Gaza. Gli alibi e le conseguenze dopo la sentenza de L’Aia

Gaza. Gli alibi e le conseguenze dopo la sentenza de L’Aia

Loading

La sentenza di ieri dichiara plausibile la violazione della Convenzione sul genocidio da parte dello Stato d’Israele, non ordina il cessate il fuoco

 

Dalle macerie del diritto internazionale, dopo tante guerre che l’hanno devastato, e dell’Onu le cui sedi il governo israeliano ha bombardato, fa capolino la voce di una sentenza insieme storica e sibilante, quasi di svolta, ma che allo stesso tempo, per gli attuali rapporti di forza nel mondo peggiori della Guerra fredda, rischia di apparire come alta posizione di principio ma lontana dalla necessità di fermare subito la mattanza in corso a Gaza. Perché la guerra continuerà.

La Corte internazionale di giustizia dell’Aja, i principale organo giudiziario dell’Onu nelle controversie tra Stati, era chiamato ieri in questa prima sentenza non a decidere se quel che commette Israele è genocidio o meno. Ma «solamente» se aveva giurisdizione sul caso e se era accettabile l’imputazione per genocidio richiesta dal Sudafrica; se insomma in quello che è accaduto in questi tre mesi e mezzo nella Striscia di Gaza, dopo l’attacco criminale di Hamas del 7 ottobre, si può raffigurare una violazione della Convenzione contro il genocidio della quale è firmataria Israele stessa. Bene, la Corte, respingendo la richiesta di Israele di archiviare l’accusa sudafricana, dichiara che atti riguardanti l’offensiva militare israeliana «plausibilmente» raffigurano il genocidio, quindi accetta – e ci vorranno anni per sentenziarlo però – che lo Stato d’Israele sia imputato di genocidio all’Aja.

Non era scontato. Del resto era assai difficile nascondere i più di 25mila morti (finora) per gran parte civili, le migliaia di bambini uccisi, le decine di migliaia di feriti e mutilati, il 70% delle abitazioni rase al suolo, il sistema umanitario della Striscia fatto a pezzi, gli aiuti alimentari e sanitari negati per un milione e 700mila persone in fuga sotto le bombe e alla fame, mentre il personale sanitario e i giornalisti finisce nelle fosse comuni.

LA REDAZIONE CONSIGLIA:

«L’Olocausto è unico. La memoria si pratica nella lotta per i diritti»

Il fatto non è da poco. Basta vedere la reazione del premier Netanyahu che accusa la Corte di «oltraggio» e di molti ministri israeliani, quello della sicurezza, il fascista Ben Gvir, che bolla la Corte dell’Aja come «antisemita», e quello della Difesa Yoav Gallant per il quale «la Corte è andata oltre accogliendo la richiesta antisemita del Sudafrica». E sì che a decidere per la risoluzione votata dai 17 giudici – con maggioranze da 15 a 2, o da 16 a 1 – ci sono ostati membri “indipendenti” ma di Paesi dichiaratamente filoisraeliani come Usa, Gran Bretagna Germania, Australia.

E basta ascoltare le reazioni, quelle palestinesi: l’esponente di Hamas Sami Abu Zuhri dichiara che la decisione della Corte «isola Israele»; l’Anp con il ministro degli esteri Riyad al Maliki «plaude alla sentenza a favore dell’umanità e alle misure provvisorie necesse arie, e vincolanti, ordinate dalla Corte contro Israele per evitare il genocidio»; e quelle della Commisione europea, Josep Borrell, Alto rappresentante per gli esteri, insiste quasi sullo stesso tema: «Le ordinanze della Corte di giustizia sono vincolanti per le parti e queste devono rispettarle: l’Ue si aspetta la loro piena, immediata ed effettiva attuazione».

Ecco il punto, la sentenza di ieri che dichiara plausibile la violazione della Convenzione sul genocidio da parte dello Stato d’Israele, non ordina il cessate il fuoco. La giudice americana Joan E. Donoghue, presidente della Cig ha altresì chiesto con chiarezza alle autorità israeliane di adottare «misure per prevenire atti di genocidio nella Striscia di Gaza», di «prevenire e punire l’incitamento diretto e pubblico a commettere un genocidio dei palestinesi», inoltra dà un mese di tempo a Tel Aviv per riferire alla Corte sulle misure prese, senza «alterare prove», e Israele deve consentire subito e in modo efficace l’ingresso degli aiuti umanitari. La Corte, che ha chiesto anche la liberazione degli ostaggi, obbliga dunque Israele ad adottare misure per proteggere i palestinesi. Ma, fatto dirimente, non gli ordina di porre fine alle operazioni militari nella Striscia di Gaza.

Chi può farlo allora? Né serve ricordare che la stessa Corte invece nel 2022 impose il cessate il fuoco alla Russia per la guerra all’Ucraina, perché l’imposizione fu tutt’altro che ascoltata. È abbastanza evidente che questa sentenza indirettamente, richiami il ruolo del Consiglio di sicurezza dell’Onu, già bloccato su questa crisi però dal veto Usa e ostaggio di Usa, Gran Bretagna, Russia e Cina.

Così accade che ieri sera l’Algeria, membro permanente dal 1 gennaio del Consiglio di sicurezza, ringraziando il Sudafrica, abbia chiesto la convocazione del massimo organismo Onu «per dare effetto vincolante alla decisione della Corte internazionale di giustizia sulle misure temporanee imposte all’occupazione israeliana».

Ecco che torna quel protagonismo e quella solidarietà post-coloniale di una parte del Sud del mondo che non dimentica i massacri coloniali nel nord-Africa, né Mandela che paragonava la liberazione dall’apartheid del Sudafrica a quella della Palestina, né il sostegno dei governi israeliani ai misfatti bianchi del regime razzista di Pretoria, né il genocidio tedesco degli Herero in Namibia; e che sa bene che la litania «due popoli e due stati» è una chiacchiera offensiva se non si riconosce che c’è un solo Stato, quello d’Israele, e che quello palestinese impedito con le guerre in questi decenni dai governi israeliani a cominciare dallo stesso Netanyahu – che ha sempre intrattenuto buoni rapporti con Hamas in chiave anti-Fatah -, ora è letteralmente cancellato dalla miriade di insediamenti coloniali che ne impediscono la continuità territoriale.

È un protagonismo che sfida sulla tragedia di Gaza apertamente gli Stati uniti – tra l’altro Biden, Blinken e Austin sono accusati da ieri in casa, da un tribunale della California, di concorso in genocidio con Israele . Perché da oggi in poi, se è «plausibile» che atti militari di Israele a Gaza siano genocidio, vuol dire che può altrettanto essere imputato di «plausibile genocidio». ogni nuovo veto, invio di armi e sostegno militare, ogni reticenza politica che riconosce la vita e i diritti dei palestinesi solo a belle parole.

* Fonte/autore: Tommaso Di Francesco, il manifesto



Related Articles

Mediterraneo. La procura ordina: «Subito lo sbarco dei bambini soli»

Loading

Concesso alla Sea Watch di ancorare davanti alla costa di Siracusa. Ma la nave dell’Ong tedesca, con 47 naufraghi a bordo di cui 13 minorenni, resta senza un porto

«Odio razziale» contro i rom

Loading

NAPOLI Arrestati 18 affiliati ai clan. Nel 2010 diedero fuoco a un campo nomadi

CPR di Torino: «L’urlo di Moussa Balde ha superato mura e sbarre»

Loading

In parlamento arriva il «Il Libro nero del Cpr di Torino», scritto dopo la morte del ragazzo. L’autopsia ha confermato l’ipotesi del suicidio, ma nel corso delle indagini il capo di accusa è cambiato: da istigazione al suicidio a omicidio colposo. Nel registro degli indagati, per ora, la direttrice e il responsabile medico del Cpr

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment