autore: Stefano Mauro, il manifesto

 

 

 

ph by https://www.addameer.org/



Related Articles

La masseria della lotta

Loading

IL GIORNO dello sciopero, sabato 30 luglio, c’erano più di dodici gruppi di lavoratori mandati a lavorare nei campi di raccolta delle angurie e dei pomodori. Il gruppo con cui lavoravo e che raccoglieva i pomodori era composto da 28 sudanesi, 11 ghanesi, 5 burkinabe e 1 camerunese, io. D’altra parte, ero l’unico camerunense in tutta la Masseria.

Cospito, le opzioni (illegali) del governo: Nutrizione forzata, TSO e psichiatra

Loading

L’avvocato difensore di Cospito, Flavio Rossi Albertini ha presentato già una diffida al ministero della Giustizia. Il tribunale pensa a un eventuale trasferimento in ospedale, in caso di peggioramento

Cile. L’impunità della polizia e la ribellione dei mapuche

Loading

Reportage. L’agente che assassinò Camilo Castrillanca, il giovane divenuto simbolo di lotta permanente nelle piazze, se l’è cavata con una condanna lieve. Durissima invece la repressione delle proteste

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment