La Repub­blica si festeggia con la pace

La Repub­blica si festeggia con la pace

Il 2 giu­gno si festeg­gia la Repub­blica (più pre­ci­sa­mente l’anniversario del refe­ren­dum che segna il pas­sag­gio dell’Italia da un regime monar­chico ad un ordi­na­mento repub­bli­cano) e non la nazione e la patria, che sono cose ben diverse, più vaghe e anche più discu­ti­bili. Nè tanto meno è la festa delle Forze Armate, che hanno il loro giorno di festa, il 4 novembre.

Non si capi­sce per­ciò per­ché il 2 giu­gno i festeg­gia­menti della Repub­blica siano in modo pre­pon­de­rante occu­pati –anche dal punto di vista dei costi, par­liamo di alcuni milioni di euro– dalle esi­bi­zioni delle «frecce tri­co­lori» e dalla sfi­lata di mezzi mili­tari, sol­dati in armi ai Fori Impe­riali, la via — giova sem­pre ricor­darlo– voluta dal fasci­smo (allora si chia­mava via dell’Impero) per osten­tare il pro­prio «ful­gore» mili­ta­ri­sta e imperialista.

Che le «feste nazio­nali» (di varia tipo­lo­gia) siano con reto­rica patriot­tarda ricor­date «in armi» è pur­troppo un’abitudine non solo ita­liana nell’occidente demo­cra­tico (pen­siamo alla Fran­cia), ma è molto in voga anche (e soprat­tutto) tra i paesi auto­ri­tari, nazio­na­li­sti e dit­ta­to­riali. L’esibizione, l’ostentazione delle armi e della forza mili­tare è un retag­gio –di cui pur­troppo non riu­sciamo a libe­rarci– che serve a darci una par­venza di orgo­glio e sicurezza.

Una sicu­rezza effi­mera in tempi di ter­ro­ri­smo inter­na­zio­nale, ma soprat­tutto in una situa­zione di crisi, come quella dell’Italia dove ci sono 6 milioni di per­sone che vivono in con­di­zione di «povertà asso­luta», più di 1 milione di cas­sin­te­grati e oltre 3 milioni di disoc­cu­pati. La Repub­blica Ita­liana, ricor­dia­molo sem­pre, ha una sua Costi­tu­zione che dice all’articolo 1 di essere «fon­data sul lavoro» e la festa di oggi pur­troppo è all’insegna del «non lavoro» con il 13% di disoc­cu­pati di cui oltre il 44% tra i giovani.

Una ben più con­creta sicu­rezza — di quella in armi — sarebbe quella del lavoro, di un wel­fare che fun­ziona, di un’economia che riprende a mar­ciare.
Si è cer­cato in que­sti anni — sulla spinta delle orga­niz­za­zioni paci­fi­ste– di cam­biare almeno la con­ce­zione della «difesa» del paese intro­du­cendo il con­cetto di «difesa non armata».

Si può «difen­dere» il paese anche con il ser­vi­zio civile e la non­vio­lenza, senza biso­gno di armi. 50mila cit­ta­dini hanno appena sot­to­scritto un pro­getto di legge di ini­zia­tiva popo­lare per intro­durre la «difesa non armata» nel nostro ordinamento.

Per que­sto è impor­tante che nella stessa gior­nata della sfi­lata dei blindo e dei vol­teggi delle «frecce tri­co­lori» la pre­si­denta della Camera Laura Bol­drini ospiti 600 ragazze e ragazzi in ser­vi­zio civile nell’aula di Mon­te­ci­to­rio, spen­dendo solo qual­che migliaia di euro.

Ma a parte que­sto gesto sim­bo­li­ca­mente impor­tante, il 2 giu­gno sarà pur­troppo in modo pre­pon­de­rante all’insegna delle armi.

Che senso abbia spen­dere alcuni milioni di euro per una sfi­lata mili­tare non si capi­sce. O forse sì. A parte la reto­rica nazio­nale sem­pre da rin­fo­co­lare, una ragione è pro­prio quella della legit­ti­ma­zione dell’aumento della spesa mili­tare ed in par­ti­co­lare degli inve­sti­menti nei sistemi d’arma: tra F35, fre­gate Fremn, som­mer­gi­bili, ecc. oltre 20 miliardi di euro nei pros­simi anni. Inve­sti­menti di cui sono con­tente l’industria bel­lica, le società e i con­su­lenti che sul busi­ness delle armi hanno fatto in que­sti anni la loro for­tuna. E un’altra ragione è la ricerca del con­senso per le tante ope­ra­zioni mili­tari all’estero, nel segno di un ruolo sem­pre più inter­ven­ti­sta delle nostre Forze Armate.

Sarebbe bello che il 2 giu­gno tor­nasse invece ad essere vera­mente la festa della Repub­blica, senza tanti fasti guer­rieri e con più sobrietà civile. Una Repub­blica che ha tra i suoi prin­cipi fon­da­men­tali il «ripu­dio della guerra» (arti­colo 11) e che si festeg­gia facendo sfi­lare i mezzi che ser­vono a farla la guerra rischia di per­dere il suo fon­da­mento, le sue radici.

Altri invece sono i valori a met­tere al cen­tro di que­sta gior­nata: il lavoro, la demo­cra­zia ed i diritti, la pace.



Related Articles

Profughi, visti e basi militari i fronti aperti con l’Occidente

Dall’accordo sui flussi migratori alla guerra in Siria: ecco perché la Ue teme il possibile asse con Putin

Omicido Khashoggi, la prima crepa per i Saud (e per l’alleato Occidente)

Trump ha inviato ieri d’urgenza il segretario di Stato Mike Pompeo, più che per accertare un’indicibile verità sulla fine del giornalista Jamal Khashoggi, per capire se i Saud reggono ancora

Hacker cinesi all’attacco degli Usa “Rubati i segreti del Pentagono”

 Spiati i progetti dei missili Patriot e dei nuovi caccia F-35  

1 comment

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment