Covid. Oltre 260mila contagi sul lavoro dall’inizio della pandemia

Covid. Oltre 260mila contagi sul lavoro dall’inizio della pandemia

Dall’inizio della pandemia allo scorso 30 aprile l’Inail ha registrato 260.750 denunce di contagio sul lavoro da Covid e 858 denunce di casi mortali. Questi contagi sono pari a circa un quinto del totale delle denunce di infortunio pervenute da gennaio 2020 e all’1,6% del complesso dei contagiati nazionali comunicati dall’Istituto superiore di sanità alla stessa data. Rispetto al numero totale dei contagiati in Italia questi dati potrebbero essere addirittura sottostimati.

In ogni caso, tra gennaio e aprile 2022, sono stati denunciati più di 63 mila contagi sul lavoro. I casi in più rispetto alla fine di marzo sono 15.358. I casi mortali rilevati al 30 aprile, sono 858, cinque in più rispetto al dato di fine marzo. Dunque il tasso di mortalità da contagi Covid è in diminuzione a fronte dei 576 decessi del 2020 e dei 276 registrati nel 2021. Tuttavia non sembrano al momento rallentare i contagi.

Fino allo scorso 30 aprile il 76% delle denunce pervenute dall’inizio della pandemia è stato riconosciuto positivamente dall’Inail, generando nella stragrande maggioranza dei casi (95%) un indennizzo. Per i casi mortali, invece, la percentuale di riconoscimento si attesta provvisoriamente al 63%. Gli indennizzi sono quasi interamente costituiti da inabilità temporanee (99%), con il restante 1% suddiviso tra menomazioni permanenti (circa lo 0,7%) e rendite a superstiti per casi mortali (inferiori allo 0,3%). In media ogni infortunato da Covid-19 si assenta dal proprio posto per quasi un mese.

L’età media dei lavoratori contagiati è di 46 anni per entrambi i sessi, con la fascia d’età 50-64 anni al primo posto con il 41,2% delle denunce, seguita dalle fasce 35-49 anni (36,6%), sotto i 35 anni (20,2%) e sopra i 64 anni (2,0%). Gli italiani sono l’87,9%, mentre tra i lavoratori stranieri la nazionalità più colpita è quella rumena, con più di un’infezione su cinque, seguita dalle comunità peruviana (12,4% dei contagiati stranieri), albanese (8,0%), moldava (4,5%), svizzera (4,3%) ed ecuadoriana (4,0%).

Milano è la provincia con più denunce in aprile, seguita da Roma, Torino, Genova, Brescia e Napoli, ma i maggiori incrementi percentuali rispetto al mese precedente sono stati rilevati nelle province di Cagliari, Isernia, Salerno, Venezia, Chieti, Teramo, Messina e Vibo Valentia. Quattro contagi di Covid sul lavoro su 10 sono concentrati nel Nord-Ovest (41,0%), seguito da Nord-Est (22,7%), Centro (16,5%), Sud (13,9%) e Isole (5,9%).

* Fonte/autore: Mario Pierro, il manifesto



Related Articles

Precarietà e disoccupazione le ricette di Renzi e Poletti

Job Act. Anche gli economisti del Fmi dicono che tra la flessibilità e il lavoro non c’è un rapporto di causa-effetto

France Télécom sotto processo per mobbing e i suicidi dei lavoratori

La fabbrica dei suicidi. È un processo epocale quello contro l’azienda di Tlc francese (oggi Orange), l’allora amministratore delegato e sei ex alti dirigenti accusati di mobbing

SE L’ATTICO DI KNIGHTSBRIDGE FA TREMARE I FONDI PENSIONE

Un meccanismo di trasmissione del contagio Brexit è lo scoppio della bolla immobiliare inglese

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment