Caso Cucchi, carabinieri condannati per «falso» a poche ore dalla prescrizione

Caso Cucchi, carabinieri condannati per «falso» a poche ore dalla prescrizione

La Corte d’Assise di Appello di Roma ha inflitto 3 anni e 6 mesi di reclusione al maresciallo Roberto Mandolini e a 2 anni e 4 mesi al carabiniere Francesco Tedesco

 

Quando mancavano poco più di sette ore alla prescrizione del reato, scattata ieri a mezzanotte, la Corte d’Assise di Appello di Roma ha condannato a 3 anni e 6 mesi di reclusione il maresciallo Roberto Mandolini e a 2 anni e 4 mesi il carabiniere Francesco Tedesco per il reato di falso nell’ambito del processo bis per l’uccisione di Stefano Cucchi.

Era stata la corte di Cassazione, ad aprile, a disporre un appello bis solo per i due militari accusati di aver attestato il falso nel verbale d’arresto (confermata invece la condanna a 12 anni per omicidio preterintenzionale ad Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, i due carabinieri che pestarono il geometra romano mentre era in stato di fermo).

Potrebbero ora ricorrere in Cassazione di nuovo e sfruttare la prescrizione, i due esponenti dell’Arma: Mandolini, che nell’ottobre 2009 era comandante della stazione Appia dove venne portato Cucchi dopo il pestaggio, e Tedesco, il carabiniere che aveva assistito alle violenze ma non parlò per anni fino a quando, durante il processo bis, decise di rompere il muro di omertà e accusò i suoi due colleghi.

Per l’avvocato Fabio Anselmo, legale di Ilaria Cucchi, Mandolini è «responsabile esattamente come gli autori dell’omicidio di Stefano, perché se avesse fatto il suo dovere e non avesse fatto quei falsi probabilmente il caso Cucchi non sarebbe mai esistito».

* Fonte/autore: Eleonora Martini, il manifesto



Related Articles

Sentenza storica a Roma: «Illegittimo respingere il migrante che chiede asilo»

Il Tribunale civile di Roma accoglie il ricorso presentato da 14 profughi eritrei

Canale di Sicilia, “quei corpi come in una fossa comune”

Canale di Sicilia. Dalla ghiacciaia del barcone ormeggiato al porto di Pozzallo sono stati estratti i cadaveri dei migranti morti soffocati. I soccorritori, sconvolti, evocano immagini terribili che ricordano di aver visto “solo nei libri di storia”. I superstiti, quasi seicento persone, raccontano di aver subito violenze dai libici. Sempre ieri, altre centinaia di persone sono sbarcate a Palermo e Trapani

Il ministro Orlando, garantista ma non per i profughi

Il ministro all’inaugurazione dell’anno giudiziario difende i due gradi di giudizio. Ma quando si tratta dei diritti dei richiedenti asilo le cose cambiano

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment