Da Vicenza via Aviano i marines verso l’Iraq

Da Vicenza via Aviano i marines verso l’Iraq

A 48 ore dal raid non è trapelata alcuna informazione sul paese da cui è decollato il veicolo senza pilota che ha sganciato i missili contro il convoglio partito dall’aeroporto della capitale irachena.

L’amministrazione Trump ha imposto il totale silenzio per evitare frizioni con i paesi partner in prima linea nelle operazioni di guerra con droni killer. Il governo italiano ipocritamente ha omesso di informare l’opinione pubblica e il Parlamento del ruolo chiave della base siciliana di Sigonella, da oltre un decennio piattaforma di lancio e centro strategico per le trasmissioni-guida dei veicoli senza pilota Usa.

Altrettanto deprecabile il tentativo di ridimensionare i rischi di eventuali ritorsioni per i militari italiani impegnati nelle missioni in Iraq, Afghanistan, Libano e Corno d’Africa; anche se i vertici delle forze armate hanno ordinato il rafforzamento delle misure di sicurezza e diffidano a pensare a eventuali ridimensionamenti dei contingenti schierati. Eppure, le ipotesi più credibili vedono tra gli scali militari da cui sarebbe partito l’attacco Usa, in particolare Kuwait City e Gibuti, istallazioni dove operano stabilmente reparti italiani.

Inoltre ancora a Gibuti imprese italiane private sono impegnate nelle opere di ampliamento delle piste e degli hangar in cui sono ospitati i Reaper Usa già utilizzati nei mesi scorsi in bombardamenti e omicidi extra giudiziari in Somalia, Yemen e Iraq.

Intanto le prime unità della 173° brigata aviotrasportata dell’esercito Usa di stanza a Vicenza (aeroporto Dal Molin e Camp Ederle) hanno già raggiunto l’Iraq via Aviano, base aerea strategica e nucleare di Us Air Force.

Prevedibile poi che l’escalation comporterà il trasferimento in Medio Oriente dei carri armati e delle munizioni stoccati nell’ Hub toscano di Camp Darby via Livorno e aeroscalo di Pisa. Le trasmissioni ai droni via Sigonella e Muos di Niscemi (CL), la mobilitazione di tutte le maggiori installazioni Usa e Nato in Italia, l’allarme rosso nelle basi operative delle forze armate in Medio Oriente e Africa, sono la prova evidente che la frontiera italiana si è proiettata ormai a ridosso di Teheran e Baghdad.

* Fonte: Antonio Mazzeo, il manifesto

ph United States Air Force [Public domain]



Related Articles

NUCLEARE Da chi viene la minaccia?

Mi auguro che il fatto che uno scriteriato dittatorello tenga con il fiato sospeso il mondo intero con la folle minaccia di un attacco nucleare faccia ragionare un minimo la gente, se non è obnubilata dalla retorica dei mezzi di (dis)informazione.

Siria. Il morso delle sanzioni

Colpito per la prima volta il petrolio siriano che non è tantissimo ma costituisce i due terzi delle entrate nel bilancio dello stato. E a rimetterci anche in questo caso è l’Italia Si cominciano a sentire gli effetti delle misure prese da Usa e Ue

War Tour: partenze e arrivi

Al Pentagono lo chiamano «repositioning», riposizionamento di forze militari. È il grande Tour della guerra, le cui località  preferite sono in Asia e Africa. In partenza dall’Iraq le truppe Usa. Immanuel Wallerstein la definisce «una sconfitta paragonabile a quella subita in Vietnam», perché i «leader politici iracheni hanno costretto gli Stati uniti a ritirare le truppe» e «il ritiro è stato una vittoria per il nazionalismo iracheno».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment