L’Isis giustizia 150 donne per aver rifiutato la schiavitù

Gli attori che lavo­rano alla spar­ti­zione etnica dell’Iraq sono molti. C’è l’Isis che prende di mira le mino­ranze reli­giose e i sun­niti che non si pie­gano al calif­fato; ci sono gli Stati Uniti che pun­tano ad un Iraq fede­rale, diviso in tre enclavi etni­che; ci sono Ara­bia Sau­dita e Tur­chia che imma­gi­nano un Medio Oriente sepa­rato in due entità, una sun­nita e una sciita.

Gli stru­menti sono diversi, mili­tari quelli di Washing­ton, vio­lenti quelli di al-Baghdadi. Tea­tro della nuova bar­ba­rie isla­mi­sta è Fal­lu­jah, città della pro­vin­cia di Anbar, tra le più inquiete fin dai tempi di Sad­dam Hus­sein, roc­ca­forte della resi­stenza sun­nita e pal­co­sce­nico di duris­simi scon­tri tra truppe Usa e insorti negli anni dell’occupazione.

Un mas­sa­cro quello com­piuto a Fal­lu­jah, secondo il Mini­stero ira­cheno per i Diritti Umani: un mili­ziano isla­mi­sta, Abu Anas al-Libi, avrebbe giu­sti­ziato da solo oltre 150 donne che ave­vano rifiu­tato di diven­tare le mogli-concubine dei com­bat­tenti Isis. Ave­vano detto no al “matri­mo­nio della Jihad”, Jihad el-Nikah, pila­stro dell’ideologia pre­di­cata dal califfo al-Baghdadi.

Le donne sareb­bero state sepolte nell’ennesima fossa comune. A dicem­bre 2013, mesi prima dell’inizio dell’avanzata dell’Isis, la pro­vin­cia di Anbar era stata par­zial­mente presa dalle mili­zie di al-Baghdadi: Ramadi e Fal­lu­jah sono state tea­tro del primo ten­ta­tivo di occu­pa­zione del califfo, che ha appro­fit­tato della rab­bia sun­nita per l’assenza di Bagh­dad e l’esclusione dal potere poli­tico ed eco­no­mico del paese.

E se il califfo fa leva sulla vio­lenza indi­scri­mi­nata per divi­dere le etnie ira­chene e siriane (mer­co­ledì nella pro­vin­cia di Deir Ezzor in Siria è stata tro­vata una fossa comune con i cada­veri di 230 mem­bri della tribù Shai­tat, sol­le­va­tasi con­tro l’Isis), c’è chi agi­sce seguendo vie legit­ti­mate dalla comu­nità inter­na­zio­nale. I pesh­merga – con­si­de­rati il più valido brac­cio armato con­tro lo Stato Isla­mico – dopo due giorni di con­trof­fen­siva a Sin­jar hanno aperto un cor­ri­doio per libe­rare migliaia di yazidi rima­sti intrap­po­lati da ago­sto sul monte asse­diato dall’Isis.

Un’operazione che il pre­si­dente del Kur­di­stan ira­cheno, Bar­zani, sot­to­li­nea essere stata con­dotta dalle sole forze mili­tari kurde, nell’indifferenza di Bagh­dad. I pesh­merga, soste­nuti da 45 raid della coa­li­zione, hanno attac­cato il monte Sin­jar da Zumar, a est, strap­pando all’Isis almeno 7 villaggi.

La con­trof­fen­siva, dicono i gene­rali kurdi, era volta a libe­rare quella parte della mino­ranza yazidi ancora nella morsa isla­mi­sta. Del dramma del popolo yazidi media e comu­nità inter­na­zio­nale par­la­rono per giorni ad ago­sto, aprendo la strada all’intervento della Casa Bianca: i primi raid Usa col­pi­rono le posta­zioni Isis a Sin­jar, men­tre gli aiuti uma­ni­tari pio­ve­vano (con non pochi errori) sui pro­fu­ghi. Poco dopo, la mino­ranza è finita nel dimen­ti­ca­toio: chi è riu­scito a rag­giun­gere il Kur­di­stan­vive oggi in palazzi in costru­zione o sotto i ponti, quasi privo di aiuti.

Molti altri erano invece rima­sti intrap­po­lati a Sin­jar, dopo la fuga dei pesh­merga che all’epoca pre­fe­ri­rono non scon­trarsi con gli isla­mi­sti. Cosa cam­bia oggi? Sin­jar è un punto stra­te­gico per la pro­te­zione di Irbil, a metà strada tra la Siria e i con­fini con il Kur­di­stan ira­cheno. All’inizio dell’offensiva, l’Isis rispar­miò il Kur­di­stan e si parlò di accordi sot­to­banco per la spar­ti­zione del ter­ri­to­rio tra isla­mi­sti e kurdi ira­cheni, che appro­fit­ta­rono del caos per pren­dersi la ricca Kirkuk.

Ma oggi che l’Isis punta ad Irbil, tea­tro di attac­chi kami­kaze e atten­tati alla fron­tiera, Bar­zani – che aveva spe­rato di otte­nere dall’avanzata isla­mi­sta mag­giore auto­no­mia da Bagh­dad – non dorme più sonni tran­quilli. Si muove anche Washing­ton, nono­stante il man­tra del “nes­suno sti­vale sul ter­reno”: secondo rap­porti locali ira­cheni, ad Anbar alcuni degli oltre 3mila con­si­glieri mili­tari Usa si sareb­bero diret­ta­mente scon­trati con mili­ziani Isis per evi­tare la caduta della pro­vin­cia e l’allargamento del fronte islamista.

Che con­ti­nua a espan­dersi: secondo il quo­ti­diano israe­liano Haa­retz tre gruppi anti-Assad che hanno giu­rato fedeltà all’Isis nelle ultime set­ti­mane (Shu­hada al-Yarmouk, la Bri­gata Abu Moham­med al-Tilawi e Beit al-Maqdis) si sareb­bero con­cen­trati intorno Deraa, la città siriana al con­fine con Israele e con­trol­le­reb­bero – insieme al Fronte al-Nusra – la zona del valico di Quneitra.

Nei mesi appena tra­scorsi le truppe di Dama­sco hanno perso il con­trollo del sud, per il 90% in mano a oppo­si­zioni isla­mi­ste e lai­che. Secondo le Nazioni Unite, le mili­zie anti-Assad avreb­bero con­tatti diretti con Israele che avrebbe con­se­gnato armi e rico­ve­rato quasi 400 mili­ziani feriti nei pro­pri ospedali.

L’eventuale pre­senza dell’Isis mesco­le­rebbe le carte sul tavolo israe­liano che ha finora agito al fine di raf­for­zare le oppo­si­zioni lai­che (ma non solo) per neu­tra­liz­zare Assad e l’esercito arabo più impo­nente al con­fine, man­te­nere la Siria – come dice l’analista israe­liano Harel – in «una sta­bile insta­bi­lità» e aiu­tare indi­ret­ta­mente la distru­zione del paese, che per anni sarà occu­pato a rico­struirsi disin­te­res­san­dosi di Israele.



Related Articles

Ecpat: “Oltre 2 mila bambini vittime di sfruttamento sessuale”

Dati Interpol aggiornati al settembre 2011. Provengono da 41 paesi. I trasgressori identificati sono stati 1144. I siti internet che offrono immagini di minori sono 200 mila, oltre 4 miliardi di dollari l’anno di introiti illeciti

Sigari, rum e cene romane: i segreti del viaggio a Cuba

Il negoziato tra l’Avana e Washington raccontato da uno dei protagonisti

Marzo 2013: fine dell’emergenza Nord Africa?

  Rifugiati, l’emergenza non finisce – Foto: altracitta.org

Nell’ormai lontano 12 febbraio 2011, a seguito degli sconvolgimenti politici che hanno interessato i Paesi del Nord Africa, in particolare la Libia, venne dichiarato in Italia lo stato d’emergenza, allo scopo di gestire la mole di arrivi dal Mediterraneo dei cosiddetti “profughi libici”.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment