Più aiuti ai rifugiati hotspot in Italia e Grecia da novembre

Più aiuti ai rifugiati hotspot in Italia e Grecia da novembre

BRUXELLES. Masticano amaro, ma si adeguano. Dopo la decisione a maggioranza dei ministri dell’Interno, che martedì hanno imposto la redistribuzione di 120mila rifugiati, i Paesi dell’Est che avevano votato contro la proposta della Commissione ieri hanno evitato nuove polemiche. E così i capi di governo europei, riuniti a Bruxelles per un vertice straordinario sull’immigrazione, hanno potuto concentrarsi sui mezzi per cercare di frenare la marea di profughi alle porte dell’Ue. Tra le decisioni anche quella di aprire i centri di identificazione in Italia e in Grecia e avviare la ridistribuzione e i rimpatri dei migranti entro novembre.
L’unico che, almeno in pubblico, continua a ribellarsi al “diktat” sulle quote è il premier della Slovacchia, Robert Fico. Ma anche lui ha moderato i toni. Mentre prima assicurava che non avrebbe mai ottemperato alla decisione di Bruxelles, ieri si è limitato a minacciare un ricorso alla Corte di Giustizia, evitando dunque di prospettare una vera ribellione alle regole comuni. Del resto la pressione sul premier slovacco è massiccia. Ieri Gianni Pittella, capogruppo socialista al Parlamento di Strasburgo, ha annunciato che chiederà la sospensione del partito di Fico dal Pse. E Hollande ha rincarato la dose: «Chi non condivide i valori dell’Europa deve interrogarsi sulla sua presenza nell’Unione».
Gli altri governi, a cominciare da quello ungherese di Viktor Orbán, capofila della guerra contro le quote, hanno annunciato che si adegueranno alla decisione presa contro la loro volontà. «L’Europa è nata per abbattere i muri, non per costituirli, caro Viktor», gli ha rinfacciato Renzi durante il summit. Orbán ha brontolato anche contro «l’imperialismo morale» della Merkel, ma ospiterà il contingente di rifugiati assegnatogli. Lo stesso i cechi, spiegando di non voler «aumentare la tensione». I romeni, pure loro contrari, si spingono a dire che la gestione della quota loro assegnata «non sarà un problema».
Sgomberato il campo dalla questione più spinosa, i capi di governo ieri hanno potuto discutere di come affrontare l’emergenza rifugiati alle radici. La prima mossa è quella di cercare di rendere più sopportabile la situazione nei campi profughi che ospitano i siriani in Turchia, Giordania e Libano. Ieri è stato deciso di aumentare di un miliardo di euro il contributo europeo alle agenzie Onu che assistono i rifugiati nella regione. Anche i finanziamenti diretti ai governi di Ankara, Beirut e Amman verranno aumentati. Per la Turchia, il cui presidente Erdogan sarà a Bruxelles il 5 ottobre, si parla di un miliardo di finanziamenti. La somma messa a disposizione dalla Commissione per l’emergenza rifugiati è stata aumentata da 4,6 a 9,5 miliardi. Parte di questa cifra andrà anche a potenziare sia il programma per la creazione degli hotspot, sia gli interventi di Frontex per il rimpatrio degli immigranti irregolari che non hanno diritto all’asilo politico. È questo un punto su cui l’Italia insisteva molto, e che è stato inserito nelle conclusioni finali. «A me sembra che oggi si sia fatto un passo significativo, è una notte importante per l’Italia — ha commentato Renzi — si va verso un superamento degli accordi di Dublino». In plenaria Renzi ha ricordato che «quando c’era la questione dell’idraulico polacco, l’Europa non si è fermata, si è fatta carico di unire, non di chiudersi».


Related Articles

Il capitalismo dello choc pandemico e l’impunità dei dominanti

Le analisi sul mondo globale nel 18esimo rapporto sui diritti globali. Il 2020, con la pandemia di Covid-19, ha portato e sta residuando un drastico peggioramento nei diritti e nelle libertà, così come nella condizione sociale ed economica di milioni di cittadini

«Sultan Erdogan», la bomba sui Balcani

«Sultan Erdogan», «Sultan Erdogan» hanno urlato 15mila “turchi d’Europa” che gremivano domenica scorsa il palazzetto di Zetra a Sarajevo, con sventolio di bandiere turche e bosniache

L’onda islamica e quel modello turco (quasi) Impossibile

Il segnale di quel che poi sarebbe accaduto con le primavere arabe si poteva cogliere già  cinque anni fa, quando Hamas trionfò alle elezioni palestinesi. Elezioni che erano state fortemente volute dall’Amministrazione americana di Bush, nella convinzione che i laici del Fatah le avrebbero vinte agevolmente. Invece accadde il contrario, con un corollario di sorprese aggiuntive, come quella dei molti arabi-cristiani di Palestina che preferirono le promesse dei fondamentalisti di Gaza alle dubbie certezze dell’Anp di Abu Mazen.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment