Migranti, pronta la bozza di riso­lu­zione Onu

Migranti, pronta la bozza di riso­lu­zione Onu

Una bozza di riso­lu­zione dell’Onu sull’emergenza immi­gra­zione nel Medi­ter­ra­neo sarebbe già pronta a New York e potrebbe essere pre­sen­tata uffi­cial­mente il pros­simo 18 mag­gio. Nello stesso giorno, ma a Bru­xel­les, l’Alto rap­pre­sen­tante Ue per la poli­tica estera Fede­rica Moghe­rini — che lunedì par­te­ci­perà a una riu­nione del Con­si­glio di Sicu­rezza Onu — pre­sen­terà le pro­po­ste con cui l’Europa intende con­tra­stare i traf­fi­canti di uomini che orga­niz­zano i viaggi di migranti nel canale di Sici­lia. Stesso obiet­tivo di un piano pre­sen­tato sem­pre ieri e sem­pre al Con­si­glio di sicu­rezza delle Nazioni unite anche dal mini­stro degli Esteri Paolo Gentiloni.

Gli sforzi delle diplo­ma­zie euro­pee e inter­na­zio­nali per fron­teg­giare l’emergenza immi­gra­zione hanno avuto nelle ultime ore un’improvvisa acce­le­ra­zione. Sforzi mirati soprat­tutto a otte­nere pre­sto il via libera da parte dell’Onu a un piano di inter­vento euro­peo nel canale di Sici­lia che con­senta di met­tere fine a un immo­bi­li­smo che dura ormai da mesi.
La data fis­sata, per ora, è appunto il pros­simo 18 mag­gio, giorno in cui si incro­ce­ranno due appun­ta­menti: a New York il Con­si­glio di sicu­rezza dovrebbe ren­dere pub­blica la riso­lu­zione neces­sa­ria a dare una cor­nice di lega­lità inter­na­zio­nale entro la quale l’Ue potrà agire. La bozza di testo su cui si sta lavo­rando avrebbe avuto il via libera già da Gran Bre­ta­gna e Fran­cia, i due mem­bri euro­pei del Con­si­glio di sicu­rezza che, secondo quanto appreso dall’Ansa, avreb­bero ormai posi­zioni «molto vicine». Un primo passo che ha con­sen­tito di avviare già ieri la discus­sione della bozza anche con Stati uniti, Rus­sia e Cina. Anche se i con­te­nuti della bozza sono ancora molto incerti, è bene ricor­dare come nei giorni scorsi pro­prio il segre­ta­rio gene­rale dell’Onu Ban Ki-moon abbia boc­ciato senza mezzi ter­mini la pro­po­sta ita­liana di bom­bar­dare i bar­coni dei traf­fi­canti all’ancora nei porti libici. L’ipotesi più pro­ba­bile, è quindi quella che si ten­terà di inter­cet­tare, abbor­dan­doli e affon­dan­doli, prima che i traf­fi­canti li cari­chino di migranti. Lunedì pros­simo comun­que il con­si­glio di sicu­rezza tor­nerà a riu­nirsi nuo­va­mente per fare il punto e alla riu­nione sarà pre­sente anche la Moghe­rini che rife­rirà sui col­lo­qui avuti nelle scorse set­ti­mane con l’Unione afri­cana e i paesi arabi. E’ chiaro che la il caos poli­tico e mili­tare pre­sente in Libia, Paese dal quale parte la quasi tota­lità dei bar­coni, rende la situa­zione estre­ma­mente delicata.

Ma il 18 mag­gio sarà un giorno fon­da­men­tale anche per il fronte euro­peo, quando a Bru­xel­les si terrà il secondo appun­ta­mento della gior­nata con la riu­nione del con­si­glio Affari Esteri e Difesa dei 28. Potendo pre­su­mi­bil­mente già con­tare sul via libera avuto dalle Nazioni unite, la Moghe­rini pre­sen­terà il piano messo a punto in que­ste set­ti­mane. Pochi giorni fa l’Alto rap­pre­sen­tante ha scar­tato con deci­sione la pos­si­bi­lità più peri­co­lo­sam vale a dire quella di un inter­vento armato. «Non stiamo pre­pa­rando un’operazione mili­tare in Libia», ha assi­cu­rato. L’idea sarebbe quindi quella di uti­liz­zare al mas­simo le infor­ma­zioni pro­ve­ni­neti dai ser­vizi per inter­cet­tare i bar­coni, dis­sua­dere le par­tenze con una mas­sic­cia pre­senza di navi mili­tari e pro­vare a bloc­care i flussi finan­ziari delle orga­niz­za­zioni cri­mi­nali. Inol­tre si pun­terà a rea­liz­zare accordi bila­te­rali con i Paesi con­fi­nanti con la Libia in modo da bloc­care i traf­fi­canti prima che attra­ver­sino la fron­tiera. Il pro­blema, non da poco, è che in que­sto modo si fer­me­reb­bero anche i migranti, uomini, donne e bam­bini in fuga da guerre e per­se­cu­zioni pre­senti nei Paesi di ori­gine. Per loro il piano euro­peo pre­ve­de­rebbe l’attuazione di quanto pre­vi­sto dal pro­cesso di Khar­toum, ovvero al rea­liz­za­zione di campi festiti dalle orga­niz­za­zioni inter­na­zio­nali dove ver­reb­bero accolti e dove esa­mi­nare le richie­ste di asilo.

Per­ché que­sto si con­cre­tizzi dav­vero, per­ché i campi non si tra­sfor­mano in recinti utili solo a trat­te­nere i migranti lon­tani dall’Europa, ser­vi­rebbe però un impe­gno reale da parte dell’Unione euro­pea a modi­fi­care il rego­la­mento di Dublino, per­met­tendo così una divi­sione più equa dei pro­fu­ghi tra gli Stati mem­bri. Su que­sto punto però, finora pur­troppo si sono regi­strate solo resi­stenze. Anche se va detto che un pic­colo passo è stato fatto ieri con l’approvazione, da parte della com­mis­sione Libertà civili dell’Europarlamento, di una prima modi­fica al rego­la­mento di Dublino che con­sente l’esame delle richie­ste di asilo pre­sen­tate dai minori non accom­pa­gnati nel Paese in cui il minore si trova a e non in quello in cui è sbar­cato e ha pre­sen­tato domanda per la prima volta.


Tags assigned to this article:
Mediterraneo

Related Articles

Condannata per un caso di razzismo la banca nata per gli extracomunitari

Condannata per un caso di razzismo la banca nata per gli extracomunitari

Il caso riguarda un dipendente di Extrabanca che si era candidato alle Comunali nella lista per Pisapia. Era stato insultato per il colore della pelle dal presidente

Annullata la sospensione: uccisa Lisa Montgomery, l’ultima vittima di Trump

Stati Uniti. Annullata la sentenza che sospendeva l’esecuzione della donna, omicida con una grave malattia mentale e anni di torture e abusi alle spalle. Il Covid-19 «salva» due condannati a morte: tutto rinviato a marzo, ma ci sarà Biden

LO SHOCK E L’AZZARDO

NON è stato quel mercoledì da leoni che si poteva immaginare. Ma nemmeno quel giorno da pecora che si poteva

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment