Il patto mili­tare Grecia-Israele

Il patto mili­tare Grecia-Israele

Quando in Gre­cia Tsi­pras è andato al governo, in Israele è suo­nato l’allarme: Syriza, soste­ni­trice della causa pale­sti­nese, chie­deva di porre fine alla coo­pe­ra­zione mili­tare della Gre­cia con Israele. Di fronte alla bru­tale repres­sione israe­liana con­tro i pale­sti­nesi, avver­tiva Tsi­pras, «non pos­siamo rima­nere pas­sivi, poi­ché quanto accade oggi sull’altra sponda del Medi­ter­ra­neo, può acca­dere sulla nostra sponda domani». Sette mesi dopo, ces­sato allarme: Panos Kam­me­nos, mini­stro della difesa del governo Tsi­pras, è andato in visita uffi­ciale a Tel Aviv, dove il 19 luglio ha fir­mato col mini­stro israe­liano della difesa, Moshe Ya’alon, un impor­tante accordo mili­tare. Per tale mossa, Kam­me­nos, fon­da­tore del nuovo par­tito di destra Anel, ha scelto il momento in cui la Gre­cia era atta­na­gliata dalla que­stione del debito. L’«Accordo sullo sta­tus delle forze», comu­nica il Mini­stero greco della difesa, sta­bi­li­sce il qua­dro giu­ri­dico che per­mette al «per­so­nale mili­tare di cia­scuno dei due paesi di recarsi e risie­dere nell’altro per par­te­ci­pare a eser­ci­ta­zioni e atti­vità di cooperazione».

Un accordo simile Israele lo ha fir­mato solo con gli Stati uniti.

Nell’agenda dei col­lo­qui anche la «coo­pe­ra­zione nel campo dell’industria mili­tare» e la «sicu­rezza marit­tima», in par­ti­co­lare dei gia­ci­menti off­shore di gas che Israele, Gre­cia e Cipro con­si­de­rano pro­pria «zona eco­no­mica esclu­siva», respin­gendo le riven­di­ca­zioni della Tur­chia. Sul tavolo dell’incontro «le que­stioni della sicu­rezza in Medio­riente e Nor­da­frica». Facendo eco a Ya’alon che ha denun­ciato l’Iran quale «gene­ra­tore di ter­ro­ri­smo, la cui ambi­zione ege­mo­nica mina la sta­bi­lità di altri Stati», Kam­me­nos ha dichia­rato: «Anche la Gre­cia è nel rag­gio dei mis­sili ira­niani; se uno solo rie­sce a rag­giun­gere il Medi­ter­ra­neo, potrebbe essere la fine degli Stati di que­sta regione». Ha quindi incon­trato i ver­tici delle forze armate israe­liane per sta­bi­lire un più stretto coor­di­na­mento con quelle gre­che. Con­tem­po­ra­nea­mente il capo della marina mili­tare elle­nica, il vice-ammiraglio Evan­ge­los Apo­sto­la­kis, ha fir­mato con la con­tro­parte israe­liana un accordo di coo­pe­ra­zione su non meglio pre­ci­sati «ser­vizi idrografici».

Il patto mili­tare con Israele, sti­pu­lato a nome del governo Tsi­pras, non è solo un suc­cesso per­so­nale di Kam­me­nos. Esso rien­tra nella stra­te­gia Usa/Nato che, nell’offensiva verso Est e verso Sud, mira a inte­grare sem­pre più stret­ta­mente la Gre­cia non solo nell’Alleanza ma nella più ampia coa­li­zione com­pren­dente paesi come Israele, Ara­bia Sau­dita, Ucraina e altri. Il segre­ta­rio gene­rale Stol­ten­berg ha dichia­rato che il «pac­chetto di sal­va­tag­gio» Ue per la Gre­cia è «impor­tante per l’intera Nato», essendo la Gre­cia un «solido alleato che spende oltre il 2% del pil per la difesa» (livello rag­giunto in Europa solo da Gran Bre­ta­gna ed Estonia).

Par­ti­co­lar­mente impor­tante per la Nato la base aero­na­vale della baia di Suda a Creta, usata per­ma­nen­te­mente dagli Stati uniti e altri alleati, negli ultimi anni per la guerra con­tro la Libia e le ope­ra­zioni mili­tari in Siria. Uti­liz­za­bile ora, gra­zie al patto con la Gre­cia, anche da Israele soprat­tutto in fun­zione anti-Iran.

In tale qua­dro stra­te­gico si ricom­pon­gono i con­tra­sti d’interesse fra Gre­cia e Israele, da un lato, e Tur­chia dall’altro.

La Tur­chia, dove la Nato ha oltre 20 basi e il Comando delle forze ter­re­stri, in nome della «lotta all’Isis» bom­barda i curdi del Pkk (veri com­bat­tenti anti-Isis) e, insieme agli Usa e ai «ribelli», si pre­para a occu­pare la fascia set­ten­trio­nale del ter­ri­to­rio siriano. Appel­lan­dosi all’articolo 4 del Patto Atlan­tico, in quanto ritiene minac­ciate la pro­pria sicu­rezza e inte­grità territoriale.



Related Articles

Christian Marazzi e la nemesi del capitale

Un’intervista con l’economista Christian Marazzi. «In un capitalismo che ha distrutto la forza politica della classe operaia, i movimenti sociali, a causa anche di una crisi ormai permanente, hanno caratteristiche spurie. Dobbiamo quindi immaginare una lotta di classe che si faccia carico della sofferenza alimentata dalla crescita delle diseguaglianze».

Trump forza per la guerra all’Iran: uccide Soleimani e manda 3mila soldati

Iran/Usa. Washington infiamma il Golfo con l’omicidio del generale iraniano a Baghdad. Il parlamento iracheno: ora gli Usa via dal paese. La Casa bianca dispiega altre truppe

BNP Paribas e Deutsche Bank: le banche UE che più finanziano le bombe nucleari

  La cover del rapporto Don’t Bank on the bomb

Sono sempre loro: BNP Paribas e Deutsche Bank. Già ai vertici delle operazioni a sostegno dell’export militare italiano, figurano anche tra i gruppi bancari europei più attivi nel finanziare l’industria degli armamenti nucleari. Sono preceduti solo dalla britannica Royal Bank of Scotland nella lista delle banche europee “most heavily involved” (più pesantemente coinvolte) nel supporto ai produttori di armi nucleari. Lo documenta il rapporto Don’t Bank on the bomb (qui in .pdf) diffuso ieri a livello mondiale dalla campagna ICAN (International Campaign to Abolish Nuclear Weapons) di cui la Rete Disarmo è partner italiano.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment