Rapporto “Insicuri da morire”, al lavoro come in guerra

Rapporto “Insicuri da morire”, al lavoro come in guerra

I numeri sono quelli di una guerra, quella dei lavoratori morti sul lavoro, 6.300 vittime ogni giorno nel mondo. Una guerra che riguarda anche l’Italia, con 1.221 lavoratori morti nel 2021, in leggera flessione rispetto al 2020 (1.270 vittime accertate), ma con un aumento del 12,1% rispetto al 2019, prima della pandemia, quando i decessi erano stati 1.089. Ne parla il libro ”Insicuri da morire – Le vittime sul lavoro nel mondo” che sarà presentato giovedì 21 aprile, alle 20,15, alla Camera del Lavoro di Milano, a ridosso della Giornata Mondiale dedicata dall’International Labour Organization e dal sindacato mondiale a questa quotidiana tragedia
Il Covid è stato un nuovo fronte bellico, nel quale dal gennaio 2020 al febbraio 2022 sono caduti 835 lavoratori. In gran parte (88,1%) nel settore Industria e Servizi, in particolare nella sanità e assistenza sociale (21,6%), nel trasporto a magazzinaggio (13,4%), nelle attività manifatturiere (11,6%). La Regione più colpita è stata la Lombardia con il 24% delle vittime, seguita dalla Campania con il 13,7%. Dati da considerare ancora suscettibili di aumenti, avverte l’INAIL.
Anche a livello dell’Unione Europea il quadro è comunque drammatico, con l’ultimo dato rilevato che parla di 3.408 decessi e l’Italia al secondo posto dopo la Francia e seguita dalla Germania (rispettivamente 491, 803 e 416 decessi).
Il libro, che inaugura una nuova collana editoriale i Quaderni dei Diritti Globali, nata in occasione dei vent’anni di pubblicazione del Rapporto sui diritti globali, vuole far luce sui motivi delle morti sul lavoro, ” risultato di un sistema che costringe un grande numero di persone a vivere in condizioni tossiche e a lavorare correndo rischi mortali”. ”L’obiettivo di diminuire gli incidenti, e di accrescere la sicurezza sul posto di lavoro – scrivono i curatori del libro – è dichiarato da tutti, ma gli strumenti per realizzarlo non sono garantiti, in un mercato del lavoro polverizzato e aleatorio, con i sistemi di controllo e prevenzione e le risorse necessarie dolosamente insufficienti”. All’evento, oltre ad autori del libro e ai responsabili della Camera del Lavoro e della CGIL, interverranno, tra gli altri, Nicolas SCHMIT, Commissario europeo per l’occupazione, gli affari sociali e l’integrazione.
L’iniziativa sarà presentata in una conferenza stampa presso la Camera del Lavoro di Milano (Sala Teresa Noce) martedì 19 aprile alle 10,30

***

QUI la registrazione integrale video della presentazione del libro Insicuri da morire, tenuta alla Camera del Lavoro di Milano, promossa da Associazione Società INformazione, Fight Impunity, CGIL Milano

Qui la rassegna stampa dell’evento: insicuri-da-morire-rassegna-stampa-21-aprile-low

Il libro è acquistabile in versione ebook   (4,99 euro) e in versione cartacea (13 euro) nelle principali piattaforme o ordinabile presso gli editori



Related Articles

DIRITTI GLOBALI 2011: SEGIO,RIBELLARSI E’ GIUSTO E POSSIBILE

(ANSA) – ROMA, 08 GIU – ”Il Maghreb ci ha insegnato,
giacche’ lo avevamo dimenticato, che ribellarsi e’ giusto
e talvolta diviene possibile”. Sergio Segio apre cosi’, nella
sua introduzione, il Rapporto Diritti Globali 2011, una disamina
dell’Italia e del mondo che si sofferma su vari aspetti, dal
welfare all’ambiente.

TTIP. Il mondo è in vendita

Sempre di più viene inserita nei trattati di libero scambio la possibilità per un’azienda privata di citare in giudizio davanti a un arbitrato internazionale uno Stato

DROGHE: UNA QUESTIONE DI DIRITTI UMANI. SABATO 25 GIUGNO A MILANO

Sabato 25 giugno, a Milano, alla vigilia della della Giornale mondiale sulle droghe indetta dalle Nazioni Unite, se ne parlerà da una prospettiva forse insolita ma molto pertinente: quella dei diritti umani. Diritti che la “war on drugs” viola quotidianamente in tutto il mondo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment