Edward Snowden contro Mr. Facebook «E poi il criminale sono io»

Edward Snowden contro Mr. Facebook «E poi il criminale sono io»

Durante i due giorni che hanno visto il Congresso «interrogare» Mike Zuckerberg, milioni di persone sono state incollate alla diretta di questo fuoco di fila di domande più o meno precise e di risposte più o meno vaghe.

PER GLI OSSERVATORI è stato chiaro il divario tra le due udienze; durante quella del Senato era palpabile la scarsa conoscenza dell’argomento da parte dei senatori, e l’atteggiamento più deferente verso l’interrogato, capace di regalare un’impressione finale ben riassunta da Dan Pfeiffer, ex consulente senior di Obama: «Sarebbe bello vedere Zuckerberg interrogato da persone che sanno come funziona Facebook».

Non è andata così quando l’audizione si è spostata alla Camera, e i deputati hanno ripetutamente interrotto e rimproverato Zuckerberg, richiedendo risposte secche che mettevano in difficoltà il Ceo.
Le impressioni e i commenti che questo secondo e ben più incisivo round di domande hanno generato negli osservatori, si sono concentrate sulla constatazione di come il «problema» non sia per forza legato solo a Facebook, ma a ogni azienda digitale che in qualche modo produce una versione di questo tipo di sistema; l’ha fatto notare Kevin Roose, commentatore di aspetti tecnologici del New York Times. «Questo è un piccolo esempio di una sorta di decisione che si accumula nel tempo e passa inosservata fino a quando succede qualcosa di brutto – ha scritto Roose – È successo qualcosa di brutto, quindi ora ne stiamo parlando. Ma a Facebook non sono finiti a costruire macchine di sorveglianza per sbaglio. È stato un insieme consapevole di scelte che hanno fatto ed erano orgogliosi di aver fatto, fino a poco tempo fa».

LE MAGGIORI CRITICHE a Zuckerberg sono arrivate dalle Electronic Frontier Foundation, Eff, e da Edward Snowden, che su di un’altra piattaforma, quella di Twitter, hanno commentato l’udienza.

Le Eff, organizzazione no profit di avvocati e legali per la tutela dei diritti e delle libertà digitali, hanno fatto notare che non si tratta solo di Cambridge Analytica: «Questo non è probabilmente un incidente isolato perché questo modello (di pubblicità basata sulla sorveglianza ndr) persista, entrambe le parti del patto devono conoscere la posta in gioco»; in altri momenti hanno smascherato contraddizioni che il Congresso non ha notato, come quando Zuckerberg ha sottolineato che diversi movimenti di attivisti hanno avuto inizio su Facebook; Eff ha subito sottolineato che in realtà «Facebook ha una storia di censura di movimenti politici e di altri attivisti in tutto il mondo»o – riportando l’audizione su un piano pragmatico – «La cosa più evidente che Facebook ancora non sta dicendo è: ‘Da ora in poi raccoglieremo meno dati su di te’. Perché una volta che i dati sono stati raccolti non c’è mai un modo per renderli sicuri».

EDWARD SNOWDEN è stato ancora più duro: «Nel caso vi stiate chiedendo perché il Congresso tratti l’amministratore delegato di Facebook come un vecchio amico piuttosto che metterlo alle strette (non hanno nemmeno richiesto che prestasse giuramento): qua c’è la risposta» e ha linkato un articolo del quotidiano mainstream Usa Today dove si dettagliavano i finanziamenti di Facebook alle campagne elettorali dei rappresentanti del Congresso che hanno interrogato Zuckerberg.
E quando Alan Rappeport, giornalista di politica economica per il New York Times ha fatto notare che «Zuckerberg non è in grado di dare una risposta diretta se Facebook ha traccia delle attività di navigazione dopo che gli utenti si sono scollegati», il commento un po’ sconsolato di Snowden è stato: «E poi dicono che il criminale sono io».

FONTE: Marina Catucci, IL MANIFESTO



Related Articles

La rivoluzione permanente oggi scende in piazza con le donne

Dal cielo alla terra. Obiettivi concreti, capacità organizzativa, grazie alla Rete e ai Social, ma che non avrebbe raggiunto la rilevanza di oggi se non avesse ripreso la passione femminista

Svalutare la laurea non risolve i problemi

Il presidente del consiglio e il suo governo hanno dunque deciso di rinviare la decisione di abolire il valore legale della laurea universitaria. Non trattandosi di una materia che rivesta particolare urgenza c’è tutto il tempo per decidere con ponderazione e anche per aprire una consultazione nel Paese.

Carceri segrete della CIA in Europa. Rivelazioni del Washington Post

NULL TERRORISMO: CARCERI SEGRETE CIA, INDAGINI INFORMALI UE/ ANSA SITI NERI, DETENUTI FANTASMI E TORTURE INCOMPATIBILI CON CARTA (di Marisa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment