34.361 i migranti morti nel Mediterraneo

Calano gli sbarchi, ma a che prezzo

LA STAMPA • 16/12/2018 • Contenuti in copertina, Rapporto 2018 • 1262 Viste

Se dal primo gennaio al 2 dicembre 2017 gli arrivi di
migranti via mare sono stati 164.908, di cui 117.120
in Italia, e le vittime 3.113, di cui 2.844 nella rotta centrale
verso l’Italia, nello stesso periodo del 2018 gli
arrivi sono stati 107.583, di cui 23.011 in Italia, con
2.133 morti, 1.285 nella rotta verso l’Italia.
Calano gli sbarchi, dunque, ma a che prezzo? «La rivendicazione
di aver fermato o quasi il flusso migratorio
da parte dei rispettivi ministri dell’Interno e dei governi
Gentiloni e Conte è fondata e confermata dai numeri»,
osserva Sergio Segio, che da 16 anni cura il
Rapporto Diritti Globali, promosso dalla Cgil e da altre
organizzazione impegnate nel sociale. Infatti, tra il 16
luglio 2016 e il 15 luglio 2017, la frequenza era di 532
migranti arrivati al giorno, tra il primo giugno e il 30
settembre di quest’anno è di 61. «Ciò su cui entrambi
tacciono è il prezzo pagato», puntualizza Segio.
I migranti morti nel Mediterraneo dal 1993 al 5 maggio
2018 sono 34.361: si tratta delle sole morti documentate,
il numero reale stimato è sensibilmente maggiore

DOMENICA 16 DICEMBRE 2018 LA STAMPA

Allegati scaricabili

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This