Bimba di 4 anni muore. Il padre denuncia: «Uccisa da un respingimento dei greci»

Bimba di 4 anni muore. Il padre denuncia: «Uccisa da un respingimento dei greci»

Sarebbe morta durante un’operazione di respingimento messa in atto dalla Guardia costiera greca la bambina di appena 4 anni il cui corpo è stato trovato nelle acque del mar Egeo dalle motovedette turche. A denunciarlo è stato il padre della bambina, Mohammed Fadil, un cittadino iracheno che è tra le 46 persone tratte in salvo dai guardacoste di Ankara al largo della costa sudoccidentale turca di Kusadasi.

Il gruppo di migranti si trovava a bordo di un gommone in difficoltà quando è stato intercettato da alcune unità delle Guardia costiera di Atene. «C’erano onde forti», ha raccontato l’uomo. «Pensavamo che fossero venuti a salvarci. Ci hanno detto di spegnere il motore. Poi hanno legato la nostra barca alla loro, iniziando a farci girare in cerchio. Hanno provato a ucciderci. Sono riuscito a salvare due miei figli, ma non l’altra», ha proseguito Fadil, citato dall’agenzia di stampa Anadolu. «E’ stato così disumano, hanno cercato di ucciderci».

Non sono note le nazionalità dei migranti, tra cui ci sono diversi bambini secondo quanti riferito dalla Guardia costiera turca che è intervenuta con tre mezzi navali e un elicottero.

Nel 2018 sono stati 56 mila i migranti intercettati mentre cercavano di raggiungere l’Europa lungo la rotta del Mediterraneo orientale, un terzo in più rispetto al 2017. A riferirlo è l’agenzia europea Frontex secondo la quale l’aumento si spiega in gran parte con il maggior numero di profughi che ha attraversato il confine di terra fra Turchia e Grecia, mentre il totale di quelli intercettati nel mar Egeo orientale è pressoché in linea con il 2017. Più che raddoppiato. invece, il numero di persone arrivate a Cipro. Afghanistan, Siria e Iraq sono i Paesi d’origine più rappresentati. Circa una persona su cinque, infine, ha dichiarato di aver meno di 18 anni, mentre i minori non accompagnati sono stati circa 4mila.

* Fonte: IL MANIFESTO



Related Articles

Ipocrisie europee

Lo scontro interno alle destre europee, con il governo italiano preso tra l’incudine del suo elettorato e il martello dell’Europa di Merkel e Sarkozy, indica sia la deriva populista che l’ipocrisia della solidarietà  alle rivolte del Maghreb.

Libertà per Patrick Zaki: il governo italiano si dice non coinvolto

Diritti umani. Ricordiamolo: un atto di indirizzo votato dal parlamento obbliga il governo ad agire. Che il capo del governo abbia dichiarato che non è coinvolto lo trovo un fatto grave

Migranti. La nave ea-Watch 4 arriva a Trapani con 456 salvati

Mediterraneo. Nuovo naufragio, davanti alle coste libiche di Zawya affiorano i corpi di undici persone. Sbarchi autonomi a Lampedusa e in Puglia. Dall’inizio dell’anno sono 10.107 gli arrivi via mare

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment