Ankara: «Operazione anti-Pkk insieme all’Iran»

Ankara: «Operazione anti-Pkk insieme all’Iran»

Medio Oriente. Teheran pigliatutto: torna l’ambasciatore del Qatar, si amplia la cooperazione energetica con l’Iraq (i cui leader sciiti fanno la fila alla corte dei Saud) e con le compagnie straniere e si delinea un coordinamento militare con il rivale turco. Poco conta l’Iranofobia di Trump

A quasi tre mesi dall’isolamento del Qatar da parte di Arabia saudita, Bahrein, Egitto e Emirati, ieri Doha ha annunciato il ritorno in Iran dell’ambasciatore.

«Lo Stato del Qatar – si legge in una nota del Ministero degli Esteri – ha espresso l’intenzione di rafforzare i legami bilaterali con l’Iran in tutti i campi». Torna, quindi, la rappresentanza diplomatica un anno e mezzo dopo il ritiro, a seguito della crisi esplosa per l’esecuzione a Riyadh del leader religioso sciita al-Nimr.

La decisione segue al sostegno commerciale – apertura dello spazio aereo e invio via mare di derrate alimentari – fornito dalla Repubblica Islamica a Doha (alle prese con la chiusura dei confini terrestri imposto dalle petromonarchie) e alle attività congiunte di sviluppo del South Pars, ricchissimo giacimento sottomarino di gas naturale.

Nessun commento dall’Arabia saudita né dagli Stati satellite, sebbene tra le 13 richieste mosse al Qatar per interrompere il boicottaggio collettivo ci sia la rottura definitiva dei rapporti diplomatici con gli Ayatollah.

Teheran plaude al ritorno dell’ambasciatore, annuncia l’ampliamento della collaborazione energetica con l’Iraq (paese i cui leader sciiti stanno facendo la fila alla corte dei Saud) e segna un punto anche in campo saudita, a sentire il ministro degli Esteri Zarif: dopo il pellegrinaggio alla Mecca, l’Hajj, i due rivali potrebbero scambiarsi visite ufficiali.

«Sono stati rilasciati i visti da entrambe le parti per effettuare il viaggio – ha detto Zarif, affabile volto dell’Iran moderato che intende ergersi a potenza regionale riconosciuta – L’Iran ha sempre voluto avere buone relazioni con i vicini».

Teheran pigliatutto: l’«Iranofobia» dell’amministrazione Trump, condita dai noti pruriti bellici israeliani, non limita la Repubblica Islamica nella regione né fuori. L’Iran avanza, forte della vincente strategia in Siria, dell’accordo sul nucleare (che sta portando ai primi, miliardari, contratti con compagnie straniere) e della veste di mediatore che il presidente Rouhani gli ha cucito addosso.

E ora guarda alla Turchia su una questione che accomuna due paesi dall’antica rivalità, radicata da secoli di guerre tra imperi persiano e ottomano: quella kurda.

A prospettare un’operazione Ankara-Teheran in Iraq contro il Pkk (e le sue filiali siriana, Ypeg, e iraniana, Pjak) è stato lo stesso presidente turco Erdogan, lunedì: «Un’azione comune contro gruppi terroristici è sempre in agenda».

Subito è giunta la smentita delle Guardie Rivoluzionarie («Non abbiamo in mente alcuna operazione fuori dai confini della Repubblica Islamica») ma per più di una fonte la possibilità non è affatto remota: una cooperazione militare frutto di un incontro storico (la prima visita, il 15 agosto, di un capo di Stato maggiore iraniano ad Ankara dal 1979) e del riavvicinamento di Astana, con l’intesa siglata da Turchia, Iran e Russia per le zone di de-escalation in Siria.

Una possibilità che si affaccia a un mese esatto dal previsto referendum per l’indipendenza del Kurdistan iracheno, costantemente in forse a causa delle pressioni dell’alleato Usa ma che ha già fatto lanciare alla Turchia minacce di intervento contro un’entità, Erbil, che con Ankara intesse ottimi relazioni diplomatiche e commerciali.

FONTE: Chiara Cruciati, IL MANIFESTO


Tags assigned to this article:
Arabia SauditaIranKurdistanPkkQatarTurchia

Related Articles

Israele attacca ancora in Siria, 23 morti in un raid

Le vittime in buona parte sarebbero consiglieri militari della Forza al Quds, l’unità di elite dei Pasdaran iraniani. Tra i morti anche due civili. Netanyahu flette i muscoli ma la Russia condanna il raid

Una giungla di bande e tribù, serve un’alleanza con i libici per sconfiggere i jihadisti

Lo scenario. Un intervento militare straniero potrebbe aumentare il caos ed è temuto dalle grandi società petrolifere Ma ormai il problema che si pone è solo il “quando” e il “come”

Stati uniti e Russia. Obama, uscita d’insicurezza

Ora siamo alle sanzioni a Mosca e alla cacciata dei diplomatici russi dagli Stati uniti. Eppure c’è il rischio che l’attribuire a Putin ogni malefatta e responsabilità per le elezioni presidenziali Usa può portare acqua al suo mulino

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment