Mentre Gaza muore, il Consiglio di Sicurezza dell’ONU rimanda

Mentre Gaza muore, il Consiglio di Sicurezza dell’ONU rimanda

Loading

Le agenzie delle Nazioni unite «furiose» mentre gli Usa facevano rinviare la risoluzione sulla tregua. «I medici camminano sui corpi». L’esercito israeliano occupa il campo di Jabaliya. Gallant: «Espanderemo le operazioni di terra»

 

Nella Striscia ieri non si smetteva di morire, mentre il Consiglio di Sicurezza dell’Onu continuava a rinviare il voto sulla risoluzione annacquata dalle pressioni Usa: nessun cessate il fuoco, ma «misure urgenti per una sospensione delle ostilità» (e non ancora votate al momento di andare in stampa).

Le ultime stragi hanno avuto come teatro i luoghi più martoriati, il campo profughi di Jabaliya e la città più a sud della Striscia, Rafah. Il luogo simbolo della prima Intifada, Jabaliya, è un cumulo di macerie. «I corpi sono ovunque – continuava a dire ieri il giornalista di al Jazeera Anas al-Sharif – Le vittime sono per terra. Ci sono cadaveri in pezzi. Non si può descrivere».

LA REDAZIONE CONSIGLIA:

Il simbolo dell’Intifada, la culla dei comitati popolari

E poi c’è Rafah, dove si sono spostate centinaia di migliaia di persone in fuga prima dal nord e poi da Khan Yunis, oggi principale fronte di guerra dopo l’occupazione del nord da parte dell’esercito israeliano.

POCHI GIORNI FA fa Philippe Lazzarini, portavoce dell’agenzia Onu per i rifugiati palestinesi, Unrwa, aveva detto che la città «ha quadruplicato il numero di persone in una notte. Manca tutto, non è un posto dove possono stare un milione di persone». Anche perché cadono le bombe. «Dormivamo quando abbiamo sentito un’enorme esplosione – dice Jihad Zoorob, sfollato a Rafah da Gaza city, alla Bbc – Siamo sfuggiti alla morte per miracolo, ci hanno tirato fuori dalle macerie».

Miracolo, fortuna: staying alive is only a matter of luck, restare vivi è solo questione di fortuna, era il titolo del comunicato di lunedì di Medici senza Frontiere. Non ce l’hanno avuta i parenti di Jihad: nel raid su Rafah ha perso nove familiari. Solo alcuni dei 19.667 palestinesi uccisi dal 7 ottobre, dal lancio dell’offensiva israeliana seguita all’attacco di Hamas in Israele (1.200 uccisi). Andrebbero aggiunti migliaia di dispersi ma ormai si è perso il conto.

Secondo l’Unicef, oltre 7.700 sono bambini. Il Fondo Onu per l’infanzia è stato tra le agenzie delle Nazioni unite che ieri a Ginevra, a poche ore dal voto al Consiglio di Sicurezza, sono esplose di rabbia impotente. Unicef, Unrwa, Oms si sono dette «furiose».

«Sono furioso che bambini che si stanno riprendendo da amputazioni in ospedale vengano uccisi in quegli ospedali – ha detto James Elder, portavoce Unicef – Furioso che Natale porterà una crescente ferocia mentre il mondo è distratto dall’amore per sé. Furioso con me stesso per non essere in grado di fare di più». «È da non credere che il mondo permetta che questa situazione vada avanti, è immorale», ha aggiunto Margaret Harris, Organizzazione mondiale della sanità.

La dichiarazione delle agenzie Onu arriva tra le notizie sulle condizioni degli ospedali di Gaza, quelli ancora aperti. «I medici camminano sui morti per curare bambini che moriranno comunque», la nota terribile di ieri di Medici senza Frontiere che descriveva la situazione al Nasser Hospital di Khan Yunis, colpito due volte in 48 ore. «I pochi fortunati che sopravvivono hanno ferite che cambiano la vita. Ustioni gravi, fratture che se non curate richiederanno l’amputazione», ha detto Chris Hook, responsabile locale di Msf.

LA REDAZIONE CONSIGLIA:

La strage di civili a Gaza deve continuare

Intanto l’Ahli al-Arab – l’ospedale bombardato il 17 ottobre e oggetto di inchieste per scoprire l’origine del raid, jet israeliani o missili del Jihad islami – ha ufficialmente smesso di funzionare dopo arresti di massa di medici e pazienti, come accaduto anche al Kamal Adwan Hospital e ieri, di nuovo, allo Shifa di Gaza city.

CADE ANCHE l’Al-Awda: secondo Msf, ieri l’esercito israeliano ne ha assunto il controllo dopo 12 giorni di assedio. Tutti i maschi sopra i 16 anni sono stati presi, spogliati, legati e interrogati. Tra loro anche sei membri di Medici senza Frontiere, poi rimandati dentro.

Perché dentro ci sono ancora 240 persone (80 sanitari, 40 pazienti e 120 sfollati), senza acqua. L’Al-Awda è l’ospedale di Jabaliya, il campo che ieri sera l’esercito israeliano ha annunciato di aver del tutto occupato, oltre ad aver «smantellato la brigata nord di Hamas»: «Jabaliya non è più quella di prima», ha detto il generale Itzik Cohen. In contemporanea arrivavano le parole del ministro della Difesa israeliano Gallant: le operazioni di terra «si espanderanno ad altre aree», ha detto dal confine con la Striscia, definendo Khan Yunis «nuova capitale del terrore».

Preso il nord, le autorità israeliane si spingono sempre più giù, prima che agli occhi del premier Netanyahu sia troppo tardi, prima cioè che il mondo imponga (a lui e a Washington) di smettere.

* Fonte/autore: Chiara Cruciati, il manifesto



Related Articles

Attentato in Venezuela con droni esplosivi mentre Maduro parla ai militari

Loading

Sette i feriti. Maduro, illeso, accusa la destra e la Colombia. Sei arresti

Le sanzioni mandano la Russia in recessione

Loading

Crollo storico del rublo, prezzo del petrolio a picco. Le perdite della Saipem (Eni) per South Stream

“È il simbolo delle rivolte” la Cina abolisce il gelsomino

Loading

 Divieto di vendita e censure sul web: il fiore diventa fuorilegge. Gli ipotetici tentativi di una rivoluzione post-maoista sono finiti ancora prima di cominciare. Per il gelsomino però, nella sua cara Cina, sono iniziati i tempi duri. Il nome è stato cancellato dal vocabolario, poi dal lessico, infine dalla Rete. Ogni messaggio che contenga il termine «gelsomino» in caratteri cinesi, viene oscurato dalla censura.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment