Scuola mortale. Un altro ragazzo vittima degli stage obbligatori in azienda

Scuola mortale. Un altro ragazzo vittima degli stage obbligatori in azienda

L’incidente vicino Venezia. La vittima aveva 18 anni e studiava in un istituto tecnico

Un’altra giovane vittima, un altro studente morto durante uno stage in azienda. L’incidente è accaduto ieri a Noventa di Piave, in provincia di Venezia, verso le 5 del pomeriggio nella ditta Bc Service, specializzata nella lavorazione del metallo. La vittima è Giuliano De Seta, un ragazzo di 18 anni di Ceggia.

Era studente di un istituto tecnico di Portogruaro e seguiva uno stage lavorativo per maturare i crediti per il diploma. Secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri, l’incidente è avvenuto poco prima della chiusura dell’azienda: il giovane è rimasto ucciso da una lastra di metallo caduta da un cavalletto che gli ha schiacciato le gambe. Inutili i soccorsi. Il ragazzo è morto pochi minuti dopo. Sul posto è intervenuto anche lo Spisal, il Servizio prevenzione igiene sicurezza ambienti di lavoro dell’Ulss locale, i cui tecnici stanno cercando di mettere a fuoco la dinamica della tragedia.

L’incidente che ha ucciso Giuliano è avvenuto a poca distanza da quello capitato il 21 gennaio scorso al giovane Lorenzo Parelli, anche lui schiacciato da una putrella mentre eseguiva un lavoro di carpenteria metallica nell’azienda meccanica Burimec, nella zona industriale di Lauzacco, in provincia di Udine. Anche Lorenzo stava seguendo un progetto di alternanza scuola-lavoro e studiava nell’Istituto superiore Bearzi di Udine, gestito dai salesiani.

Lorenzo e Giuliano non solo le sole vittime di incidenti avvenuti durante gli stage obbligatori in azienda, previsti dalla riforma del 2015 (la cosiddetta «Buona scuola») . Il 14 febbraio scorso è morto il 16enne Giuseppe Lenoci, impegnato in uno stage in una impresa termoidraulica di Fermo, nelle Marche, mentre era a bordo di un furgone dell’azienda. Ancora più lunga la lista dei ragazzi feriti in questi stage obbligatori, alcuni dei quali hanno riportato pesanti traumi.

«L’alternanza scuola-lavoro non è altro che un lavoro non retribuito deregolamentato e che può durare anche due mesi. Uno sfruttamento che ingrassa le imprese di produzione e di servizi», ha commentato Sergio Zulian dell’Adl Cobas del Veneto. In questi stage, spiega il sindacalista, «la sicurezza è un optional e a farne le spese sono soprattutto gli studenti in stage che hanno meno esperienza dei lavoratori. Con la scusa di imparare il mestiere, i ragazzi non solo vengono sfruttati ma viene insegnato loro che è giusto così: lavorare è una fortuna per pochi privilegiati e devono accettare quello che viene loro offerto senza stare a sindacare sui diritti salariali e contrattuali».

L’Adl Cobas propone di «sostituire l’alternanza scuola-lavoro con l’alternanza lavoro-scuola», conclude Zulian. «Ai lavoratori va data la possibilità di studiare e di migliorare la loro formazione professionale frequentando corsi culturali negli orari di lavoro».
Sulla tragedia di Noventa di Piave interviene anche il leader Pd Enrico Letta: «Morire sul lavoro a diciotto anni per uno stage: una tragedia che lascia attoniti, agghiacciati. Non può succedere. Non deve succedere».

* Fonte/autore: Riccardo Bottazzo, il manifesto



Related Articles

Ttip, «il grande business detta l’agenda»

Sabato scatta la settimana internazionale di mobilitazione contro il Trattato transatlantico sul libero scambio che sta spaccando l’Europa

Tunisia. Sciopero di massa contro il tagli ordinati dal Fondo Monetario

Nelle piazze del paese 670mila dipendenti pubblici e cittadini per l’aumento del salario. La più grande mobilitazione da 5 anni contro il governo accusato di riforme di austerity per non perdere i prestiti del Fondo monetario internazionale

Quelle slot machine che entrano nelle case con l’ok dello Stato

 Mille nuovi giochi autorizzati online

Forse è solo un esempio in più di un’Italia in cui si predica in un senso di marcia e si razzola nell’altro. È il Paese in cui i partiti della maggioranza chiedono liberalizzazioni, ma bloccano le gare sulle concessioni demaniali.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment