I mille volti dello sciopero sociale, oggi prove generali di coalizione

I mille volti dello sciopero sociale, oggi prove generali di coalizione

L’ambizione dello scio­pero sociale, orga­niz­zato oggi in ven­ti­cin­que città dai sin­da­cati di base (Cobas, Usb Cub e Adl Cobas), dai cen­tri sociali, dagli stu­denti (Rete della Cono­scenza) e da asso­cia­zioni del lavoro pre­ca­rio o a par­tita Iva è rap­pre­sen­tare tutte le sfu­ma­ture della sotto-occupazione, dei sotto-salari, del lavoro povero, volon­ta­rio e ser­vile esi­stenti in Ita­lia. Secondo i pro­mo­tori, que­sta con­di­zione verrà dra­sti­ca­mente peg­gio­rata dal Jobs Act in discus­sione in par­la­mento, con l’abolizione dell’articolo 18 per i neo-assunti e l’introduzione del «con­tratto a tutele cre­scenti» che sospende i diritti dei lavo­ra­tori per un lungo periodo a discre­zione dell’impresa.

La piat­ta­forma richiede l’abolizione dei 46 con­tratti pre­cari della legge 30; la crea­zione di un sala­rio minimo euro­peo da 10 euro e un red­dito di base uni­ver­sale finan­zia­bile con la fisca­lità gene­rale. Viene auspi­cata la redi­stri­bu­zione dei 1,5 miliardi di cofi­nan­zia­mento euro­peo della fal­li­men­tare «garan­zia gio­vani» ai suoi reali bene­fi­ciari (under 29, lau­reati o inoc­cu­pati) e non alle agen­zie inte­ri­nali o agli enti di for­ma­zione. Signi­fi­ca­tiva è l’apertura rispetto al mondo del lavoro auto­nomo, quello iscritto alla gestione sepa­rata dell’Inps, e quello del lavoro pro­fes­sio­nale ordi­ni­stico. Per loro si chiede equità fiscale e con­tri­bu­tiva e l’estensione dei diritti sociali fon­da­men­tali (malat­tia e mater­nità ad esem­pio). Un’apertura che ha spinto all’adesione allo scio­pero della Mobi­li­ta­zione gene­rale degli avvo­cati (Mga), un gruppo nume­roso che ha rin­no­vato la poli­tica forense negli ultimi anni.

Pre­po­tente è la ver­tenza con­tro il «lavoro gra­tuito» sta­bi­lito dall’accordo sin­da­cale del 2013 per l’Expo. In poco più di un anno è diven­tata una bat­ta­glia sim­bo­lica per la retri­bu­zione di tutti i lavori, che siano sotto forma di stage, tiro­cini, prove, volon­ta­riato. «Quello di oggi non è lo scio­pero di un sog­getto unico – sosten­gono gli atti­vi­sti del labo­ra­to­rio romano per lo scio­pero sociale – ma è una mobi­li­ta­zione dell’insieme dei sog­getti del lavoro pre­ca­rio, auto­nomo e impo­ve­rito per creare una coa­li­zione». La mobi­li­ta­zione non si decli­nerà nella sola forma dell’astensione da una pre­sta­zione salariata.

Lo scio­pero sarà onni­pre­sente sui social net­work e si decli­nerà come «scio­pero di genere», inten­dendo il genere un «mezzo di pro­du­zione sociale» che mette a valore le dif­fe­renze ses­suali, gli stili di vita o il lavoro di cura. Sarà uno «scio­pero per la cul­tura»: per ripen­sare il diritto d’autore fuori dal mono­po­lio della Siae o gestire in maniera «tra­spa­rente e par­te­ci­pata» i fondi pub­blici. Forte è l’attenzione per i beni comuni e alla bat­ta­glia con­tro lo Sblocca Ita­lia. Per que­sto il Forum ita­liano per l’acqua ha ade­rito. Lo scio­pero sarà «migrante»: la coa­li­zione inter­na­zio­nale dei Sans Papiers «Migranti Rifu­giati e Richie­denti Asilo» mani­fe­sterà alle 14 a piazza Mon­te­ci­to­rio. E coin­vol­gerà la scuola dove i Cobas saranno in scio­pero gene­rale. L’Usb ha dichia­rato quat­tro ore di scio­pero gene­rale a livello nazio­nale. Alle mani­fe­sta­zioni ha ade­rito anche Rifon­da­zione Comunista.

In que­sto arci­pe­lago è emersa l’esigenza di creare uno «spa­zio per­ma­nente e gene­rale di mobi­li­ta­zione» che in Ita­lia manca dal 2011, dopo la gior­nata del 15 otto­bre. Da allora sem­bra essere cam­biato l’approccio tra alcune reti di movi­mento. «Si è pas­sati dalla com­pe­ti­zione alla coo­pe­ra­zione» è stato detto nel corso di un’assemblea alla Sapienza dell’11 novem­bre dove anche il segre­ta­rio della Fiom Mau­ri­zio Lan­dini ha pro­vato a sil­la­bare il con­cetto di «coalizione».

Ven­gono inol­tre risco­perte parole sep­pel­lite dall’industrialismo e dalla cre­denza che il sala­riato fosse la cate­go­ria cen­trale attorno alla quale riu­nire i fram­menti del lavoro. Il mutua­li­smo, ad esem­pio, oggi con­si­de­rato come una pra­tica tra­sver­sale capace di rivol­gersi alle esi­genze dei sin­goli, e non solo alle loro iden­tità pro­fes­sio­nali o pre­ca­rie. Da Torino (piazza Arba­rello, ore 9,30) a Milano (Largo Cai­roli), da Bolo­gna (Sala Borsa) a Napoli (piazza Man­cini) a Roma (piazza della Repub­blica) par­ti­ranno le mani­fe­sta­zioni clas­si­che in forma di sfi­lata (o parata). All’alba fino alla notte di oggi ci saranno bloc­chi, pre­sidi e sit-in. Alcune azioni di sen­si­bi­liz­za­zione sono par­tite ieri sera in molte città, da Nord a Sud, nei luo­ghi dell’intrattenimento e della movida, luo­ghi del pre­ca­riato giovanile.



Related Articles

Amnesty-FoEI: “Ingannevoli i dati della Shell sulle fuoriuscite di petrolio in Nigeria”

   Perdite di petrolio dalla conduttura della Shell – Foto: ©Kadir van Lohuizen

 Amnesty International e Friends of the Earth International (FoEI) hanno presentato nei giorni scorsi un reclamo ufficiale (in .pdf) contro la Shell “per violazioni degli standard di base sulla responsabilità  delle imprese” stabiliti dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

La realtà delle nuove tute blu e quell’anomalia ignorata

Speriamo che questa volta la città di Prato decida, come sembra, il lutto cittadino perché i sette operai cinesi che ieri hanno perso la vita nel rogo di una delle tante fabbriche-dormitorio del distretto vanno onorati e ricordati come vittime del lavoro in Italia. Come fossero delle nostre tute blu.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment