«Bolsonaro genocida», gli indigeni portano il presidente del Brasile all’Aia

«Bolsonaro genocida», gli indigeni portano il presidente del Brasile all’Aia

Di denunce contro Bolsonaro la Corte penale internazionale sta facendo collezione. Sei quelle finora depositate, tra cui quella per crimini contro l’umanità, presentata da due leader indigeni noti a livello internazionale, Almir Suruí e Raoni Metuktire.

L’ultima in ordine di tempo, depositata dall’Apib (Articulação dos Povos Indigenas do Brasil) il 9 agosto, nella Giornata internazionale dei popoli indigeni, ha tuttavia qualcosa di speciale: è stata elaborata da un’’équipe di avvocati indigeni sotto la guida del coordinatore giuridico dell’Apib Eloy Terena.

«Sono in corso in Brasile – ha denunciato l’avvocato – azioni che si configurano come crimini contro l’umanità, genocidio ed ecocidio.

Considerando l’incapacità del sistema di giustizia brasiliano di indagare, processare e punire tali azioni, le denunciamo dinanzi alla comunità internazionale attraverso la Cpi».

Alla base dell’accusa di genocidio, l’adozione da parte di Bolsonaro di «una politica anti-indigena esplicita, sistematica e intenzionale», diretta a trasformare «organismi e politiche pubbliche prima dedite alla protezione dei popoli indigeni in strumenti di persecuzione», allo scopo di «creare una nazione senza indigeni».

* Fonte: il manifesto



Related Articles

In Arabia Saudita carcere e 300 frustate per 49 immigrati in sciopero

Arabia Saudita. Diritti negati e casse statali dissanguate dalle guerre perse in Yemen e Siria: a pagare lo scotto della crisi sono centinaia di migliaia di lavoratori, senza stipendio da mesi e puniti per aver protestato

Lo staff di Alfano sapeva Così arrivò il via libera al blitz

Il ruolo del capo gabinetto del Viminale e dei vertici della Polizia

Femministe gitane

I MOVIMENTI DEL XXI SECOLO
«Siamo state zitte per troppo tempo, ora vogliamo essere il motore del cambiamento». Dalla Spagna all’America latina, crescono i movimenti di donne rom. Che dimostrano la forte vitalità  di un popolo vittima di pregiudizi e razzismo. E di un forte sessismo interno alla stessa comunità  zingara. Ecco chi sono e quali sono le loro rivendicazioni in vista del secondo Congresso mondiale che si svolgerà  a Helsinki

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment